Enjoy food, travels and life

Credo che durante una zonzolata non ci sia niente di più bello che poter coniugare la scoperta di un nuovo posto con l'assaggio dei piatti, o dei prodotti tipici locali che lo contraddistinguono.

Nonostante che oramai vi sia una forte globalizzazione e si possano trovare ristoranti etnici dove poter gustare piatti alternativi di altre culture, trovo che vi sia sempre una certa differenza fra l'"originale" e ciò che ci viene servito, vuoi per i prodotti utilizzati (talvolta difficili da reperire), vuoi per agevolare e andare incontro a certi gusti della clientela, o culturali.
Del resto avete mai mangiato la pizza, o un piatto di spaghetti all'estero? E' raro trovare un posto che sappia farli veramente a regola d'arte. Esistono è vero, ma sono rarità. Direi che quindi è lecito pensare anche l'esatto contrario con piatti tipici esteri qua in Italia, no?
In un viaggio per me è quindi una prerogativa imprescindibile l'assaggiare ciò che la cucina del luogo propone.

L'assaggio in sé non è però solo lo scoprire nuovi gusti e sapori, né solo questione di pura curiosità o vedere la differenza fra ciò che immaginavo o avevo assaggiato in Italia, ma è anche entrare in una delle radici più forti e significative che una cultura può offrire.

Il cibo locale non è un semplice piatto, è un simbolo.
Il cibo locale, non è un mix ben combinato di ingredienti: è storia, cultura, tradizione, un elemento identificativo di una nazione che proprio nell'accezione di quest'ultimo termine estende i suoi limiti ben oltre i confini statali e declina una marea di varianti su zone territoriali peculiari.

Tutto questo per dire che quando ci è capitato di poter zonzolare alle Isole Keys io non sarei tornata a casa senza aver assaggiato una fetta della famosissima Key Lime Pie, ovviamente cercando di memorizzare ogni singolo dettaglio per riprovarla anche a casa. E così è stato! :-)

Ricetta perfetta per la Key lime pie originale delle isole caraibiche ultimate key lime pie recipe

Devo ammettere che, visto il clima, un simile dolce dal forte sentore di agrumi è perfetto per combattere il caldo e umido tropicale.
Le radici storiche di questo dolce pare che affondino (almeno come leggenda) su ricette elaborate da pescatori che in mare, per evitare lo scorbuto causato da scarsa assimilazione di Vitamina C, realizzavano questo dolce con pochissimi ingredienti base quali uova, latte ridotto a confettura grazie allo zucchero e succo di lime.
Sembra che la base biscottata e la cottura siano state introdotte successivamente visto che i pescatori non disponevano di forni. In pratica i rischi batterici dovuti alle uova venivano ridotti (ma non eliminati) grazie all'acido citrico dei lime e l'azione di addensamento avveniva grazie al latte condensato mescolato al succo spremuto.
Ovviamente oggigiorno per scongiurare ogni possibile rischio la torta viene cotta in forno.


Come ho detto ho provato a memorizzare ogni dettaglio della torta che abbiamo assaggiato qui.
Abbiamo avuto modo di provare solo una delle tante ricette in circolazione su questo arcipelago di isole, dove ogni locale afferma di detenere la ricetta della versione originale.

Non sappiamo dire se quella che abbiamo assaggiato noi fosse l'originale, nonostante che la titolare ce lo abbia dato per certo, ma visto che era proprio buona ecco allora qualche dettaglio che ci siamo segnati:
  • Il sapore è fortemente agrumato, ma non esagerato e comunque dolce.
  • La consistenza è morbida e cremosa se appena uscita dal frigo, quasi colante se rimane fuori più a lungo.
  • Dentro il ripieno non c'è scorza di lime.
  • Base biscottata sottile, circa mezzo centimetro; ripieno generoso, almeno 3-4 cm.
  • Il colore non è verde ma giallo tenue, dovuto al succo di lime e ai tuorli.
  • La decorazione è con panna montata (poco zuccherata). Nessuna meringa, né glassa.

