Enjoy food, travels and life

Anche Pellegrino Artusi, grande gastronomo e divulgatore della cucina italiana, fu incuriosito dal nome particolare di questa ricetta e dopo qualche ricerca giustificò il nome "Fagioli all'uccelletto" con l'associazione fra il modo con cui venivano cucinati i fagioli e gli uccelletti cacciati, ossia con le medesime spezie ed aromi.

La ricetta della tradizione prevede l'utilizzo di salsicce toscane, che per la loro aromatizzazione, i loro profumi e i sughi che rilasciano in cottura, rendono questo piatto qualcosa di davvero eccezionale.
Si tratta di uno di quei piatti che una volta nella vita vale la pena assaggiare.
Il fatto che gli si attacchi l'aggettivo "scappato" sta nel fatto che in questa versione non vi è traccia della salsiccia.

Non me ne vogliano i simpatizzanti di Artusi, ma secondo me il motivo di questo nome era un altro, decisamente più legato alla goliardia toscana che al modo di preparare il piatto.
Da buona toscana infatti, leggo in chiave allegorica l'associazione salsiccia-uccelletto, a ben altro raffinato significato.
Mi sono fatta intendere, no? ;-)

Ricetta dei fagioli all'uccelletto scappato tradizionale toscana typical italian tuscany stewed bean recipe

Sono ricaduta nella versione "scappato" perché non avevo a disposizione una buona salsiccia toscana, fondamentale per la buona riuscita del piatto.

Devo dire che seppur meno saporita e unta, questa versione dietetica è davvero piacevole al gusto e costituisce uno dei contorni più sani che esitano grazie ai legumi e al licopene del pomodoro cotto. Inoltre l'impiego dell'aglio e della salvia regalano quel tocco profumato che mi piace tanto.

Fagioli all'uccelletto scappato

Preparazione: 10 min.Cottura: 1 ora e 15 min.Riposo: 8 ore
Porzioni: 4 Kcal/porzione: 290 circa
Ingredienti:

  • 250 g di fagioli cannellini secchi (600 g bolliti)
  • 600 g di pomodori pelati
  • 2 spicchi di aglio
  • ½ cipolla rossa piccola (facoltativa)
  • 25 g di olio extravergine di oliva
  • 1 rametto generoso di salvia
  • Sale e pepe q.b.
Preparazione:

  1. Lasciare almeno una notte in ammollo i fagioli secchi. Trascorse almeno 8 ore, scolarli e porli in una pentola (possibilmente di coccio), con acqua fredda fino a coprirli completamente al loro livello o poco più e farli cuocere a fuoco lentissimo. L'ideale sarebbe quella di non portare a forte bollore i fagioli ma di farli cuocere molto lentamente e man mano che l'acqua si ritira aggiungerne altra di fredda.
  2. A metà cottura (circa 35-40 minuti da quando si mettono sul fuoco) salarli leggermente.
  3. 15 minuti prima del termine della cottura dei fagioli tritare finemente la cipolla, schiacciare gli agli e fare soffriggere entrambi in una padella (ancora in coccio) con l'olio.
  4. Unire anche la salvia e infine i pomodori pelati schiacciati. Una volta cotti unire anche i fagioli scolati.
  5. Cuocere per 15-20 minuti sino a che il sugo si sarà ben ritirato, regolare di sale e pepe e servire.
Note:

Si possono impiegare anche altri tipi di fagioli. I borlotti sono un'ottima alternativa perché si prestano bene per un risultato ancora più cremoso. Attenzione però che rispetto ai cannellini hanno un tempo di cottura più breve.
www.zonzolando.com © - All rights reserved

Vi consiglio di provali disponendo al centro del piatto dei crostoni di pane toscano (quindi "sciocco", non salato) tostati su una gratella ben calda e versandoci sopra una generosa dose di questi fagioli.
Per una versione ancora più saporita si possono strofinare i crostoni con dell'aglio e olio extravergine di oliva.
Buon appetito! :-)

7 commenti:

  1. In pieno spirito toscano :-) fagioli al'uccelletto scappato

    RispondiElimina
  2. E' una ricetta che mi piace moltissimo! baci e buon w.e. :-)

    RispondiElimina
  3. Ti sei fatta intendere benissimo. :)
    Mi piacciono molto cucinati così i fagioli.

    RispondiElimina
  4. squisiti, classici e non un grande piatto! buon week end

    RispondiElimina
  5. Adoro questa ricetta, non me la faccio mai scappare quando ho la fortuna di trovarmi nella bellissima toscana. Fagioli all'uccelletto e ribollita, due must imperdibili

    RispondiElimina
  6. Viva la Toscana e la sua allegoria ;-) Baci a tutti e grazie!

    RispondiElimina

Torna su