Enjoy food, travels and life

Tempo fa in questo post qui, raccontavo che la cucina inglese, quella della tradizione, non è affatto male, anzi; mentre in questo post qui raccontavo di come persino il cane di casa rifiutasse i pasti che cercavo di rifilargli.
Potrebbe sembrare un controsenso, ma in realtà il problema è che oggigiorno la cucina tipica è stata sopraffatta da quella dei fast food, il piacere di stare ai fornelli è stato surclassato da uno stile di vita così pigro che stenterei a crederlo possibile se non lo avessi visto con i miei stessi occhi e la cultura sul cibo e la sua qualità rasenta lo zero.
Tanto per intenderci, la mia ospite di York definiva suo un piatto di spaghetti con polpette che era il risultato di un assemblaggio di noodles (giammai li definirei spaghetti) in scatola precotti assieme a sugo pronto, polpette pronte congelate e ripassate nel sugo e poi tutto bellamente riscaldato nel microonde per due minuti.
'Na delizia! Non potete immaginare che delizia.
Ma forse è bene non immaginarsela va!
I tre salti mortali carpiati con avvitamento della mia cistifellea di quella notte sono ben vividi nella mia memoria.

Eppure per mangiare decentemente non occorreva fare chissà che, bastava andare alla ricerca di qualche locale che facesse cucina tipica, che come ho detto in apertura è molto buona. Noi però, avendo pochissimo tempo a disposizione per la pausa pranzo e cercando di non spendere un patrimonio visto che stavamo via un intero mese, non avevamo modo di farlo tutti i santi giorni per cui spesso andavamo nella più vicina bakery per comprare un pranzo da asporto che fosse economico e il più sano possibile.
E la nostra scelta era sempre quasi la stessa: ossia delle jacket potatoes fumanti.

Come preparare le Jacket potatoes fatte in casa ricetta perfetta inglese patate ripiene perfect recipe

Di questo piatto ne esistevano una marea di varianti, da quelle con pollo al curry, con straccetti di carne, alle tikka masala, fino alla nostra, quella con insalata e salse varie e da cui noi chiedevamo di togliere le salse.
Ogni volta che facevamo questa richiesta ci strabuzzavano gli occhi come se stessimo comprando qualcosa che non sapeva di niente, praticamente erba.
In realtà poi aggiungevamo verdure in scatola acquistate a parte e scelte in modo che la lista degli ingredienti sull'etichetta non fosse formata da più di quattro voci, ma questo i commessi della bakery non lo sapevano di certo.
Nonostante che avessimo provato un bel po' di varianti la nostra preferita era sempre quella classica di base su cui adagiavamo una noce di burro che si scioglieva in un secondo.
Qua sotto riporto quindi la versione di base, ossia semplice con burro (favolosa!) e quella con crème fraîche e erba cipollina.

Jacket potatoes

Preparazione: 15 min.Cottura: 45-60 min.Riposo: 3 min.
Porzioni: 4 Kcal/porzione: 320 circa (burro)
Ingredienti:

  • 4 patate da 200 g circa l'una
  • 20 g di olio extravergine di oliva
  • Sale q.b.
Condimento a scelta:
  • 60 g di burro
  • 400 g di crème fraîche
  • Erba cipollina q.b.
  • 60 g di maionese (o altre salse a piacere)
Preparazione:

  1. Accendere il forno in modalità statica a 220°C.
  2. Scegliere patate non troppo farinose e con forma piuttosto grossa, regolare e ovale. Lavarle grattando bene la buccia da eventuali residui di terra.
  3. In un capiente sacchetto di plastica versare l'olio e un generoso pizzico di sale, unire le patate e mescolarle nel sacchetto in modo che il sale e l'olio le rivestano uniformemente.
  4. Trasferire le patate in una teglia rivestita con carta forno leggermente unta, bucherellarle con i rebbi di una forchetta un po' dappertutto e poi infornarle.
  5. Dopo 10 minuti abbassare la temperatura a 180°-200°C e lasciarle cuocere per 35-45 minuti o più a seconda della dimensione delle patate. Per controllare la cottura basterà provare l'affondamento di uno stecchino di legno nelle 4 patate. Se non incontrerà alcuna resistenza allora saranno cotte.
  6. Prelevarle dal forno, trasferirle su un tagliere con l'aiuto di una spatola facendo attenzione a non scottarsi perché saranno roventi. Affondare la punta del coltello nella patata per qualche centimetro incidendo la buccia e la polpa formando una croce. Con le dita e con i pollici di tutte e due le mani premere velocemente sulla parte bassa di ciascuno dei quarti ottenuti spingendo verso il centro in modo che la patata si apra e fuoriesca.
  7. Servire su un piatto e adagiare su ogni patata il condimento scelto.
Note:

