Enjoy food, travels and life

Oggi è il World Bread Day, giornata che festeggia il pane come simbolo di solidarietà e prodotto alimentare universale di base che caratterizza e allo stesso tempo accomuna culture diverse tramite le sue preparazioni più disparate.
Purtroppo il pane costituisce ancora per molti un prodotto di lusso per cui mi piace sfruttare questa giornata anche per sensibilizzare l'opinione pubblica e ricordare che non tutti sono fortunati come noi che il cibo non solo ce lo mettiamo in pancia senza tanto appetito ma ci prendiamo pure lo sfizio di fotografarlo.

Proprio perché con prodotti base come farina e acqua si possono ottenere nelle varie culture mondiali prodotti così differenti e disparati tramite diverse miscele, fermentazioni, cotture e forme, ho deciso quest'anno di festeggiare con una ricetta messicana, uno dei piatti preferiti del mio Massi: le tortillas.
In giro per gli USA non se le faceva mai mancare, in tutte le loro declinazioni.
E come dargli torto? Sono buonissime, da sé a mo' di pane, ma soprattutto ripiene.

Replicarle a casa può essere davvero semplice e si possono ottenere risultati grandiosi seguendo alcuni accorgimenti.
Come al solito prima di scrivere il post ho sperimentato un bel po'. Vi lascio la mia versione, cercando di rimanere il più possibile fedele a quella originale.

Vediamo prima però le principali difficoltà che si possono incontrare:

1) Reperire gli ingredienti giusti, o meglio l'ingrediente giusto.
Oltre a farina, acqua e sale per fare le tortillas infatti non serve proprio niente. Non si devono usare né grassi come per esempio nelle piadine, né tantomeno lieviti. L'ingrediente difficile da reperire in questo caso è la farina di mais bianco, la masa harina.
Non si parla infatti di farina di grano, né di farina di mais (quella gialla che comunemente conosciamo per intenderci). Questo tipo di farina non ha la raffinatezza della farina 00 e neanche la ruvidezza di quella di mais classica, ha tendenza appiccicosa e trattiene un buon quantitativo di acqua.
Di solito si riesce a trovare nei negozi che vendono prodotti etnici o nei grandi supermercati ed è adatta ai celiaci che quindi possono consumare le tortillas tranquillamente (è bene comunque controllare che la confezione riporti indicazioni precise).
Se proprio non si riesce a trovarla si può sostituire con 50% di farina di grano 00 e 50% di amido di mais, ma in questo caso però per i celiaci non andrà più bene e comunque il risultato non sarà proprio lo stesso.

2) Avere gli strumenti giusti.
Per preparare le tortillas messicane originali occorre una tortillera per pressare la pasta e una piastra speciale chiamata "comal" per la cottura. Io non ho né la tortillera, né il comal ma mi sono arrangiata lo stesso con qualche trucchetto (vedi preparazione qua sotto).

3) Mantenere le tortillas morbide.
Quando si mangiano le tortillas messicane la pasta è morbida, non tostata, si piegano facilmente senza rompersi, al massimo si sfaldano un pochino. In questo caso il segreto è nella cottura e nella conservazione del prodotto (vedi preparazione qua sotto).

Tortillas messicane preparate in casa ricetta tradizionale - perfect tortillas recipe

Tortillas messicane

Preparazione: 30 min.Cottura: 15 min.Riposo: 15 min.
Porzioni: 4 (8 tortillas) Kcal/porzione: 180 circa
Ingredienti:

  • 200 g farina di mais bianco¹ (masa harina)
  • 300 ml di acqua a temperatura ambiente
  • 5 g di sale
Preparazione:

