Enjoy food, travels and life

Elena: "Massi, ma quant'è che non si va a fare una zonzolatina a Firenze? Ci saranno sempre l'Arno, Ponte Vecchio, gli Uffizi e il Battistero? Bisogna andare a dare una controllatina eh. Che dici?"
Massimiliano: "Boh, mi sa che è veramente un sacco. Non me lo ricordo nemmeno io quant'è. Maaaaa... già che ci siamo, perché dopo tutte ste cose non andiamo pure a dare una controllata se ci sono ancora i paninazzi con il lampredotto o la finocchiona?"

Detto fatto!
Di lì a qualche giorno zonzolando per Firenze:
✔ Arno
✔ Ponte Vecchio
✔ Uffizi
✔ Battistero
✔ (tanto altro...)
Check effettuato. A Firenze in una giornata splendida e dal clima perfetto c'era tutto: la solita marea di turisti, noi che saremo stati immortalati in chissà quante miliardi di foto sparse per il mondo, gli infiniti angoli da visitare, la miriade di monumenti da ammirare, tutto straordinariamente bello come nei nostri ricordi.
Firenze c'era, splendida come sempre, piena di cose da raccontare, ma questo magari in un altro post.
Oggi vi parliamo dell'ultimo check che abbiamo fatto:

✔ Mega-panini con finocchiona o lampredotto

Non si può zonzolare per Firenze senza una bella, grossa e saporita schiacciata (focaccia) farcita con dell'ottima finocchiona o con un favoloso paninazzo traboccante di lampredotto: le due vere e proprie istituzioni culinarie di questa città.

Per chi non le conoscesse ecco una breve descrizione:
- la finocchiona è un tipico insaccato toscano a base di carne di maiale macinata e aromatizzata con semi di finocchio, aspetto da cui prende il nome. La sua storia è davvero particolare poiché i semi di finocchio non venivano impiegati tanto per l'aroma o per una migliore conservazione, quanto per nascondere o mascherare l'eventuale deterioramento delle carni impiegate.
E' proprio da questa pratica che è nata l'espressione "infinocchiare" nel senso di ingannare.

- il lampredotto è un trito fatto con il quarto stomaco bovino, l'abomaso, localmente soprannominato per l'appunto lampredotto. Essendo una frattaglie costituiva un piatto povero della cucina fiorentina mentre oggi invece rappresenta un piatto della tradizione rinomato e ricercato. I "trippai da strada" a Firenze sono tantissimi e lo servono nel "semelle" (il panino) assieme a varie aggiunte, come la nota salsa verde, olio piccante o salse aromatiche in versione "bagnato" ossia quando una metà del pane viene intriso di sughi per renderlo ancora più gustoso.

I posti dove mangiare queste due specialità gastronomiche sono moltissimi; noi oggi abbiamo deciso di raccontarvi di un posticino dove siamo rimasti soddisfatti, ovviamente facendolo come sempre senza alcun interesse, semplicemente raccontando la nostra impressione: "All'antico Vinaio".


Questo locale, che si trova a due passi dal centro, è veramente minuscolo. A destra dell'entrata uno stretto bancone corre lungo la parete, ma è difficile sostare nelle ore di punta perché il negozio è sempre straripante di gente. Questa foto l'abbiamo scattata la mattina presto, quando gli stomaci sono per lo più propensi a mettere in pancia un cornetto o una brioche piuttosto che un paninazzo di proporzioni considerevoli bello rimpinzato.


L'interno è rivestito in modo caratteristico, fra bottiglie e salumi appesi compaiono anche simpatici cartelli in dialetto degni dell'ilarità toscana. Anche il personale è cordiale e propenso alla battuta, ma soprattutto a consigliare il migliore abbinamento fra gli ingredienti esposti.
Sì, i panini o le focacce vengono infatti preparati sul momento con gli ingredienti a disposizione dietro il bancone. Si va dai classici salumi come prosciutto, finocchiona, salame, porchetta, lampredotto (non tutti i giorni, se non sbaglio mi par d'aver capito solo il giovedì), formaggi, mozzarella, burrata, verdure e salse varie (verde, al pecorino, ai carciofi ecc.).


