Enjoy food, travels and life

Prima una premessa, direi quasi d'obbligo: questo post non l'avrei mai scritto se non mi fosse stato più volte richiesto. Mai e poi mai avrei pensato di scriverlo e mai e poi mai penserò che costituisca qualcosa di anche solo vagamente professionale, tecnicamente buono o peggio ancora del tipo "faccio foto fighe, e me ne vanto" (lungi da me dal pensarlo, anzi). D'altro canto penso che se posso rendermi utile con il poco che so, mi metto a disposizione molto più che volentieri e con questo post spero di chiarire meglio come faccio le foto (anche se più volte l'ho già scritto nei vari blog che chiedevano) e di come le sistemo.

Detto questo passiamo a come mi arrabatto più o meno spesso con queste benedette foto zonzolose in cucina.

Meglio che faccio pure la seconda premessa va: sono del tutto autodidatta, per cui non attendibile, ergo non è oro colato quel che scrivo. Faccio del mio meglio però eh!
Ho fatto un corso di fotografia quattro anni fa di quattro uscite, dove non facevamo altro che andare in giro a fare foto più o meno a caso. Le più carine furono poi prese per fare una mostra di paese. Niente di tecnico, niente su programmi ecc. Quindi direi che non vale e quindi di non contarlo.
Tanto per la cronaca una foto della mostra era questa qui. Fu intitolata "Lui e lei". Fu uno shot del tutto casuale che riscosse un po' di successo e simpatie soprattutto in analogia alla coppietta che io e Massi siamo.

Autodidatta dicevo, ma non del tutto sprovveduta però! Ho letto molto infatti: riviste, blog, siti, libri e soprattutto il manuale della mia macchina fotografica, dove (devo dirlo onestamente) non ho trovato granché. Il risultato che il lettore del blog vede è solo tanta pratica, tanta osservazione, tante ricette impiattate, tante foto (buttate parecchie, tenute poche) e tanta cocciutaggine (oddio lo so che se il mio Massi legge adesso, se la ride facendo sì, sì con la testa). Ah! Dimenticavo pure qualche piatto freddo da riscaldare perché proprio non voleva farsi fotografare.
Sì, ci sono pure i patti:
a) timidi: non viene una foto decente manco se li minacci di passarli al mixer;
b) quelli arrabbiati che fumano e appannano tutto l'obiettivo e quindi bisogna aspettare un attimo;
c) i trasformisti: li tiri fuori dal forno che son una meraviglia e nel giro di tre secondi hanno cambiato colore, si sono afflosciati o gli è successo qualcosa per cui sono irriconoscibili;
d) quelli a cui non serve nemmeno dire "Cheese" tanto son in posa e belli già da sé (rari, molto rari).

Mi dilungo, è vero, cerco di andare per ordine andando al sodo.

1) L'informazione più importante: che macchina uso? La mia macchina è una Sony Nex-C3 obiettivo 18-55 mm e recentissimamente è entrato anche a far parte del mio kit "il coso" ossia un riflettore pieghevole ø 80 cm che mi ha regalato Massi per pura pietà viste le giornate corte invernali, da usare in alternativa allo specchio (vedi accorgimento 2 sotto).

Come fanno le blogger a fotografare i piatti tecniche foto consigli

Per la cronaca (e due!) non avete idea di che cavolo di fatica ho fatto per trovare il nome di sto coso! Manco Massi che l'ha comprato se lo ricordava. Dopo un po' di ricerche in Internet ho scoperto che si chiama "Riflettore pieghevole", ma io non me lo ricorderò mai!
Per me in casa rimarrà dunque "il coso", "il coso tondo", "il coso per le foto".
Le immagini di esempio sopra sono prese da Web.

La macchina la uso per pigrizia nell'80% dei casi in automatico con messa a fuoco manuale e sempre senza cavalletto, anche questo per pigrizia e per tempo (del resto il piatto mi si fredda, non so voi!).
"Il coso" lo sto usando parecchio ultimamente perché con l'arrivo della stagione fredda la luce è diminuita un bel po' e tende al grigio.