Si consuma anche la buccia che se ben cotta darà ulteriore consistenza al piatto.
www.zonzolando.com © - All rights reserved

Ripensandoci credo proprio che le jacket potatoes abbiamo costituito il mio piatto sopravvivenza in Inghilterra, come potrei non amarle?

16 commenti:

  1. mamma mia che buoneeee...le ho sempre adorate! ciao cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ale! Seppur semplici sono molto buone. P.S. Stavi da favola col vestito tirolese :-)

      Elimina
  2. io le adoro, potrei viverci, soprattutto con la panna acida mi ci tufferei dentro pure, mmmmmmmmmmm
    meraviglia allo stato puro direi. Mica te ne è avanzata una per caso?!
    Sarebbe ora di colazione ma fa niente, dai.... ;)
    Bacione e buon we

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha pure io ci farei un bel tuffo, ma a colazione proprio non ce la farei ehhehe Bacioni e grazie!

      Elimina
  3. Ottimo veramente buono posso immaginare il tuo avvitamento...:)
    L'unica cosa che un mio amico che è rimasto a Londra per questioni di lavoro per quasi un anno era la carne che lui sul piccolo fornelletto di nascosto cucinava.
    Ciaooo cara buona domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io cucinavo quando mi lasciavano da sola. Ho anche provato a chiedere se potevo cucinare per loro ma alla fine fra orari e mancanza di ingredienti non ci sono mai riuscita. Ciao e buona domenica anche a te :-)

      Elimina
  4. Senti tesoro,io adoro le patate e cucinate così ancora non le ho provate,ma si puo'?La noce di burro che si fonde sopra soavemente,mi ha fatto dimenticare gli avvitamenti della mia cistifellia sulle golosità inglesi,forse solo perché ormai non ce l'ho più!Mi hai fatto sorridere,ingolosire e strabuzzare gli occhi!Un bacio stella!
    Mi spiace che tu abbia problemi a commentare,non riesco a capire :(...quando puoi mi spieghi meglio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio non sapevo Damiana, te l'hanno tolta? Sì, ho problemi a scrivere nel box. In pratica compilo tutto ma quando faccio invio non pubblica niente e rifacendo lo stesso procedimento mi dice che l'ho già pubblicato, ma alla fine non esce mai niente... mah! Baci!!

      Elimina
  5. adoro la panna acida e questa ricetta è perfetta semplice e veloce, buona domenica !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Chiara, buona domenica anche a te! :-)

      Elimina
  6. Ohh si le adoro. Sono una di quelle cose che non mi faccio mai mancare quando vado in Inghilterra o negli states. Sono davvero deliziose e la cremina ci sta una meraviglia

    RispondiElimina
  7. mi piace tantissimo, una delle cose che mangio di più quando vado in giro

    RispondiElimina
  8. beh qui da me le jacket potatoes le facciamo in tanti modi, anche con i fagioli o col tritato di manzo o anche accompagnato al tonno. :)
    mi son messa tra i tuoi followers, spero vorrai ricambiare, grazie!!
    That’s amore

    RispondiElimina
  9. Sono buonissime, mi piacciono un sacco!! :)

    RispondiElimina
  10. mamma che buona queste patate, le ho mangiate una volta e son squisite, avrei voluto assaggiar tutte le versioni sicuramente, baci cara!

    RispondiElimina
  11. Grazie a tutti di cuore, spero di poter contraccambiare presto le visite. Buona serata amici! :-)

    RispondiElimina

Torna su