Enjoy food, travels and life

E' risaputo che le condizioni meteo in Inghilterra non siano sempre idilliache, la pioggia e l'umidità sono spesso presenze costanti con cui convivere e che rendono i mesi autunnali e invernali ancora più freddi e grigi.

Ebbene, sole a catinelle a York dal primo giorno del nostro arrivo. Giornate stupende e clima straordinariamente mite per il periodo.
Sì, ma nei giorni in cui si andava a sgobbare perché nei weekend era acqua in forma: drizzly, rain, showers.
E te pareva? Grrr!

Alla frase "Sabato andiamo a Castle Howard, chi viene?" si sapeva già che avrebbe piovuto. Matematico.
E' che non potevamo rimandare, perché noi saremmo rimasti in Inghilterra ancora qualche giorno e per lo più era un'occasione da non perdere visto che in quel periodo la dimora è sempre chiusa e quel sabato era eccezionalmente aperta per una mostra/esposizione/mercatino.

Potevamo rinunciare a visitare cotanta meraviglia? No, no, assolutamente no.

Cosa fare e vedere a Castle Howard Inghilterra UK what to see and do consigli di viaggio trip advices reggia inglese

Ma vediamo di cosa si tratta un pochino più in dettaglio.
Castle Howard è una famosa e gigantesca residenza situata a ventiquattro chilometri a nord di York nella verdeggiante campagna inglese, per la precisione nel North Yorkshire. All'apparenza sembra un castello (come anche il nome lascerebbe ad intendere), ma si tratta più di una enorme e ricca dimora privata che venne fatta costruire dal Conte Charles Howard fra il 1699 e il 1712 e ancora oggi appartenente all'omonima famiglia discendente.
L'edificio è così bello, maestoso e dall'alto valore storico da essere stato inserito nell'elenco delle Treasure Houses of England.


Castle Howard è immerso nel verde, fra le dolcissime colline della campagna inglese. Noi siamo arrivati in autobus (da York centro) in circa quaranta minuti di viaggio. La fermata è vicinissima all'ingresso della biglietteria che si trova in un complesso di strutture che raccolgono anche un gift shop, un negozio di souvenir e un coffee shop.
Gli orari di apertura e le fasce di costo dei biglietti si differenziano per alta e bassa stagione. Inoltre, come dicevo poco innanzi, la struttura rimane chiusa generalmente dal 1° novembre al 22 dicembre. Ad ogni modo è possibile verificare gli orari di apertura e il tariffario per l'ingresso a questo link qui.


Una volta acquistato il biglietto (che nel nostro caso era maggiorato per via della mostra/mercatino) abbiamo atteso qualche minuto per salire sul bus navetta che porta direttamente all'ingresso di Castle Howard. La distanza non è molta e anzi, se si può consigliamo di fare quattro passi a piedi per godere al meglio della natura intorno. Nel nostro caso però pioveva a catinelle e quindi abbiamo optato per il servizio "dry&clean". ;-)


La parte visitabile (nel giorno in cui abbiamo fatto visita noi) era molto esigua rispetto alla grandezza della struttura e non sappiamo dire se sia stato solo il caso nostro o se sia la norma. Fatto sta che abbiamo visitato i corridoi di collegamento fra sale, dove si trovano numerose statue, busti e altre opere d'arte e l'antro delle scale dove sulle nostre teste svettava una bellissima cupola dalla volta affrescata.


Le sale interne sono molto belle, riccamente arredate e purtroppo io sono riuscita a fare pochissime foto (e fra le poche rarissime decenti) per via delle bancarelle o del grande afflusso di gente che c'era quel giorno. Ad ogni modo le sale si distinguono facilmente per i colori delle pareti.
Sono rimasta incantata dai bellissimi quadri, dai numerosi ritratti di donne, uomini, scene di vita quotidiana e dai bellissimi lampadari che pendevano dagli alti soffitti.