2) Scenari, sfondi, mise en place: ecco qualche esempio.


Si va dai semplici canovacci a camicie in disuso ritagliate, vecchie federe di cuscini, pigiami e tanta tanta roba riciclata.
Per gli sfondi utilizzo poi vassoi, foulard, tavole in legno, e soprattutto il bancone bianco della mia grande e luminosissima cucina.
Anche con le mise en place mi posso sbizzarrire. Io in casa ho solo un servizio di piatti, numeroso sì, ma uno solo. Tazze, tazzine, piattini e robe varie, o mi sono state regalate, o le ho prese in prestito da mamma, suocera e zia (che collaborano con tantissimo piacere e a volte si divertono più di me!), o le ho prese con le raccolte punti del supermercato.
Altre volte sono cose riciclate da gelaterie o locali di altro genere tipo coppette, cucchiaini o palette.
Ho comprato davvero pochissime cose. Questo perché mi sono imposta di non spendere molto in chincaglierie. Del resto è un blog da cui non traggo reddito e quindi cerco di ridurre al minimo le spese.

3) Il tema più difficile, ma anche indispensabile: la luce.
Fotografo praticamente sempre con luce naturale. Raramente ho fatto foto serali e quelle che ho scattato non mi sono piaciute. Le uniche che posso salvare sono quelle in cui ho scelto uno sfondo scuro in cui i colori bluastri della sera e gialli delle lampade vengono molto attutiti (secondo me eh!). Ecco l'unico esempio che ho pubblicato qui.

Non tutte le ore del giorno vanno bene però. La luminosità infatti varia molto da estate a inverno e nelle ore del giorno. In estate l'arco di tempo in cui poter fotografare si estende molto: dalle 10 alle 16, mentre in inverno dalle 11 alle 14 e il tempo deve essere anche clemente. Nelle altre ore la luce oltre ad essere più debole crea anche notevoli ombre.

E vedo già questa domanda nelle vostre testoline belle: "Che fai se quando cucini la luce non è ideale o il tempo è brutto?" Mangio, gusto e rifotograferò tutto un'altra volta. Ecco che faccio. Pazienza, tanto cucinare mi piace.

Dove fotografare? Io fotografo sul bancone della cucina, sul tavolo o sotto la finestra e mai con la luce diretta sul piatto). La luce è preferibile di fianco o in controluce (sempre poca altrimenti si rischia la classica chiazza scura su sfondo bianco).

In funzione della luce che ho nella stanza decido l'esposizione della macchina. E' automatica sì, ma mi permette di regolare questo parametro, non come valore, ma come riscontro sullo schermo. Di solito la aumento leggermente ma non troppo.
Metto a posto il soggetto e poi scelgo il punto in cui mettere a fuoco. Generalmente sono più di uno (a volte lo fa in automatico da sé e mi va bene così).
Dico al soggetto di sorridere e di mettersi nella posa migliore (ma non collabora quasi mai! vedi punti a), b), c) sopra), scatto, scarico le foto sul PC e poi le guardo. Scelgo quelle che mi sembrano migliori e aggiusto solo quelle.
Non avendo programmi specifici o complicati uso Picasa, o il vecchio buon Pic Nic (che adesso è chiuso e compare sul mio Mac alla voce "modifica in kit creativo"), in genere le ritaglio, ridimensiono, aggiusto l'esposizione e infine aumento la nitidezza dell'immagine. Tutto proprio in questo ordine, ma solo perché non conosco altri modi. Se qualcuno fa altrimenti e meglio me lo dica che son ben contenta di cambiare e migliorare.
Eccezionalmente modifico i colori se vedo che la luce era troppo bluastra (generalmente in inverno) o troppo gialla.
Non ritocco mai le foto, al massimo mi può capitare di cancellare qualche briciola di troppo, opacizzare uno sfondo di casa, o cose del genere.

