Enjoy food, travels and life

Al pari di funghi, frutta e frutti di bosco, asparagi selvatici e erbe e fiori spontanei sono legata alle castagne. Non c'è cosa che mi dà più soddisfazione che prendere dalla natura ciò che lei ci regala (a gratis!) stagionalmente e la soddisfazione è doppia quando vedo che al mercato questi frutti son capaci di farceli pagare pure un sacco di soldi.

Da piccolina con i miei genitori nei bellissimi enormi castagneti che avevo a qualche chilometro da casa in Toscana facevamo a gara a chi trovava la più grande e bella. Passavamo una mattinata in mezzo alla natura e ai boschi che si tingevano dei colori più caldi con ogni sfumatura dal giallo al rosso. Sotto i nostri piedi giaceva un tappeto di foglie morbidissimo su cui era un vero piacere camminare e centinaia e centinaia di ricci schiusi, o appena schiusi.

E che punture alle mani quando cercavo di aprirne qualcuno in cui intravedevo tre belle castagne in fila!
Babbo (il mì babbo, che se lo chiamo papà manco si gira e si offende pure) mi ha poi insegnato a provare a schiacciarli leggermente coi piedi per aprirli. Tutta un'altra cosa: castagne a gogò, polpastrelli ancora interi e calci per aria che neanche Kenshiro sparava così a raffica per staccare i ricci dalle scarpe.

Babbo cercava le castagne più grandi e grosse per stupirci, mamma raccoglieva meticolosa tutte quelle trovava con il risultato che in un sacco c'erano quelle più grosse e pesanti, ma di numero inferiore e nell'altro quelle normali ma a quintali.

Io ricordo che provavo a mangiarmele crude appena sbucciate e onestamente mi piacevano pure.

Ogni tanto cadeva un riccio e il mio papone, che di capelli in testa ne ha così pochi che potrei far l'appello per nome, metteva il berretto per paura di un attentato a quei due o tre superstiti che si ritrovava. Un paio di volte qualche bella spungolata se l'è beccata lo stesso poveretto. Beh, per lui eran moccoli e per noi... gran risate!

Qui, nella valle dove vivo, non ho castagneti vicini perché probabilmente siamo troppo alti in quota, ma abbiamo la fortuna di avere chi ce le regala, così anche quest'anno ne sono arrivate di bellissime e pure grosse.

Ho chiesto di prendere a Massi qualche foglia dal bosco (ovviamente non sono di castagni) per le foto e così ho scattato queste immagini.

Castagne nei ricci bosco raccolta - chestnuts

Zonzolando sul Web ho cercato di capirne un po' di più sulle proprietà di questo frutto zuccherino che a me piace così tanto (cito da wikipedia): "La castagna è un alimento sano e molto nutriente. A differenza dei frutti a polpa (mele, pesche,…) la castagna fresca ha un contenuto d'acqua del 50% circa (secca del 10%), un contenuto calorico di 200 kcal ogni 100 g (secca 350 kcal/100 g), un buon contenuto di fibra (7-8%), un eccellente apporto di glucidi zuccherini e amilacei (35% circa), un discreto contenuto di proteine di qualità, una bassa percentuale di grassi (3 g/100 g), un'alta percentuale di potassio, altri sali minerali come magnesio, calcio, zolfo e fosforo; infine, possiede vitamine idrosolubili (B1, B2, PP, C)."

Ma che voglio di più?


Ora forse in molti lo sanno già, ma io lo dico lo stesso, sia mai che fa comodo a qualcuno, che le castagne hanno un bachetto che fa il classico buchino e che si mangia l'interno e ci costringe a buttarle. Niente di strano fin qui, ma vi siete mai chiesti come mai anche castagne bellissime lasciate qualche giorno a riposo diventano marce o bacate? E' perché questo signorino bianchiccio e anellato se non ben identificato passa da una castagna all'altra e se le mangia tutte di gran gusto giorno dopo giorno.

Ricordo mia mamma che pazientemente ogni giorno o ogni due giorni passava le castagne una per una per vedere se erano intaccate. Al minimo segno le separava. Non dico i bachetti che ho visto in giro per bacinelle e contenitori e che un secondo prima era impossibile notare.
Questo permetteva di avere buone castagne a lungo.


Ah... e già che ci sono, se vi piacciono le castagne, vi consiglio di non perdetevi le sagre della "mondina" o della castagna in giro per la Toscana, son bellissime!

48 commenti:

  1. Carissima che belli i tuoi ricordi :) Siamo molto simili, lo sai? Io raccolgo tutto ciò che trovo e so bene dove andare a cercare alberi abbandonati ^^
    sfortunatamente le castagne non le ho raccolte mai.. dev'essere un'emozione bellissima.
    Grazie per aver condiviso tutto questo con noi :) Buona giornata, cara mia. :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì lo so, infatti anche io leggo sempre molto volentieri quello che racconti. Mi mette anche un sacco di tranquillità :-) Buona giornata a te, un abbraccio :-)

      Elimina
  2. Tesoro ma che post ricco di ricordi ed emozioni e anche divertente :-D la storia del tuo babbo e i capelli che si possono contare mi ha fatto morire!! Non ho la fortuna di avere un castagneto vicino e al mercato sono brutte e proibitive quindi mi consolo guardando le tue bellissime foto cosi calde e confortevoli!! Bacioni,Imma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahhahah Sì Immma, che risate!!! E grazie mille, non solo per i complimenti ma anche per il tempo che trovi da dedicare al mio minuscolo blogghino :-) Bacioni cara e buon we lungo!!!

