Enjoy food, travels and life

Dove si mangia il BBQ più buono degli Stati Uniti d'America?
Beh, se il Texas è la patria del BBQ e Lockhart è stata proclamata con tanto di delibera da parte del Senato la capitale texana del BBQ, allora non possiamo che essere nella città dove si gusta uno dei migliori barbecue USA!

Andare in Texas e non assaggiare una T-Bone o un BBQ fatto come si deve è come andare a Pisa e non vedere la Torre pendente, è come andare a Napoli e non assaggiare una pizza, 'un si po' sentì via!
E così ci siamo fiondati a venticinque miglia a sud-est di Austin, settantaquattro miglia a nord-est di San Antonio e centocinquantotto miglia da Houston, ossia nella famigerata Lockhart: una cittadina americana che più classica non ce n'è, con edifici bassi e sparpagliati e con una densità casa/acro da far invidia ai capelli di Claudio Bisio.

A vederla non gli si darebbero due cent, eppure ospita quattro dei BBQ più famosi al mondo. L'amministrazione va talmente fiera di questo fatto che ha dedicato una pagina Web sul proprio sito Internet a questi locali riportando una breve presentazione e le indicazioni su come raggiungerli.

Ci ispiravano molto tutti quanti, ma purtroppo dovendo per forza di cose scegliere, ci siamo prima ben informati e fatti un'idea. Nonostante il nostro giudizio si possa fermare solo al locale che abbiamo scelto e di cui vi andiamo a parlare, dobbiamo ammettere che siamo rimasti veramente molto soddisfatti: il Black's Barbecue ci è piaciuto un sacco.

Il BBQ più buono degli Stati Uniti d'America recensione

Questo locale è conosciutissimo anche a livello internazionale e le sue origini risalgono al lontano 1932, che per noi magari può sembrare l'altro ieri, ma per la storia degli USA è davvero paragonabile a una pietra miliare; inoltre è gestito ancora dalla stessa famiglia che lo ha fondato.
Sul sito Internet di questo ristorante (questo qui) si possono anche trovare numerose delle pubblicazioni in cui è stato citato e i vari riconoscimenti che ha ottenuto.

Arrivati a Lockhart non è difficile trovarlo anche se non si ha un navigatore in macchina. Lungo la strada principale infatti ci sono grandi cartelli che indicano con frecce enormi la direzione giusta da prendere.


L'interno è spartano, i tavoli sono rivestiti con tovaglie di plastica e le pareti ricoperte con boiserie di legno tappezzate di foto, ricordi e riconoscimenti. Il profumo di carne affumicata è forte e straordinariamente appetitoso tant'è che già sull'ingresso i succhi gastrici partono a mille. Che la foto non inganni, il locale è sempre pieno; siamo noi che ci siamo trovati a pranzare in un orario non proprio consono a quello del posto.


Appena varcata la soglia si trovano due buffet sulla destra dei quali si possono scegliere a piacimento i contorni per la carne e gli eventuali dolci. Riso, fagioli, fagiolini, smashed potatoes a volontà. Al termine dei buffet si possono prendere anche pane e salse.


Si arriva poi al fatidico bancone dove vengono servite le carni: succulente, prelibate e tagliate sotto i nostri occhi. Scegliamo dal menù affisso alla parete Beef brisket e Veal brisket (entrambi a peso).
Ho chiesto al signore qua sotto se potevo fotografarlo e lui come se fosse perfettamente abituato a questo tipo di richieste si è messo subito in posa sorridente; era anche un sacco simpatico.


Proprio come la versione originale, esattamente come si faceva una volta, la carne viene servita su carta da macellaio, soprattutto la beef essendo molto grassa e unta. Errore mio che pensavo che andasse nel terzo posto del piatto che è stato poi occupato da un misero paninetto. Il Beef brisket è tenerissimo, grasso, succoso, profumato... irresistibile. Il coltello? Un arnese inutile, questa carne è straordinariamente morbida: knife free! ;-)


Il Veal brisket invece ci viene posizionato sul piatto, essendo molto più magro e asciutto. In ogni caso è morbidissimo e si lascia mangiare davvero volentieri. Sui tavoli e nell'angolo bevande si trovano salse di accompagnamento, ma su questa carne secondo noi è un reato metterle, è volerla rovinare.


A dirla tutta per non perdere il calore della carne abbiamo mangiato tutto troppo in fretta (ahimè in perfetto stile USA) per cui il consiglio che ci sentiamo di dare per gustare al meglio questa prelibatezza senza affogarsi è quello di ordinare due volte metà della carne, oppure assaggiare un piatto di portata alla volta e dividerlo al momento.

Per il resto era tutto quanto cattivo, indigesto e immangiabile, tanto che abbiamo dovuto lasciare tutto nel piatto, come si vede nella foto sotto. ;-)


Riassumendo:
Periodo: febbraio 2014
Dove: Black's Barbecue, 215 North Main Street - Lockhart (Texas, USA)
Pregi: ottima cucina, locale davvero caratteristico.
Difetti: stoviglie di carta o plastica, il bagno.

E mentre scrivo questo post mi viene in mente la foto del piccolo souvenir che ci siamo portati a casa da questa zonzolata e che avevo pubblicato su Instagram qualche tempo fa: il bicchiere con cui abbiamo pasteggiato queste succulente e deliziose carni.
La scritta "Take me back to" non può che essere un auspicio, anche se non so se si realizzerà mai. Ma sognare non costa niente, no? :-)
Già mi parte la salivazione...


Look forward to seeing you again Black's BBQ! :-)

10 commenti:

  1. Mamma mia mi sento male.. non potrei andar là.. mi strafogherei di tutto uscendo rotolando dal locale....-) smackkkk

    RispondiElimina
  2. Quanto mi piacerebbe assaggiare questo bbq!!!!! E che voglia di tornare in America!!!!:)
    Un bacione cara!

    RispondiElimina
  3. Io adoro la carne ma non quella stopposa ma quella che hai mangiato tu mamma mia ho la salivazione alle stelle. Buona serata

    RispondiElimina
  4. ne vale la pena senza ombra di dubbio!!!!bellissimo post

    RispondiElimina
  5. Leggendo questo articolo e guardando le foto mi è venuta una fame.... :D non và bene... devo fare un pò di dieta! :D

    RispondiElimina
  6. Vedendo queste foto, non solo la fame si è già affacciata, ma la mia voglia di andare in America è cresciuta a dismisura!!!

    RispondiElimina
  7. Ma dai, ti sei portata a casa in valigia il bicchiere? oltre tutto di plastica immagino, quindi a rischio rottura quasi assicurata. Sei una GRNADISSIMAAAAAA. E' da queste cose che si vede il vero viaggiatore ;-)
    In effetti la mise en place lascia un po' a desiderare ma ho vari amici che sono stati da quelle parti e mi hanno tutti decantato le meraviglie del BBQ in quella zona

    RispondiElimina
  8. In effetti la carne è molto invitante.

    RispondiElimina
  9. Wow che bello questo post. e' come se avessi fatto una toccata e fuga con voi a gustare quella carne succulenta!!!!

    a presto!!!

    RispondiElimina
  10. A rivedere le foto mette salivazione anche a me! Grazie di essere passati a trovarci e per aver lasciato i vostri bellissimi commenti :-) Un abbraccio

    RispondiElimina

Torna su