Impasto e stesura:
  1. Versare la farina setacciata in una ciotola e, poco a poco mescolando piano con le dita, unire a filo l'acqua tiepida con il sale disciolto.
  2. Impastare fino ad ottenere una palla morbida e omogenea (a me ricorda il marzapane). Coprire la ciotola con un panno e lasciare riposare per almeno 15 minuti in un luogo lontano da correnti d'aria.
  3. Prendere l'impasto e dividerlo in 6-8 palline del peso di circa 65-70 g.
  4. A questo punto se si ha la tortillera posizionare la pallina all'interno e pressare. Per chi come me non ce l'ha prendere due fogli di pellicola trasparente (i migliori sono tipo quelli del prosciutto, ma anche la classica pellicola o addirittura carta forno vanno bene) e stendere il primo strato sul piano di lavoro, posizionare la pallina un po' appiattita sopra e rivestirla con l'altro foglio di pellicola.
  5. Pressare con una pirofila, con una pentola (spingendo dai manici) o con un matterello la pasta fino ad ottenere uno spessore molto sottile di circa 1-2 mm al massimo. Avete un moroso, un amico energumeno o un parente con cromosoma Y e una buona dose di testosterone e muscoli? E' il momento di farli sentire importanti!² :-)
    Così facendo si dovrebbero ottenere delle tortillas tonde del ø di circa 18 cm.
Cottura e conservazione:
E' bene che la cottura avvenga poco prima di consumarle in modo da non farle seccare ulteriormente all'aria e raffreddare (devono essere consumate assolutamente calde).
  1. Riscaldare il comal, o una padella antiaderente (non unta) con il fondo spesso.
  2. Una volta rovente, a fuoco medio, cuocere la tortilla per al massimo 1 minuto per lato. Qualora vista l'umidità dell'impasto si facesse fatica a staccarle dalla carta forno senza romperle, togliere lo strato superiore e rigirarle direttamente in padella ancora attaccate all'altro foglio, attendere qualche secondo in modo che l'amido gelatinizzi e poi staccare delicatamente la carta forno.
  3. In cottura potrebbero gonfiarsi ma niente paura: se non si sgonfia da sé basta forare delicatamente le sacche d'aria con uno stuzzicadenti. Se la tortilla sarà ben sottile e con una buona umidità manterrà la sua morbidezza.
    In cottura non deve tostare e non dovrebbero formarsi crosticine nere.
  4. Man mano che si procede nella cottura impilarle una sull'altra intervallate con carta forno e coperte con pellicola d'alluminio o uno o più canovacci in modo da mantenerle il più possibile al caldo. Va benissimo anche in forno purché non troppo caldo e con un recipiente pieno d'acqua sul fondo che mantenga l'umidità³.
Note:

  1. Nel caso di persone intolleranti al glutine leggere attentamente l'etichetta del prodotto.
  2. Assolutamente da non fare: stendere la palla su una superficie infarinata! No way!
    La tortilla non deve prendere altra farina, deve tenere la sua buona dose di umidità altrimenti in cottura perderà la sua elasticità e classica morbidezza. E' proprio per questo motivo che la stendiamo fra due fogli: per non farla attaccare e per non farle perdere umidità.
  3. In caso si fossero seccate troppo fare questa operazione "di emergenza": metterle nel microonde 1-2 alla volta e azionarlo ad alta potenza per 15 secondi. Torneranno morbide per essere servite immediatamente con il ripieno scelto.
www.zonzolando.com © - All rights reserved

Di solito sono farcite con fagioli, riso, carne (o frutti di mare), salsa guacamole, formaggio, verdure e chi più ne ha più ne metta.
Si differenziano poi a seconda del modo di essere ripiegate e/o cotte in:

Burritos: (asinelli, i più famosi! :-) ) tortillas ripiene ripiegate ai lati e poi arrotolate su se stesse a fagottino.

Enchiladas: tortillas arrotolate con il ripieno su loro stesse e cotte in forno, tipo i nostri cannelloni.

Fajitas: in questo caso si parla di accompagnamento poiché le fajitas sono strisce di carne cotte alla piastra con verdure varie. La tortilla è servita accanto o sotto a questo piatto.

Tacos: per nostra esperienza sono tortillas di dimensioni più piccole e generalmente piegate a metà e farcite. Possono trovarsi anche in versione fritta.

Empanadas: tortillas a mezzaluna ripiene di carne (talvolta mista), cipolle o altre verdure.

Tortilla Chips: tortillas tagliate secondo il diametro in ottavi (o più a seconda delle dimensioni) e fritte in olio bollente. Esistono poi anche queste qui nella versione con la farina gialla - tipo quelle che si trovano al supermercato per capirci.