      Elimina
  3. Anch'io da piccola andavo con i miei genitori nel bosco vicino a casa a cercar castagne, e poi la sera le facevamo cuocere sul camino!!! Che bontà!!! Buona giornata Elena e un bacione!

    RispondiElimina
  4. che foto splendide. bellissime!!!!
    baci baci e buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Cri e buona giornata anche a te!

      Elimina
  5. Che belli ricordi cara. A me non piacciono particolarmente le castagne ma il modo in quale tu le presenti mi fanno venire voglia di mangiarle...:) Complimenti!
    Baci e buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ribana, io invece le adoro, ne mangerei a quintali. Bacionissimi!

      Elimina
  6. Che foto stupende e che bei ricordi. Baci cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Veronica :-) Bacioni e buon we!

      Elimina
  7. Uhhhhhhh le castagne.
    Le mangerei tutti i giorni e fatte in tutti i modi.
    Io e la mia mamma ne andavamo matte davvero! Pure di quelle secche...
    Grazie di questo tuffo nei ricordi e nelle immagini dell'autunno più bello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A chi lo dici, pure io le mangerei in tutte le salse. E poi fanno un sacco bene :-) Grazie a te cara :-) Un bacione!

      Elimina
  8. Che spettacolo.. ricordo anche io quando da bambina nelle domeniche di autunno andavo con i miei in un castagneto che stava in Abruzzo? ora non ricordo tanto bene.. e quante ne prendevamo con l'autorizzazione del proprietariod el terreno!!! e quei bachini.. è vero!!! che li possino.. buongustai!!! baci cara :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahha i bachini son davvero dei furbetti! Noiosi anche ehehhe Bacioni anche a te e buon we!

      Elimina
  9. Anche io adoro le castagne^.^ anche se non ho lunghe storie di raccolta da raccontare.. vicino a casa mia c'eran tanti alberi di castagne matte (ippocastani) ma quelle non si potevano cuocere:(
    Spero proprio di poter presto fare una passeggiata in collina e una castagnata con un po' di amici.. sono momenti simpatici, poi le castagne mettono allegria (soprattutto se le accompagni con la cagnina)
    Baci Zonzolina e a presto:**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanto è vero... un frutto così mette insieme tanti amici e crea momenti di allegria. Quante sagre che ho fatto e quanto mi son divertita :-) Bacioni cara!

      Elimina
  10. Al mercato le castagne sono care arrabbiate!!! Qui vicino Roma, nella zona dei castelli romani, se ne possono cogliere a volontà...e non appena il mio piccolotto guarisce lo porterò a raccogliere le sue prime castagne!! Anche io da piccola le mangiavo crude e ti dirò che mi piacciono ancora!!
    Buona giornata :-)!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io le sgranocchio ancora :-) Per il tuo piccolo sarà un'esperienza senz'altro bellissima e ne porterà il ricordo sempre. Occhio ai ricci è ;-) Bacioni!!

      Elimina
  11. Sono molto belle quelle castagne!!
    Anche a me piace andare per boschi a castagne, ma in tutta sincerità, di così grandi e belle non ne ho mai trovate!!
    Comunque anche quelle piccole sono gustosissime, specialmente lessate!!
    Complimenti per il post, adoro i racconti basati sui ricordi!!!
    Un bacione enorme e buona serata
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nelle nostre gare di raccolta ne ho viste di davvero enormi. Ti dirò che poi preferisco le più piccole da mangiare, mi sembrano pù dolci e anche più sane.
      Ricambio il bacione e buon sabato carissima!

      Elimina
  12. adoravo andare nel castagneto con genitori, amici e cugini! Quante risate, una volta prendemmo un temporale..un fango... che ridere! Che bei ricordi d'infanzia mi hai fatto tornare alla mente :) grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie a te! E' sempre bello condividere i ricordi :-) Bacioni!

      Elimina
  13. che buone le castagne.. qualche anno fa andav anche io a raccoglirle e mi avevano insegnato a mangiarle crude.. ma solamente le piu piccole, le piu dolci :)
    quest'anno siamo un po in carenza qua in romagna, speriamo vada emglio il prossimo autunno! un bacio a prestooooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so come è andata in Toscana la raccolta quest'anno. So solo che quassù in Trentino me ne hanno regalato a quintali e più persone diverse quindi immagino che sia andata bene... Bacioni Vale! Buon we!

