Enjoy food, travels and life

So che non si dovrebbe partire così, non è proprio lessicalmente corretto, ma ecco nero (in realtà al momento è #444 ;-) ) su bianco quello che proprio mi verrebbe dal cuore:
No, cioè... Ma dico... Non c'avete idea!
Tante box così non si erano mai viste tutte assieme. Robe da record!
Sarà che è tanto che non aggiorno questa rubrica, sarà che di cose belle luglio ce ne ha regalate un sacco, ma anche questa volta ho dovuto selezionare e comprimere tutti i bei momenti. Ecco qua sotto il risultato finale, il resoconto del mese di luglio, il nuovo appuntamento con la "Zonzolando's Serendipity Box", la scatola che serve a ricordare i piccoli grandi piaceri della vita cogliendo il meglio di ciò che ci offre.

Troppo spesso le nostre giornate sono riempite di pensieri e preoccupazioni tendendo a dimenticare il bello che nella vita c'è (sempre!). Con questa scatola voglio immortalare, se non tutto, gran parte delle cose belle che riempiono la mia/nostra vita quotidiana (ma che potrebbe essere anche quella di tutti), dalle grandi alle piccole cose che ci rendono felici e, ancora meglio, sereni.

Come raccontavo nello scorso post questo mese è stato dedicato più allo zonzolare a destra e a manca che ai fornelli o pubblicazioni su questo blog. E quando si zonzola si sa che i momenti di serendipity traboccano da tutte le parti no?
Partiamo subito con la Serendipity Box n° 98:
  1. Una bella zonzolata in moto fra le montagne trentine. Fra curve e tornanti fare lo zaino umano di Massi non è per niente male. Fermarsi in un bel prato verde lontano da tutti, pranzare alla buona con un paio di panini improvvisati e godersi il momento di pace. Son cose!
  2. Sfornare muffin con un sacco di frutti di bosco appena raccolti in una zonzolata. Non dico il profumo che pervadeva la casa non appena pronti e il piacere di trovarseli a colazione.
  3. Quando anche sul lavoro si riesce a staccare per festeggiare qualcuno o qualcosa. Ritrovarsi tutti insieme a fare comunella nonostante gli impegni e lo stress. Quanto bene che fa.
  4. Una bellissima mostra a Palazzo delle Albere a Trento dove l'uso della tecnologia permette di imparare divertendosi.
  5. La colazione: quel rituale a cui non so rinunciare e che mi accende la giornata nel migliore dei modi.
  6. Decidere all'ultimo secondo di fare un picnic serale dopo una giornata di lavoro. L'arte di arrangiarsi per accendere il fuoco e cucinare. La felicità che regalano le cose semplici e improvvisate con la promessa di replicare al più presto.
  7. I compleanni dei bambini, i loro visi emozionati, i giochi, i ricordi inevitabili che vengono a galla di tenera vita vissuta.

Altra box, altri tanti bei momenti nella Serendipity Box n° 99:
  1. Marco, la sua pasta e il fatto che l'ha preparata apposta per noi. Uno dei pochi intrepidi umani rimasti sulla faccia della Terra che nonostante sappiano che sono una food blogger hanno il coraggio (?) di cucinare per me. E meno male che esistono quelli come te Marco perché al contrario di quel che si pensa io mangio e apprezzo tutto. Grazie non solo per la tua favolosa pasta (che sappi che poi la replico appena arrivano le nostre melanzane dell'orto) ma anche per la tua allegra compagnia. :-)
  2. Lui e lei per mano e il cane libero nel mezzo. Questa foto ci è stata scattata a nostra insaputa da una conoscente che passando ci ha visti così e ha detto: "Non potevo non farvela, siete bellissimi!" Grazie Glenda, non so se siamo bellissimi noi ma la foto è stupenda.
  3. Avere la fortuna di poter lavorare, essere indipendenti, sentirsi utili.
  4. Dopo una zonzolata in salita rinfrescarsi con una bella birra fresca e godere di una vista da sogno fra le montagne attorno.
  5. Poteva mancare un buon gelato nelle mie box? No, eh!
  6. Proprio con l'intento di replicare il bellissimo picnic serale dopo lavoro, ci siamo un attimo organizzati meglio tanto che ci siamo fatti pure il caffè. Che momenti! :-)
  7. Sì, sono loro! Immortalate purtroppo già intaccate ma sono inconfutabilmente loro: le mie deliziose focacce riuscite. Quando decido di fotografarle non vengono mai, escono sempre delle cialde dure. Ma stavolta ce l'ho fatta. Prossimamente su questi schermi. ;-)