Purtroppo il voler fotografare con luce naturale mi obbliga a concentrare gli scatti nel weekend. Questo finché non troverò un modo economico (1) e che mi permetta di non usare strumentazioni che devo preparare prima (2) e che occupano un sacco di spazio (3).

E infine qualche accorgimento/trucchetto che uso.

1) Quando fotografo di solito indosso abiti chiari. Ho visto infatti (pagando sulla mia stessa pelle circa un centinaio di ricette di foto buttate) che usando maglie colorate il riflesso della mia maglia andava ad impattare sulle superfici chiare cambiandogli colore. In genere metto un grembiule bianco (adesso cucino con quello e ho dismesso ahimè quello super colorato) o una maglietta bianca. Viceversa, se fotografo in nero preferisco colori scuri.

2) Un ottimo trucchetto per aumentare la luce (che ho utilizzato fino a quando Massi più per pietà che per passione mi ha regalato il "coso" - riflettore pieghevole gnè gnè) è stato quello di utilizzare uno specchio. Posizionandolo adeguatamente si riesce infatti a migliorare l'esposizione del soggetto da fotografare. Anche l'utilizzo di un semplice panno bianco intorno o inclinato sopra può aiutare molto.

3) Questione di Parkinson o di fiato? Non usando il cavalletto rischio di avere foto smosse il più delle volte. All'inizio pensavo fosse anche solo una questione di tremore alle mani, mi sono accorta invece che era anche una questione di respiro. Un banalissimo sospiro poteva compromettermi una foto. Un piccolo trucco che uso adesso è quello di trattenere il fiato. Oramai mi viene automatico. Ipossia al cervello per credere!

Il tutto senza fasciarsi la testa; è una passione per me (fra le tante per altro!), non un lavoro!

Ecco, that's it! Spero di essere stata d'aiuto a chi mi aveva chiesto info e se avete dubbi, per quel che posso, sono a disposizione. :-)

N.B.: per chi non lo sapesse ancora Zonzolando è anche su Facebook! Veniteci a trovare, ne saremo contentissimi! A chi mette "I like" sulla pagina, stampiamo un bacio virtuale sulla fronte. E già che ci siamo con lo schiocco! ;-)

85 commenti:

  1. Grazie per aver condiviso i segreti delle foto, non e' da tutti. Il trucchetto degli abiti non l'avevo mai sentito ma lo t erro' presente. Ciao e buona domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In questi casi ci vuol tanta fantasia ehhehe Grazie cara, a presto!

      Elimina
  2. Ciao mia cara non sai quanto giovamento ho trovato dai tuoi consigli,hai fatto un bel regalo a tutte condividendo i tuoi trucchetti! Grazie.
    ..........ma sai che trattengo il fiato anch'io al momento dello scatto!
    Zagara & Cedro











    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie a te cara della visita :-) Un bacione!

      Elimina
  3. davvero sei un'autodidatta? Sei davvero brava, le tue foto mi piacciono sempre tantissimo, ma te l'ho detto tante volte! grazie per i tuoi consigli, io li seguirò di sicuro.
    baci baci e buona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente autodidatta.. pure un po' impedita devo ammetterlo. Saperne un po' di più non mi farebbe certo male ;-) Bacioni cara!!

      Elimina
  4. Carissimi,
    Mi sono letta questo post comodamente da letto e con mio marito.
    A parte che rientro tra quelle che da sempre vi fa i complimenti e vi chiede spesso consigli, posso dirvi che con tanta umiltà e semplicità avete creato un utilissimo tutorial?
    Inutile dire che la penso come voi quasi in tutto : anche io SOLO luce naturale, anche io luce laterale, anche io no programmi di ritocco ne ho Photoshop (uso picmonkey per ridimensionamento e waternark).
    Pero' vi faccio i complimenti perché usando questa Sony avete effetti talvolta piu belli delle reflex piu costose!
    Quel "coso"'non ce l'ho ma ora che inizia a far tanto buio penso che ne avrò bisogno! Anche noi foto solo nel we e attendiamo che i piatti ci sorridano ;)
    Grazie per il consiglio del grembiule (non lo sapevo!) e grazie per la condivisione di questa passione che tanto accomuna chi legge le righe di questi blog.
    Leggervi e' stato come vedere le ns. scene di propping e setting fotografico...100scatti con diverse angolazioni e varianti.. Per scegliere 2/3...!
    Tanta fatica e' vero, ma quanto e' bella questa passione dove i 5 sensi si uniscono in un post?
    Con tanto affetto,
    Vaty