Le focacce arrivano fresche fresche man mano che servono dall'osteria antistante che prende lo stesso nome e in cui ci si può sedere e ordinare taglieri di salumi, pappa al pomodoro o altre specialità (purtroppo quando siamo andati noi il locale era chiuso).
Ecco qua un signore che ho immortalato frettolosamente mentre eravamo in fila, che portava i rifornimenti ai ragazzi dietro al bancone. Non vi dico gli sguardi affamati della gente in coda che seguivano questo tagliere nell'attraversamento della strada.


Noi decisi a provare un po' di tutto e a dividercelo ci siamo fatti consigliare nell'abbinamento e il risultato finale è stato: una generosa dose (evvai!) di schiacciata con finocchiona, melanzane, crema di pecorino e un'altra schiacciata (sempre gigante) con prosciutto crudo, rucola, burrata e crema di carciofi.
Fa-vo-lo-se!


Purtroppo ne sono riuscita a fotografare una sola, l'altra era già stata intaccata dalle nostre fauci fameliche che, causa attesa prolungata in coda, non rispondevano più al nostro controllo. :-)
Il tutto per la modica e onesta cifra di 5,00 Euro a focaccia.
Torneremo? A queste condizioni, garantito!

Riassumendo:
Periodo: aprile 2014
Dove: All'antico Vinaio - via De' Neri, 65/n - 50122 Firenze
Pregi: ottimi panini, ottima qualità prezzo, personale cordiale.
Difetti: locale minuscolo, impossibile mangiarci dentro per il viavai, lunga coda per l'attesa soprattutto nelle ore di punta.

16 commenti:

  1. Ti avrei accompagnato volentieri, se solo avessi potuto!!! Sappilo per la prossima volta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La prossima volta ti chiamo :-) Contaci!!!

      Elimina
  2. Miii che fame mi hai fatto venire. Quelle focacce farcite sono davvero invitanti, ma anche quella pila sul tagliere del garzone non scherzano mica :-)
    Firenze è sempre stupenda, e merita sempre una visita. Il cartello scritto col gesso è STUPENDO!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah sì, è troppo forte e all'interno ce n'erano anche di altri bellissimi :-)

      Elimina
  3. Il tutto a questo prezzo? Non male affatto...bellissime le foto. Buondì! ;) NI

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! :-) Buon pomeriggio cara!

      Elimina
  4. grande un bel reportage sulla Firenze piacevolmente mangiona

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E dove si mangia noi ci fiondiamo ehheeheh Grazie Carmine!

      Elimina
  5. Eh no, l'orario di merenda si avvicina e io non so cosa farei per una focaccia farcita con il lampredotto!!! belli sempre i vostri giri, proprio nel week end pensavo di tornare a firenze, non ci vado dal'96, preistoria!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so dirti quando fosse la nostra ultima volta, forse non così lontana come la tua. Tornare è sempre un piacere, Firenze è magica!

      Elimina
  6. Non ho mai assaggiato il panino col lampredotto! Devo assolutamente rimediare! Bellissimo reportage fotografico! ...il dialetto e l'ilarità toscana sono veramente unici!
    ciao ciao e a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo, un popolo e una terra stupendi, tradizioni favolose e piatti spettacolari :-) Grazie cara e a presto :-)

      Elimina
  7. Che voglia di tornare a Firenze!!! Volevo andarci per il 25 aprile ma non ci sono riuscita!
    E che fame....questi panini e queste focacce devono essere incredibilmente buoni!!!!:)
    Un bacione Elena! Buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che siamo andati proprio in occasione di quel ponte, magari ci saremmo incrociate ehhehe Bacioni a te cara!

      Elimina
  8. wowww!!! ma che bella zonzolata! e che paninazzi....mmmmm

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Annalisa, se vai a Firenze li devi assolutamente provare :-) Baci

      Elimina

Torna su