Abbatto il muro delle raccolte a due cifre con la Serendipity Box n° 100:
  1. La maionese fatta a mano. Strappo al bicipite, tendini lesi, acido lattico alle stelle, incapacità di sollevare il braccio per tre giorni e pensare per ogni singolo secondo di preparazione: "Ma chi me lo ha fatto fare?!?!" Eppure poi son soddisfazioni!
  2. Gli uomini e quando giocano a chi ce l'ha più bello e grosso. Il quadricipite! Non pensiamo subito male, eh!
  3. "Cialdona?" Ecco la domanda del commesso ogni volta che mi vede al bancone. Non ho speranza. Che poi mi regala pure sempre tre cialde in più, lo adoro!
  4. Una zonzolata in montagna: salire fino in vetta, sentire della musica quando si è quasi in cima, svettare e scoprire che al rifugio c'è un raduno di ballerini di tango che danzano su una pista improvvisata. Godersi due spettacoli: le montagne e lo show.
  5. La bellezza di questa insalata: i suoi colori, i suoi abbinamenti.
  6. Scegliere un aperitivo (quello verde) che faceva a dir poco schifo. E detto da me è grave! Dividere l'altro con Massi: è questo il bello.
  7. Ma quanto è bello Passo Coe? Zonzolateci! :-)

Oh mammina quanto ho da scrivere ancora! Via con la Serendipity Box n° 101:
  1. Il riepilogo di una cena speciale in un posto speciale. Se vi interessa il racconto dettagliato lo trovate qui.
  2. Quando il gioco si fa duro, i duri... fanno colazione! E che colazione!
  3. I biscotti della fortuna: non tanto per leggere l'augurio all'interno in sé di cui mi frega ben poco, ma per gli errori grammaticali delle frasi. Gente che li scrive e stampa non me ne vogliate, ma che risate!
  4. Quanti chilometri assieme, quanti posti, quanti ricordi. Ricordare così le mie adorate compagne di miriadi di zonzolate campestri e dare il benvenuto a quelle che ne accompagneranno di nuove. Sì, avevo decisamente bisogno di cambiare scarpe da trail running.
  5. Il mio Lui, il mio ironman trionfante con le braccia al cielo alla fine di una super gara di sky run. Non so se era più felice lui di essere arrivato al traguardo battendo il suo tempo obiettivo, o io a vederlo sano e salvo e così fresco. GRANDE MASSI!!!

Ci siamo, questa è l'ultima. Ecco la Serendipity Box n° 102:
  1. "Te sei pazza!" - "Eh già, sono quindici anni che lo sono!"
  2. La colazione pre-partenza: quella che vuoi buona e sostanziosa perché senti l'aria di vacanza, quella che senti nello stomaco assieme alle farfalle, quella che ti augura buon viaggio.
  3. Volare, stare fra le nuvole, guardare la terra da un punto di vista che rende tutto più bello e leggero. Gli aerei in orario, i viaggi senza intoppi, i piloti bravi, zonzolare con bagagli piccoli, quando il posto accanto a te è vuoto.
  4. Praga: l'ho amata!
  5. Quando negli alberghi ti fanno trovare un pensierino, proprio quando meno te lo aspetti. Evviva! Si brinda!
  6. Le coincidenze che ti fanno ridere e che ispirano battute.
  7. Udon con verdure saltate e gamberi: non ne avrei mai abbastanza.
  8. Quelle rarissime volte in cui Mail del lavoro, con tutte le caselle da controllare che ho, è vuoto. Robe da gridare al miracolo!

L'aforisma di questa raccolta da record è:
"Non ci sono fatti, solo interpretazioni."
(Friedrich Nietzsche)


Con questa frase adesso sono sicura che mi partirà una buona mezz'ora di elucubrazione acuta.
Un caro saluto e a presto! :-)

2 commenti:

  1. Belle come sempre le tue box e i tuoi aforismi.
    Complimenti al tuo ironman per la gara di sky run.

    RispondiElimina
  2. quanta meraviglia, sai che amo la tua rubrica e subito penso alle serendipity! baci cara!

    RispondiElimina

Torna su