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Vaty non sai quanto mi fa piacere che tu abbia trovato utile questo post. Devi sapere che è stato curioso anche per me descrivere la mia "non" tecnica improvvisata. E' proprio vero che a volte conta più sapersi arrabattare con un pizzico di fantasia che starsene a studiare su libroni senza mettere le mani in pasta. Ti mando un bacione e buona serata :-)

      Elimina
  5. Bel post! Anch'io sto cercando di migliorare un po' le mie foto e qui ho trovato un paio di informazioni utili. Certo se mi decidessi a prendere una macchina fotografica seria forse sarebbe d'aiuto...
    Buona domenica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa davvero piacere :-) GRazie a te! Bacioni

      Elimina
  6. Bellissimo post!Io mi sono avvicinata al mondo della fotografia proprio con l'inzio del blog e devo dire che è un'arte che mi appassiona ogni giorno di più.. concordo su tutto e mi sono ritrovata in tanta cose fai :).. per la storia del "respiro" mi hai strappato un sorriso! in effetti io per la foto finale uso il cavalletto giusto per non spaccare i piatti per terra visto che le mie foto sono scattate sempre in condizione come:" squilla il telefono, il cellulare, bussa il vicino, mi chiama mia figlia, mi tira il cavalletto ect".. mentre per gli step by step trattengo il respiro per evitare il mirco mosso:) concludo con un bravissima di cuore! le tue foto sono eccezionali e per essere un autodidatta tanti complimenti! un abbraccio e buona domenica:**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Simona! Troppo gentile :-) Sai... son convinta che prima o poi mi dovrò convertire al cavalletto pure io. Per ora ho deciso di dare priorità al piatto, chissà un giorno magari mi dedicherò a questo blog anche più seriamente ;-) BAcioni!!!

      Elimina
  7. Tu sei una donna meravigliosa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio... ora arrossisco. Aspetta che mi aumento un po' l'esposizione della faccia e diminuisco la saturazione ;-) ahahaha Grazie cara!!! Bacii

      Elimina
  8. Grazie per i preziosi consigli!!
    Io non sono affatto brava con le foto, ma sono convinta che dipenda molto anche dalla macchinetta che si usa!!
    Un bacione enorme e buona domenica
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu cara Carmen sei bravissima e sei pure in grado di fare tutta la preparazione passo passo cosa a cui io non penso nemmeno... mi potrei sparare!!! Bacioni anche a te :-)

      Elimina
  9. Ciao cara, mi ritrovo in molto di quello che hai scritto, anche io curo molto la luce in fase di scatto, anche se, grazie al mio lavoro, sarei in grado di salvare in post-produzione anche foto sottoesposte o virate. Ma voglio che sia tutto genuino, bello e buono come i piatti che cucino (il solito fondo in legno del mio tavolo di fronte alla finestra della cucina mi è testimone!)!
    Un abbraccio (bella l'idea di riciclare gli abiti e i foulard, questa te la prendo!).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beata te... sai a volte lavorare con programmi a posta potrebbe salvare da un piatto freddo.. non sarebbe male ogni tanto :-) Ricicla la mia idea del riciclo allora ahahah Bacioni!