Per riprodurla a casa sarebbe meglio usare i lime provenienti dalle Florida Keys, ma è difficile trovarli qui in Italia. Sono più piccoli e più acidi. Io ho utilizzato quelli che ho trovato al supermercato e devo dire che sono rimasta piuttosto contenta.


Appena tornati a casa, come avevo scritto su Facebook oramai un bel po' di tempo fa, mi sono cimentata in un po' di sperimentazioni fra cotture e bilanciamenti di dosi, ed ecco qua il risultato che mi è parso più simile a quello che ho assaggiato e che ho fotografato appena uscito dal frigo e tagliato.

Key Lime Pie

Preparazione: 30 min.Cottura: 20 min.Riposo: 4 ore o +
Porzioni: 8 Kcal/porzione: 480 circa
Ingredienti:

Per la base:
  • 250 g di biscotti secchi (tipo Graham Crackers o Digestive)
  • 70 g di burro
  • 50 g di zucchero
Per il ripieno:
  • 80 ml di succo di lime (circa 4)
  • 400 ml di latte condensato
  • 4 tuorli
Per la decorazione:
  • Scorza e qualche fetta di un lime non trattato
  • 100 ml di panna da montare
  • 20 g di zucchero a velo
Preparazione:

  1. Per preparare la base lasciare ammorbidire il burro a temperatura ambiente e frullarlo poi con i biscotti e lo zucchero. Rivestire una teglia del ø 20 cm dai bordi svasati con uno strato uniforme di biscotti risalendo anche sui bordi. Compattare bene e lasciare a riposare in frigo per tutto il tempo della preparazione del ripieno.
  2. Accendere il forno a 180°C in modalità ventilata.
  3. Grattugiare a filetti la scorza di un lime che verrà tenuta per la decorazione assieme a qualche fettina sottile e poi spremerli e filtrarli pesando 80 ml di succo.
  4. Montare i tuorli sino a che non saranno spumosi e gonfi. Montare a parte per 5 minuti il latte condensato e poi unire le uova, montare per altri 5 minuti e infine unire il succo dei lime. Montare ancora per qualche istante in modo da amalgamare bene il tutto.
  5. Versare il ripieno, che dovrebbe risultare morbido e liscio, nella crosta di biscotto tirata fuori dal frigo e infornare per 20 minuti.
  6. Sfornare, lasciare raffreddare completamente e poi metterla in frigo per almeno 4 ore, o in abbattitore.
  7. Per la decorazione (che è bene fare poco prima di servire) montare la panna con lo zucchero a velo a neve ben ferma, poi trasferirla in un sac à poche e decorare la torta a piacimento utilizzando anche la scorza e qualche fettina di lime tenuta da parte.
www.zonzolando.com © - All rights reserved

Per noi era deliziosa! Sparita, volatilizzata! Giuro che abbiamo fatto fatica a smettere di mangiarla.

38 commenti:

  1. sai da quanto tempo mi ripropongo di provare a farla?! Poi desisto sempre...ma deve essere di un buono...ma di un buono....da svenimento....
    bacioni e buonissima serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarà che a me è piaciuta un sacco, sarà che non pubblico una ricetta se non sono convita, ma questa per me è proprio buona! :-) Baci!!

      Elimina
  2. mamamia quant'è bellaaaaaa...non la conoscevo ma che voglia mi hai messooooo...la devo fareee! Baci cara (evviva l'occhio nero ;D)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' proprio tipica delle Keys, sono felice di avertela fatta conoscere... Viva l'occhio nero aahahhaha ●_o

      Elimina
  3. Non ricordavo che questa torta andasse in forno ma poco conta,é di una bellezza tesoro e poi il contrasto del limone con la dolcezza del latte condensato é davvero uno spettacolo di puro piacere!! Bacioniiiiiii,Imma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Va cotta per via delle uova, se però vuoi provare una versione vegana si possono omettere le uova e metterla in congelatore fino a poco prima il momento di servire :-) Bacioni!

      Elimina
  4. Questa mi piacerebbe proprio provarla!!!!! Immagino sia buonissima!!:)
    Un bacione!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A noi è piaciuta proprio un sacco. :-) Baci anche a te!

