Enjoy food, travels and life

Cronache di un venerdì sera a casa Zonzolando.

Mentre sono intenta a fondere assieme col cioccolato questi biscottini e contemporaneamente coi miei nipotini affino una filastrocca che dobbiamo dedicare ai nonni il giorno seguente, penso ad alta voce:
"Mah! Si vede che col fatto di accoppiarli, alla fine, sembra che ne escano pochi. Eppure se non ricordo male con queste dosi ne venivano di più. Che strano..."
Non faccio in tempo a finire la frase e a segnarmi su un foglietto stropicciato che devo raddoppiare le dosi quando una voce dal salotto esclama entusiasta: "Buonissimi!", e poi: "Spettacolo!", e poi ancora: "Spaziali!"
Ma come buonissimi? Ma come spaziali? Ma quando li ha presi? Ma quanti ne ha presi?
Vedendo la mia faccia stupita, per non dire da ebete visto che il solito mano lesta me l'ha fatta ancora praticamente sotto il naso, la mia nipotina esclama: "Ehm zia, lo zio Massi mentre eri concentrata con noi ha fatto avanti e indietro fra il divano e la graticola dove li avevi messi a raffreddare."
L'altro nipote conferma in silenzio annuendo.
"Ma come? E non mi dite niente? Quante volte?" faccio io indispettita.
Quante volte voglio sapere, quante! Ditemelo! Perché la mia prima preoccupazione non è tanto il fatto di sgridare il ladro e gli spioni, quanto cosa scrivere nel post al numero delle dosi che si ottengono perché non me lo ero mai scritto e a questo punto non ne posso nemmeno avere idea.
OK, mi autodiasgnostico una malattia professionale. ;-)

Ricetta dei baci di dama alle nocciole o mandorle ricetta perfetta buonissimi - woopie hazelnut and chocolate cookies biscuit recipe

Mentre i nipotini alzano le spalle come per dire che non ne hanno la più pallida idea, dal salotto la voce del peccato affatto pentita risponde dal suo bel divano: "Cinque, sei. (Pausa) Fai anche sette o otto."
Non lo posso vedere ma sono certa che il suo naso stia cercando di sfondare il soffitto.
Sbalordita dalla risposta esclamo: "Otto? Otto?!?! Quindi sedici?"
Segue un attimo di silenzio e poi passi svelti.
La faccia di Lupin/Pinocchio fa capolino nella cucina e chiede: "Come sedici?"
Tiro un sospiro di sollievo. Li ha mangiati singoli non ricordando che in quelli finiti c'è anche lo strato di cioccolato che ne fonde assieme due alla volta e che quindi me li fa contare come uno singolo.
Nell'affacciarsi alla cucina vedo che si accorge di quelli finiti sul bancone e fa il colpo di prenderne uno.
Lo scaccio dal mio tessssssoro manco mi fossi appena trasformata in Gollum, semplicemente contenta del fatto che già i mezzi biscottini da sé gli piacessero così tanto.

Per placare i sintomi della malattia e quindi calcolare le dosi finali non ho altra cura se non mettermi a contare le stimmate a dischetto che i biscotti in cottura hanno lasciato sulla carta forno. Almeno lei non ruba e non mente. :-)

Credetemi se vi dico che dopo averne assaggiato uno posso capire Massi. Come l'anello del potere questi biscottini sono un vero richiamo e uno tira l'altro.
Sono friabili, morbidi e si sciolgono in bocca.
Le nocciole si possono utilizzare sia con la pellicina che senza. Per chi vuole un biscotto liscio e chiaro uniforme bisogna utilizzare le nocciole spellate. A me piace usare invece quelle ancora rivestite dal perisperma perché trovo che diano quel tocco di colore "sale e pepe" che mi piace tanto e che cambi anche in meglio il gusto. Dipende poi dalla disponibilità che ho, sono buonissimi comunque.