      Elimina
    2. Bello anche "il coso" io uso un coperchio delle vaschette di alluminio! Sai quei cartoncini da una parte bianchi e dall'altra specchianti? Ehehehe! ;)
      Per i piatti la sera ho lo stesso tuo problema, anche se so che tra qualche giorno, per il mio compleanno, il mio papi (che è fotografo vero, mica come me) mi regalerà un light box con lampade che hanno la stessa temperatura colore della luce diurna. Quindi, se ben posizionato, mi permetterà di ottenere lo stesso effetto anche per le mie cenette, che per ora restano un segreto tra me e il mio principe! :D

      Elimina
  10. Che brava che condividi con noi i tuoi trucchi.. anche da queste piccole cose si vede la genuinità delle persone:) _molte food blogger non penso svelerebbero facilmente i loro segreti-
    Bacetti e a presto:*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh allora vuol dire che non svelerebbero nemmeno i segreti delle loro ricette no? Non sono proprio fatta così io.. lo trovo davvero inutile soprattutto nello spirito di un blog dove la condivisione è su tutto, vita di molte in primis. Bacioni!!!

      Elimina
  11. Appena mi compro la reflex mi arrabatto così anch'io (almeno tenterò :-D )..intanto ritaglio qualche vecchia camicia :-D Ciao zonzolina bella, stai al calduccio ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia è una mirror less e sarei curiosa di vedere la differenza con una reflex. Con le stoffe son diventata la maga del riciclo con buona pace di quelli della caritas.. va beh eheheh Sto al caldo... nun me movo!!! Ricambio il cuoricino, anche se non so ocome si fa ;-)

      Elimina
    2. Ciao zonzolina arrabattina, vedi che non ne capisco nulla di fotografia? "Mirror less" "Reflex"..per me non fa differenza, io vedo soltanto che la mia Lumix è diversa :-( Per il cuoricino basta che lo copi-incolli dal mio, come farò io tra un attimo ♥ :-D
      Ciao, a presto.

      Elimina
  12. Grazie per tutti questi utili consigli!!!! Con questo tempo anch'io faccio foto solo nel weekend e sul tavolo del terrazzo...stamattina x fotografare una torta mi sono congelata:)
    Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aahahah nooo sul terrazzo! Ma tu sei una temeraria allora! Ti meriti un premio eheheh Bacioni!!!

      Elimina
  13. ciao cara grazie dei consigli...i purtroppo non ho una cucina luminosa, non ho una buona macchina fotografica e devo fotografare sempre tutto sul balcone...quanto vorrei una reflex!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai dai che magari prima o poi arriva... sei in tempo per scrivere una letterina a Babbo Natale ;-) Bacioni!!

      Elimina
  14. Grazie per i consigli...magari prima o poi miglioro anche io!!
    Buona Domenica!
    Elisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, Elisa tu è proprio impossibile che megliori... più di così non si può. E poi se penso alla tua rubrica pure mi vergogno un po' ad aver scritto questo post :-S Bacioni cara, un abbraccio

      Elimina
  15. Grazie per questo post!Io ho iniziato da poco, ho due belle finestre ma se piove ed è brutto tempo è un disastro,le prime foto che ho fatto in vita mia le vedi sul mio blog. Uso la macchina fotografica di mia figlia e anch'io ...vorrei una reflex!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow ma che bel blog che mi hai fatto conoscere! Grazie! Passo a trovarto molto volentieri :-) A presto!

      Elimina
  16. Grazie per i consigli. Post molto utile.

    RispondiElimina
  17. Io continuo a fare le foto a casaccio ... Preferisco cucinare :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noooo non è vero! Io l'ho vista la tua ultima ricetta, è fotografata da Dio! Se mi dici che manco ti impegni, che fai se non vai a casaccio? :-) Pura invidia la mia ;-) BAcioni!!

      Elimina
  18. avevo letto il titolo di questo post dalla lista dei blog che seguo e mi sono precipitata qui perchè un miliardo di volte mi sono chiesta come fate a fare foto cosi meravigliose!!!
    Hai un sacco di accorgimenti...cose che io neanche immaginavo (uno su tutti il grembiule bianco :))!
    Io mi arrabatto con una bridge e si vede!! Ma proverò a tenere a mente i tuoi consigli che mi sembrano preziosissimi!!!

