Enjoy food, travels and life

Se qualcuno mi chiedesse qual è il mio primo piatto preferito avrei una sincera difficoltà nel rispondere. Mi verrebbero sicuramente in mente gli spaghetti all'amatriciana, le lasagne ai porri e senz'altro gli spätzle verdi alla panna e speck. C'è poco da fare, li adoro, ne mangerei a quintali e non mi stufano mai.

Nonostante che mi piacciano così tanto mi sono accorta di non averne mai pubblicata la ricetta; eppure avevo promesso di pubblicarla "presto" in questo post qui che è datato 15 novembre 2011.
No, dico... son passati quasi tre anni!
Con la saggezza del detto "meglio tardi che mai", ecco che finalmente mi son decisa a raccontare di questo piatto, fatto, rifatto e strafatto in casa Zonzolando e a fotografarlo, cosa che si è rivelata più difficoltosa che mai visto che non mi veniva una foto decente manco a pagarla oro.

spatzle gnocchetti tedeschi come prepararli in casa ricetta con spinaci buonissima - easy german spatzli spinach gnocchi

La prima volta che li ho assaggiati è stata quando ho iniziato a frequentare il Trentino grazie a Massimiliano; prima di allora non li avevo neanche mai sentiti nominare.

Gli spätzle non sono altro che un tipo di gnocchetti irregolari originari della Svevia e Baviera (Germania meridionale), ma popolari piatti della tradizione anche in Austria, Svizzera e in Trentino-Alto Adige sotto diversi, anche se molto simili, nomi.
Per prepararli si utilizza un apposito strumento (ne ho scattata una foto in questo post qui), o in alternativa uno schiacciapatate a fori larghi.

Spätzle di spinaci alla panna e speck

Preparazione: 15 min.Cottura: 10 min.Riposo: nessuno
Porzioni: 6 Kcal/porzione: 500 circa
Ingredienti:

  • 200 ml di latte intero
  • 4 uova
  • 450 g di farina 00
  • 250 g di spinaci cotti ben strizzati¹
  • 200 ml di panna
  • 50 g di speck a fette
  • 60 g di Trentingrana (o Parmigiano Reggiano)
  • Sale q.b.
Preparazione:

  1. Passare al frullatore gli spinaci già cotti e strizzati molto, molto bene.
  2. Amalgamare in una ciotola tutti gli ingredienti assieme con una frusta ottenendo un composto fluido, ma consistente (non liquido insomma).
  3. In una pentola a bordi alti portare a bollore l'acqua e salarla.
  4. Nel frattempo in una padella antiaderente scaldare la panna.
  5. Con l'apposito strumento (o in alternativa con uno schiacciapatate) tuffare gli spätzle nell'acqua bollente e raccoglierli con una schiumarola una volta venuti a galla.²
  6. Versarli nella padella con la panna, mescolare delicatamente e poi unire lo speck tagliato a pezzetti e il formaggio grattugiato.
Note:

  1. In alternativa agli spinaci si possono impiegare biete.
  2. N.B.: è importante che il composto abbia la giusta consistenza per non rischiare che gli gnocchetti si disfino completamente una volta tuffati in acqua. Questo potrebbe essere dovuto al fatto di non aver strizzato bene gli spinaci. E' consigliabile fare una prova con una piccola dose di composto e verificare che rimangano solidi; se così non fosse, allora unire altra farina al composto.
www.zonzolando.com © - All rights reserved

Provateli a casa, o approfittate di una bella zonzolata qua in Trentino-Alto Adige per gustarli; sono un piatto tipico favoloso. Non ve ne pentirete!

18 commenti:

  1. Io non li ho mai fatti... nè mangiati.. forse è ora anche per me?? Salvo la ricetta .. la proverò!! Un abbraccio.. sono in chiusura blog.. ci rileggiamo presto!!!! :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara, buone vacanze! Un abbraccio :-)

      Elimina
  2. Panna e speck non sbaglia MAI è un evergreen, il piatto comfort e il piatto da mangiare con le grandi compagnie.. Buoni gli spatzle, grande piatto della cucina trentina!
    Smuack, a presto Zonzolina :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contento che tu l'abbia provato e che ti sia piaciuto. Io lo adoro e hai ragione, l'abbinamento panna e speck è super ! Bacioni

      Elimina
  3. Tanto vintage quanto buoni !!! Fare gli spatzle in casa regala molta soddisfazione... nonostante riduca sempre il fornello in condizioni pietose. Non ho ancora imparato a fare un lavoro chirurgico con quell'aggeggio !!! Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente anche io facevo delle belle zozzerie sui fornelli, ma poi ci si prende la mano. Adesso lo muovo meno avanti e indietro e cerco piuttosto di pressare con qualcosa il composto. Baci anche a te!

      Elimina
  4. li conosco e mi piacciono tantissimo ! Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa davvero piacere! Grazie e un bacio anche a te.

      Elimina
  5. sai che ho finalmente comperato la mitica grattugia! Ora non mi resta che sperimentare...e provare questa degna ricettina, yes!
    bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente sì, adesso non ci sono più scuse. Comunque in alternativa puoi utilizzare uno schiacciapatate. Spero tanto che ti piacciano! Un abbraccio :-)

      Elimina
  6. ho acquistato l'apposito attrezzino quasi un anno fa: sarà ora di provarlo???
    grazie per aver condiviso questa ricetta
    amelie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, è! Bisogna provarla assolutamente questa delizia :-) Bacioni e grazie a te per il commento :-)

      Elimina
  7. Buoni! Piatto ricco mi ci ficco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehehhe hai proprio ragione Fra! Bacioni

      Elimina
  8. Io li conosco moooolto bene e li adoro!! :-)
    Voi sarete in trentino nei prossimi dieci gg? Io sarò a Rovereto e dintorni dal 16 al 24...magari riusciamo a beccarci! Un bacetto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh lo so bene che li conosci :-) Sai che non so dirti... mi sa proprio che ci sposteremo più o meno nello stesso periodo. Nel caso ti faccio un fischio :-)

      Elimina
  9. Sai che non li ho mai assaggiati ma si vede che sono ottime ....devo comperare l'attrezzo !!!bellissima la foto brava come sempre

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cinzia, fotografarli non è molto semplice. Sono davvero molto buoni, non ho mai conosciuto qualcuno finora che non li abbia apprezzati. Provali se ti va :-)

      Elimina

Torna su