      Elimina
  5. Mi sembra quasi un peccato tagliarla, è davvero molto bella e immagino quanto sia buona :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha è più un peccato quando finisce ;-) Un abbraccio Giovanna.

      Elimina
  6. da far venire l'acquolina in bocca!
    amelie

    RispondiElimina
  7. Approvo tutto ciò che hai scritto... Questa lime pie... deve essere strepitosa! Io amo i dolci agrumati.. e interessante è il ripieno.. solo 3 ingredienti??? che robaaaaaa... un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì solo tre nel ripieno, è molto semplice :-) Bacioni!

      Elimina
  8. meravigliosa, e quei ciuffi di panna? goduria, come ti dicevo l'ho fatta anche io ma vedi la mia vedi la tua....un abisso, la mia è già inabissata, brava elena!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aahhaha Ma no Lilli! Sono sicura che sia deliziosa anche la tua :-) Baci!

      Elimina
  9. La devo provare. Poi ti faccio sapere.
    Grazie per la ricetta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne sarei felicissima e mi raccomando se riesci mandami una foto che la inserisco nella rubrica Your Turn :-) Bacioni!

      Elimina
  10. ah cara! Che ricordi alle isole Keys! Questa torta la adoro... quella che faccio io assomiglia tantissimo a quella mangiata in là, certo non è uguale... anche solo per l'aria ed il panorama che si godevano durante la degustazione... ;) la tua è semplicemente meravigliosa... che voglia!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah quanto hai ragione, anche solo essere là con tutta quell'atmosfera fantastica cambia il gusto :-) Baci e grazie!

      Elimina
  11. Davvero bella da vedere, il gusto purtroppo posso solo immaginarlo..sob....sob

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' agrumato e dolce allo stesso tempo, morbida nel ripieno e croccante sbriciolosa alla base. Insomma un mix irresistibile :-) ehehhee Baci

      Elimina
  12. adoro la key lime pie anche se è parecchio calorica...io la feci mesi fa ma più bassa perché me la stavo mangiando tutta, troppo buona, irresistibile ma con la meringa! la tua davvero sontuosa, altissima, che mi guarderò sempre però dal fare perché morirei di picco glicemico! davvero bella, complimenti cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai Ale che alla fine non è più calorica di tanti altri dolci sebbene fatta così alta? Lo zucchero è già nel latte condensato, né formaggi, né burro (nel ripieno) o altro e la panna è proprio poca, solo in decorazione. C'è molto di peggio eheheheh La meringa non la metto solo per restare aderente alla versione originale che abbiamo assaggiato ma mi riprometto di provarla come variante alternativa e golosa :-) Bacioni!

      Elimina
  13. quanta ne ho mangiata e non mi bastava mai a key west, erano solo trenta anni fa che ricordi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehehehe come ti capisco!!! Grazie Gunther :-)

      Elimina
  14. Ma questo pie è meraviglioso!!!!! Lo devo fare, assolutamente! Un bascione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Provalo Supercuoca Patty e poi mi dirai :-)

      Elimina
  15. che delizia,uno strato super goloso,super abbondante di crema profumata,grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente d'obbligo un bello strato alto, altrimenti che dolce americano sarebbe ;-) ehehhe Baci!

      Elimina
  16. senza parole ...una vera bomba di bellezza e bonta'...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie carissima Cinzia! Un abbraccio!

      Elimina
  17. Mai fatta, mai mangiata, tra non molto sarà il mio compleanno, dovrò farne una che riesca a "sopportare" il peso di totcandeline :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se l'età è proporzionale alla saggezza, alla bontà delle tue ricette e alla simpatia allora non puoi che esserne felice :-) Un abbraccio cara SuperLibera!

      Elimina
  18. non amo le torte con il limone, ma questa è davvero bella da vedere, magari la faccio x amici e parenti ;9

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Eh.. bisogna amarli i dolci dai toni agrumati è vero... :-)

      Elimina
  19. Irresistibile questo dolce...pochi ingredienti e tanta bontà!!!
    baciotti ^__^

    RispondiElimina

Torna su