    Grazie infinite per la condivisione! un bacio! Sara!

    P.s.: io sono già tua fanssss su fb:))! ahhhhhhhhh...dimenticavooooooo come posso fare a mettere il gadget di fb sul mio blog con il relativo collegamento??? NON SO FAREEEEEEEEEEE :))!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao carissima e grazie mille per i complimenti e per esserti già unita ai fans :-) Troppo buona!
      Per mettere il collegamento al blog (se ho capito bene quel che mi chiedi) ho creato la pagina su facebook (ma credo si possa fare anche per l'account) c'e accanto a "Registrazione attività" il disegnino di un pignone. Se ci clicchi sopra ti dovrebbe dire: "Aggiungi un badge al tuo sito". Da lì puoi personalizzare tutto come vuoi: dal semplice "Mi piace" al "profilo". Una volta personalizzato facebook ti rilascia un codice da incollare (ti spiega anche il punto) nel tuo codice html. Mi raccomando salvati una copia del codice altrimenti se succede qualcosa che non va o fai qualche errore poi son pasticci!!! Fammi sapere se ci riesci!!

      Elimina
    2. ho fatto qualcosa di diverso..ho creato l'icona e sono riuscita a metterci il relativo collegamento!tutto grazie alla dolcissima Vaty :))!
      ora voglio mettere anche il "mi piace"..vediamo se riesco :D!!
      Bacioni cara :D

      Elimina
    3. Per il collegamento devi creare tu l'icona esatto. Io mi riferisco al "Mi piace". Fammi sapere è!! Baci!

      Elimina
  19. Eccomi è un piacere fare la tua conoscenza hai un blog davvero bello e interessante ti seguo con molto piacere
    un abbraccio a presto!!!

    RispondiElimina
  20. ciao carissima, troppo interessante questo post, ne ho letto metà, mi guardo x factor e poi mi leggo il resto......sorrido perchè vedo che anche tu sei fornitissima, avevo notato anche quella bella tavolozza rossa del post precedente.
    un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, quella è una tavola di legno vera e propria per cui non son riuscita a fotografarla. Bacioni carissima!!!

      Elimina
  21. Ciao Elena :) Grazie per questo utilissimo post, tu sei bravissima... io mi vergogno un po' delle mie foto, spero di migliorare ma del resto per adesso fotografo con una semplice digitale compatta che fa egregiamente il suo lavoro direi... chissà, forse una reflex adesso non saprei nemmeno farla funzionare :D Mi piace e mi ha fatto tanto sorridere la tipologia di piatti, eheheheheh è proprio vero! :D Un bacione e grazie mille :* Buon inizio settimana :)

    RispondiElimina
  22. utilissimo questo post....anch'io dovrei imparare a fare dellefoto "decenti"...ti mando un abbraccio e buona settimana...stefy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Stefy, son più che decenti le tue foto!! Baci!

      Elimina
  23. Finalmente, aspettavo trepidamente un tuo post sulla fotografia. Mi lasci sorpresa pero'... come in automatico? Sono esterrefatta perche' ti vengono cosi' bene che pensavo avresti scritto dettagli manuali sull'apertura, esposizione, f-stop etc etc, tutte quelle cose che io leggo e rileggo e ancora non le capisco! Il trucco dello specchio e' geniale. Il coso lo usi anche di giorno?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ti ho detto Giulia, è automatica, ma qualche impostazione di partenza la aggiusto come mi indica la macchina di per sé. Se vuoi ti posso dare cmq qualche info su esposizione ecc, ma io ti ripeto che non uso quella modalità. Il coso lo uso solo di giorno, come ho scritto non faccio foto la sera. Il coso serve per aumentare la luce proprio in giornate scure e grigie di questo periodo. Ormai non passa foto di ricetta in cui non lo uso. E' probabile che in estate invece lo userò di meno. Spero di essere stata più chiara :-) Baci!!