In uno dei collage sopra si vede una libreria piena di volumi. Mi sono divertita a leggerne i titoli e con mia grande sorpresa mi sono accorta che moltissimi erano anziché in inglese, in francese; trattavano di poemi letterari, geografia e storia per lo più europea.
Ho immaginato chi possa averli sfogliati, chi si fosse messo a leggere questi libri al caldo del camino, comodo su queste ricche poltrone mentre fuori faceva lo stesso tempo, ossia una pioggia fitta che inzuppava i prati intorno.


Finito il giro interno abbiamo preso coraggio e in barba alla pioggia e al freddo (per un po' ha tirato anche vento) siamo usciti all'aperto e abbiamo zonzolato per i giardini tutto intorno.
Stava calando la sera e i colori del tramonto tingevano il cielo di colori davvero magnifici. Ha smesso di piovere qualche minuto più tardi e ricordo questo posto con nuvole dai colori pastello, il cielo infuocato e due favolosi arcobaleni che collegavano il cielo alla terra. Praticamente sono stata folgorata dalla bellezza di questo luogo all'istante.

Il parco intorno è veramente enorme e le attrazioni da ammirare sono numerose. Qua sotto riporto la mappa del luogo che ho scaricato direttamente dal sito ufficiale e che rende un'idea di quante cose ci siano da fare e vedere.


Si trovano il Tempio dei quattro venti, un mausoleo, una serie di laghi e laghetti (con possibilità di boat trip), un giardino botanico, un obelisco, una splendida fontana (non sempre in funzione) e una curiosa statua di un cinghiale accucciato.
Questo posto è stato set di numerosi film e ospita durante l'anno anche gare di corsa o altri eventi di beneficienza.
All'interno della dimora inoltre sono presenti anche un un ristorante a buffet e servizi igienici.

Con l'arrivo della primavera e della bella stagione questa zonzolata è una di quelle che se ci si trova nei pressi di York vale proprio la pena di fare. Basti pensare che se è piaciuta tanto a noi che ci siamo inzuppati fradici, non immagino quanto bella possa essere se vissuta in una splendida giornata di sole fino al tramonto, magari facendo un bel picnic all'aria aperta.

12 commenti:

  1. Quando potrò fare un viaggio sarai tu la prima alla quale chiederò tutto... Buona domenica e stupenda visita grazie.

    RispondiElimina
  2. che, bello ragazzi non lo avevo mai visto, grazie

    RispondiElimina
  3. WOW una specie di Versailles nella campagna inglese. Il palazzo e' davvero stupedno, peccato che piovesse perche' deve essere proprio bello passeggiare per il parco. La foto della biblioteca e' fantastica

    RispondiElimina
  4. In questi giorni sto leggendo un romanzo ambientato nello Yorkshire e il tuo post, mi ha reso meglio l'idea del posto. Un bacio

    RispondiElimina
  5. Leggerti è come avere una finestra aperta sul mondo... che meraviglia!!!! Non conoscevo questo castello è veramente veramente bello! Un bascione gioia!

    RispondiElimina
  6. ne hai parlato così bene che la aggiungo alle cose da vedere in Inghilterra, grazie !

    RispondiElimina
  7. Ma io ti adoroooo ...quanto amo i tuoi post...grazie veramente grazie amica foto stupende e spiegazioni dettagliate!!!ti abbraccio

    RispondiElimina
  8. Eh già, fastidiosetta la pioggia! Però in Inghillterra è caratteristica e contribuisce un po' al fascino romantico :)
    Bellissimo tutto cara, complimenti!

    RispondiElimina
  9. Mamma mia che luoghi fantastici.... che voglia di partire subito!!!!

    RispondiElimina
  10. Un abbraccio a tutti, buona settimana e grazie per essere passati! Ricambierò al più presto. :-)

    RispondiElimina
  11. Ma povero Massi e solo.per aver chiamato gli gnudi gnoccoloni ahahah..Altro che povero con la sua innocenza si è guadagnato un bel piatto di pallottolone squisite....uhhh me le infilerei in bocca una dopo l'altra tipo mitraglietta!Belli e buoni toscana bella..Leggevo ad alta voce la tue chiacchiere in dialetto e come al solito mi so divertita oltre che ingolosita!Bacio cara!

    RispondiElimina

Torna su