Baci di dama

Preparazione: 30 min.Cottura: 15 min.Riposo: 1 ora e ½
Porzioni: 25 Kcal/porzione: 110 circa
Ingredienti:

  • 100 g di nocciole non spellate
  • 150 g di farina 00
  • 110 g di burro
  • 90 g di zucchero
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia
  • 1 tuorlo
  • 1 pizzico di sale superfino¹
  • 60 g di cioccolato al gianduia (o secondo i gusti)
Preparazione:

  1. Tritare le nocciole con un frullatore riducendole in farina.
  2. In una ciotola sbattere lo zucchero assieme al burro ben ammorbidito a temperatura ambiente fino ad ottenere una pomata liscia e gonfia.
  3. Unire le farine, il tuorlo, l'estratto di vaniglia e infine il pizzico di sale. Amalgamare bene gli ingredienti fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo. Formare una palla e riporla in frigo per almeno un'ora.
  4. Accendere il forno a 170°C in modalità ventilata e rivestire una teglia con carta forno.
  5. Togliere l'impasto dal frigo e con l'aiuto di un misurino (si può fare anche dosando a mano ma c'è il rischio che le palline siano poi tutte diverse) prelevare tante piccole porzioni di impasto in modo da formare tante palline del ø di circa 2 cm.²
  6. Adagiarle sulla carta forno distanziate di qualche centimetro.
  7. Infornare per 15 minuti circa sino a che i biscottini saranno leggermente dorati in superficie.
  8. Estrarli dal forno e non toccarli perché sono molto friabili. Non appena si saranno intiepiditi metterli su una gratella a raffreddare completamente.
  9. Intanto che raffreddano preparare il cioccolato facendolo fondere a bagnomaria.
  10. Con un cucchiaino prelevare poco cioccolato alla volta, adagiarlo sulla parte appiattita di un biscotto e poi chiuderlo con l'altro biscotto in modo che le due parti piatte combacino.
  11. Lasciare rapprendere e solidificare nuovamente il cioccolato in modo che il biscotto si saldi completamente e poi servire.
Note:

  1. Il sale dà sicuramente quel tocco in più che esalta il dolce. E' fondamentale però utilizzarne uno molto fino. Qualora non si avesse a disposizione frullarlo assieme alle nocciole e un cucchiaio di zucchero.
  2. In alternativa al misurino, sempre per ottenere delle palline tutte uguali si può stendere l'impasto fra due fogli di carta forno o pellicola, ritagliarlo con un piccolo coppapasta, prelevarlo e poi arrotolarlo fra le mani.
www.zonzolando.com © - All rights reserved

Quelli rimasti li ho anche offerti a due zie di Massi che ne sono rimaste entusiaste. Non è così zia Carmela? :-)
Eccoti qua la ricetta che mi hai tanto chiesto.
Sono felicissima che ti siano piaciuti.

E voi che li proverete fatemi sapere che ne pensate, mi raccomando.
A presto!

12 commenti:

  1. ahahahahahaah dai!!!! che forza.. un ladruncolo con passo felpato! :-D Bellissimi e buonissimi i tuoi baci di dama.. bacioni e buon sabato ;-)

    RispondiElimina
  2. Molto buoni i baci di dama mi sono sempre paciuti. Prendo nota ma sarà difficile che li faccia, siamo in due e maritozzo detesta tutto il dolce...:( Buona fine settimana.

    RispondiElimina
  3. Assolutamente perfetti questi baci.... quanto mi piacciono!!!!!

    RispondiElimina
  4. i tuoi baci sono davvero perfetti! il bacio di dama è uno di quei biscotti che effettivamente non fai in tempo a preparare ed è già finito! quindi per non sbagliarsi è sempre meglio abbondare, giusto per non restare a bocca asciutta in caso di 'furti' inaspettati ;) complimenti cara, e buona domenica :)

    RispondiElimina
  5. Mi hai fatto morire dal ridere. Ti capisco, anche io avrei pensato subito al non poter sapere quanti ne erano venuti. La cosa della carta forno è furbissima, sai che non ci avrei pensato?
    Ti dico solo che ho già stampato la ricetta, ho tutto l'occorrente già a casa

    RispondiElimina
  6. Ricetta stampata...solo a vederli mi viene l'acquolina in bocca, posso capire il ladruncolo!!! :)

    RispondiElimina
  7. li amo, li ho fatti domenica, li avrei rubati anche io, durissima resistere, un bacione!

    RispondiElimina
  8. Mi hai fatto morire dal ridere!!! Li amo questi piccoli biscottini ! Ciao mia cara

    RispondiElimina
  9. Grazie mille a tutte! Spero tanto che vi piacciano quanto a me e noi che li abbiamo provati. Buon weekend a tutti! :-)

    RispondiElimina
  10. Sono stupendi, viene proprio voglia di allungare la mano e prenderne uno, arriva anche l'odore di nocciole. Complimenti davvero brava,ci siamo unite al tuo blog! Complimenti! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ve ne offrirei volentieri ma sono andati a ruba :-) Li rifarò però! Grazie mille per i complimenti e buona domenica!

      Elimina

Torna su