      Elimina
  24. Bello bello questo post, utile e con quella pizzico di ironia che ne ha reso davvero molto piacevole la lettura :)
    Beata te che riesci a tenere stoffe e stoffine così belle in ordine. Nel mio cassetto regan il caos sovrano!!!!!!!!!!!
    Troppo forte la classificazione dei piatti. Quelli trasormisti sono davvero birichini eh? Un bacione, buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheheh cara Federica, pure le mie stoffine non sono in ordine. Questo post è stato una bella occasione per fare un po' di pulizia ;-) I trasformisti mi stanno antipatici... non ci si comporta così ;-) Bacioni!!!

      Elimina
  25. Grazie per questi preziosi consigli. Mi piace molto il tuo blog! Devo procurarmi anche io quel coso riflettente. Io in maniera molto più semplice, mi arrabatto come te (ho una fotocamera digitale molto semplice). Mi piaceva tanto il programma Pic Nic, peccato che l'hanno chiuso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pic Nic lo adoravo proprio, mi è dispiaciuto un sacco :-( Grazie di essere passata :-) Bacioni!

      Elimina
  26. Bello questo post cara, grazie per i consigli, sono preziosissimi e spiegati alla perfezione!
    Ti auguro una settimana meravigliosa!
    Bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie a te!!! Bacioni e buona settimana anche a te :-)

      Elimina
  27. Grazie per i consigli, non si finisce mai di imparare...poi io devo migliorare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Grazie a te per essere passata :-) A presto!!

      Elimina
  28. Ci credi che il tuo post me lo stampo e lo leggo con molta calma e lo studio? :)
    Buona serata mia cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Addirittura? O signur! ehehehe ;-) Bacio!

      Elimina
  29. Sei riuscita a dare delle spiegazioni così tecniche,facendoci divertire!L'ultima,quella di trattenere il respiro è troppo forte,guarda che lo farò anch'io....pensavo come te di avere un tremore sospetto alle mani!Grazie cara,davvero"Un bacione!

    RispondiElimina
  30. Mi hai fatto troppo ridere con la classificazione dei piatti! Il trasformista è bellissimo.
    La luce, la luce, croce e delizia di chi ama fotografare.
    La luce invernale mi piace per le atmosfere intime che riesce a creare.
    Un bacione, buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il trasformista è proprio antipatico! Tanto impegno e poi.. uffy! ehehehe
      Bacioni!

      Elimina
  31. Adesso mi faccio una tisana e leggo il post tutto di un fiato.
    Le tue foto sono molto, molto, molto belle.

    (ot - ti è arrivato l'invito?)

    RispondiElimina
  32. Ciao Zonzolando sono nuova qui e nuova nellatua listafollower. Ho letto il tuo post con attenzione e a parte la macchinetta fotografica diversa (no, non ho neanche una reflex)ho tutto quello che hai tu. Ancora un'altra differenza forse il fatto che non ho "il coso" ma dei pannelli di polistirolo che mi trascino per casa tipo coperta di linus (molto poco pratici, ma diffondono benissimo la luce!).
    E ora una domandona: ma dove possiamo trovare il coso e quanto costa? Grazie per i preziosi consigli , mi ha fatto ridere la descrizione del piatto A (Ahahaha) e se ti va passa da me, magari mi dai un consiglio se ti va per le mie foto...
    grazie ancora
    fulvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Fulvia! Piacere di conoscerti e grazie per essere passata. I pannelil di polistirolo sono una grande idea! Sicuramente danno un buon aiuto anche loro. Il coso, da quel che ho capito, l'ha comprato in un negozio di ottica dove vendono anche binocoli, telescopi e roba per fotografia. Il prezzo non lo so, ovviamente non me lo ha voluto dire ma l'ho scoperto quanto ho fatto la ricerca per farvi vedere di cosa si trattava. Si aggira intorno ai 30 euro. Baci! Passerò a trovarti molto volentieri :-)