      Elimina
  14. Che bello sentire rievocare questi ricordi :)
    Ma allora sei originaria della Toscana? E come ti trovi al
    Nord? (te lo chiedo perché e' una domanda che mi fanno tutti!).
    Senti, ma oltre ad averci illustrato la ricche proprieta e i consigli preziosi di mamma', ci hai regalato anche delle foto stupende ... Ma che post meraviglioso che ci hai regalato oggi ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Toscana DOC, DOP, IGP, Cicciccì & Co.! Ho il marchio a fuoco anche se l'accendo se ne sta andando inesorabilmente... anzi manco c'è più ormai.
      Mi trovo molto molto bene anche se alcune cose, come è normale, mi mancano parecchio. Non rimpiango niente e quando mi va ho la fortuna di poter scendere e goder ancora degli splendidi posti che la Toscana offre. Ahhhhhh (sospirone) :-) Bacioni cara e grazie!

      Elimina
  15. Che bei ricordi, soprattutto quello del tuo papà e dei suoi non-capelli mi ha fatto morire! Da bambina anche io adoravo andare per castagne in autunno, c'erano tanti colori, tanti odori, ma soprattutto tanta libertà! Un bascio e a presto, Pattipa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehehehe povero babbo.. si è preso di quelle punturate con i ricci hihihi. Bacio a te e a presto :-)

      Elimina
  16. adoro le castagne... peccato che siano decimate ultimamente. Comandante Amigo me ne ha fatta qualcuna a "caldarrosta" qualche sera fa. un bacino e a presto! sere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nooo è un vero peccato! Le caldarroste sono buonissime! Ne sto mangiando a quintali :-) Che golosona, doveri vergognarmi di ste frasi ehehhe Bacioni cara!

      Elimina
  17. Amo tantissimo le castagne,mi fanno accogliere l'autunno con meno malinconia!Ed è andata via del tutto,leggendo il tuo racconto,che parla di genuinità,famiglia e gran risa!Il tuo "babbo" ha la capoccia come il mio,con la differenza che se il mio lo chiamo"babbo",mi guarda storto e scuote la testa!Un bacione tesoro e grazie di queste bellissime immagini!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha la parola "babbo" credo che sia proprio toscana e basta. Anche qui dove vivo io non esiste proprio e sembra qualcosa di vecchio. A me "babbo" piace un sacco :-) Grazie mille Damiana, sei gentilissima .-) ti mando un bacione!

      Elimina
  18. Ciao Elena :) Che bello questo post... grazie per aver condiviso i tuoi ricordi con noi, è sempre un piacere leggerti :) Quando ero piccola andavo spessissimo a raccogliere le castagne ed ho dei ricordi bellissimi... con mia mamma, i miei zii e i miei cugini... poi facevamo tutti un pranzo al sacco e mi ricordo i panini con il tonno e la maionese che preparava mia zia... :D Che bei ricordi, grazie per avermeli fatti tornare alla mente :) Un abbraccio e buon fine settimana! P.s.: Bellissime le foto! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che tesoro, grazie :-) E grazie a te per aver condiviso i tuoi :-) Ti mando un bacione e un abbraccio!

      Elimina
  19. anche a me questo post sulle amate castagne è piaciuto un sacco....è uno di quei frutti che mangio sempre volentieri.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A chi lo dici cara! Anche troppo volentieri eheheh Buon we!

      Elimina
  20. Passeggiare nel bosco a raccogliere castagne ... Non ha prezzo :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, concordo. Vivere la natura e prendere quello che ci dà è favoloso! Un bacione!

      Elimina
  21. di fronte a casa ho un grande albero di castagne, quando mio figlio era piccolo andavamo insieme a raccoglierle, era una festa per entrambi...da qualche anno l'albero non fa più castagne, Marco è cresciuto e ha altri interessi e io guardo quel povero vecchio albero senza castagne e penso...tutto passa.....Buon weeekend, a presto..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto passa, e a volte ritorna :-) Spero! Un bacione Chiara, a presto :-)

      Elimina
  22. Ciao zonzolina bella, eccomi di ritorno e ti dico qui che GDF ha bisogno di cervelli come il tuo, secondo me,tra 2 anni ti vedrò a Torino ;-) Ho la fortuna di vivere vicino a boschi di castagni e, come avrai letto in uno dei miei ultimi post, sono malati a causa dell'incuria di chi dovrebbe tenere pulito il bosco.
    Ora attendo ricetta ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eccoti carissima! Ma magari.. non sai quanto mi piacerebbe. Sono un po' incasinata ma il tempo per le passioni si trova sempre, no? Sì ho letto il tuo post ed è un vero peccato. Per la ricetta, credo che metterò le classiche.. me le sto finendo tutte così ahhhaha Bacioni!

      Elimina
  23. Che bel post, mi ha riempito di allegria e di tenerezza...
    A milano poi queste atmosfere me le sogno,e apro un mutuo per andare dal fruttivendolo pa comprare marroni....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha secondo me Monica ti chiede pure un rene! Bacioni carissima! A presto!

      Elimina
  24. mmmmmmhhhhhh ma che buone le castagne, quante cose ho imparato e che belle foto :) così ci arriva un pò dell'autunno che ci stiamo perdendo qui oltreoceano. un abbraccio lunghissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahhh tu vivi l'estate per 3 quest'anno e non sai che invidia! Le castagne per un viaggio così possono anche aspettare ;-) Ricambio l'abbraccio:-)

      Elimina

Torna su