      Elimina
  33. Embè, se no dov'è il divertimento! L'arte di arrangiarsi mi appartiene eccome! E'più importante aver qualcosa da comunicare o da condividere che un'ottima foto sterile..se riuscissimo a coniugare le cose però non sarebbe male!Immagino cosa combineresti con una super attrezzatura! A casa mi prendono per matta quando mi vedono girare con abat jour e lampade varie ricoperte di carta velina o da cucina, perche' spesso sono costretta a fotografare di notte!Un bacione e grazie dei consigli!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me chi riesce a far foto la sera con i pochi strumenti a disposizione è un mito. Io non riesco proprio.. devo imparare molto in questo aspetto e non ho altro che margine di miglioramento davanti a me. Bacio e grazie a te :-)

      Elimina
  34. Ma che bel post utile!!!!!!!!! Sei simpaticissima ed una bravissima fotografa... ho tantisssssimo da imparare!!!!!!!
    Felice pomeriggio e un bacio grandeeeee!!!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo gentile Lory! Grazie mille e ricambio il bacione!

      Elimina
  35. Che spasso questo post e anche utilissimo per confrontarsi!
    Io ho rinunciato all'ipossia a favore del cavalletto e dello scatto dopo 2 secondi!
    Al pannello riflettente ancora non ci arrivo, di solito utilizzo, nell'ordine: vassoio per i pasticcini dorato di varie grandezze, contenitore in alluminio della cuki, ma anche no, vassoio in plastica enorme bianco!
    naturalmente anche io cerco di sfruttare la luce diurna, che , purtroppo non sempre c'è.
    Tutti glia ammennicoli ( che riempiono scaffali e scaffali) aumentano a vista d'occhio, oramai li compro di nascosto del marito!

    Bello il mondo dei fotografi fai da te!! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il vassoio riflettente non ce l'ho altrimenti avrei usato sicuramente quello! la trovo un'ottima soluzione. "Ammennicoli" è una parola troppo bella.. rende l'idea hehehehe Bacioni!

      Elimina
  36. Grazie mille per tutti i consigli!!!

    RispondiElimina
  37. Ho letto con attenzione e tutto d un fiato questo post e mi hai fatto morire dal ridere...la tua ironia è unica!! Mi è piaciuto tanto il tuo coso che credimi non ne conoscevo proprio l' esistenza...dovrò documentarmi bene su come si usa e poi casomai ne andrò in cerca anche io!!! Anche per me la fotografia è diventata una bella passione e come te sono semplicemente autodidatta e solo da 3 settimane sto frequentando un corso di base almeno per capire le funzioni della reflex!!! Post bellissimo!!! Un bacione !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che nemmeno io lo conoscevo sino al momento di scartare il regalo! Le tue foto sono splendide Patrizia! Chissà che faville che farai alla fine del corso :-) Baci!!

      Elimina
  38. credo si chiami light box o qualcosa del genere...Io sono ai primordi,se c'è una giornata buona apro le finestre e via....Dovrò diventare più professionale un giorno o l'altro! Un abbraccio..

    RispondiElimina
  39. bel post davvero!!!!!!!!!!!!!! sei ironicissima e adoro leggerti!!! un bacione!

    RispondiElimina
  40. Ottimi consigli, scritti come piace a me ^_^ e cioè in modo semplice e chiaro!
    Prima o poi comprerò una macchina fotografica degna di questo nome, per ora mi arrabatto come posso ma grazie per le dritte sulla luce!!

    RispondiElimina
  41. ti arrabatti molto bene, complimenti

    RispondiElimina
  42. ..per essere una che "si arrabatta" lo fai magnificamente. Brava davvero!

    RispondiElimina
  43. questo l'avevo già letto, ma non ho resistito...
    alla faccia dell'arrabattarsi... mi piace questa determinazione, ci trovo poi tanto amore.
    che si vede nei risultati!

    RispondiElimina
  44. Grazie mille! Oddio ora arrosisco :-)

    RispondiElimina

Torna su