Ecco il logo del contest di oggi:


Spero tanto di potervi mostrare tutti questi piatti nelle varie versioni che abbiamo provato al più presto.

Vi ricordo infine anche la ricetta con cui abbiamo ricordato il World Bread Day l'anno scorso: i deliziosi panini sassoni Laugenbrot.

Buona giornata paninosa a tutti! :-)

39 commenti:

  1. mi è venuta tanta voglia di rifarle osservando tutte le tue istruzioni che sono dettagliatissime! grazie per aver condiviso con noi queste buonissime tortillas e per averci dato tante dritte!! ora mi metto alla ricerca della farina!
    baci

    RispondiElimina
  2. Finalmente mi hai illuminato sulla differenza tra fajitas,tacos e burritos...negli usa non sapevo mai cosa fosse ma tanto non potendo mangiare il mais le evitavo comunque...
    Le tue sono perfette, chissà che buone!! Un bacino

    RispondiElimina
  3. sai che l'altro giorno stavo giusto cercando in rete una ricetta per poterle fare?ti sono venute pefrfette...ovio che scelgo la tua!

    RispondiElimina
  4. E' una vita che voglio provarle ma ero come Lucy alla ricerca di una ricetta perfetta e con te non posso sbalgiare e tra l'altro oggi siamo in stile messicano entrambe:D!!Bacioni,Imma

    RispondiElimina
  5. Sono meravigliose sai?
    Appena finito il trasloco cerco la farina di mais bianca. Io faccio una mia versione povera di queste ma voglio fare le cose per bene e seguirti.
    Ti mando tanti baci

    RispondiElimina
  6. Bellissime le tue tortillas
    ottima scelta per il WBD il tuo post poi è superlativo

    un caloroso abbraccio
    Manu

    RispondiElimina
  7. Non sapevo di questa giornata! hai fatto bene a ricordare il valore del pane, tramite questo post! Le tortillas ti sono venute perfette!! Complimenti :)

    RispondiElimina
  8. Nell'isolotto piovoso le compravo sempre, non sarebbe una cattiva idea imparare a farle, no? :D Mi hai ricordato tu del World Bread Day stamattina... cercherò di rimediare! Un bacio!

    RispondiElimina
  9. Mi piacicono molto.. ma non ho una ricetta.. Grazie.. le tue son perfette.. baciotti :-)

    RispondiElimina
  10. Mi piacciono un sacco le tortillas!!! Non ho mai preso in considerazione di farle, di solito le mangio al messicano :P
    Le tue sono venute davvero splendide!! Complimenti :)
    Un abbraccio cara! :**

    RispondiElimina
  11. grandeeee!!! alcuni questi trucchetti sono in comune con il chapati, che faccio almeno 1 volta la settimana con gli avanzi di pasta madre, con la differenza che al chapati DEVONO venire le bolle nere. So anche dove trovare la masa harina, quindi non ho proprio scuse: la prossima volta TORTILLAS!!

    RispondiElimina
  12. Oh finalmente una descrizione esauriente di tutte le varianti sull'utilizzo delle tortillas. Confesso che non avevo mai capito bene la differenza tra tortillas/burritos/fajitas. Mi hai venire una fame...

    RispondiElimina
  13. sembra facile ma non è io uso le tortillas per fare i wrap sono buonissimi

    RispondiElimina
  14. Quante informazioni utili :-) il mio panino preferito in questo periodo é proprio "l'arrotolato" con le tortillas, adesso so che posso provare a rifarle!

    RispondiElimina
  15. che buone che sono!!! quante ne ho mangiate in messico!

    RispondiElimina
  16. Caspita, nel mio caso hai fatto una lezione, vista la mia ignoranza in materia di questa tipologia di cucina.
    Complimenti.

    RispondiElimina
  17. Sai che un mese fa circa parlavo con mia cugina e mi diceva di aver comprato le tortillas, io le dico subito:" guarda che puoi farle e sono quasi certa che su un blog che conosco bene ci sia la ricetta!" Corro da te, certa di trovarla, ma non la trovo.. non la cerco da nessun'altra parte..e oggi arrivi con la ricetta! Sarà destino? ^_^
    Appena avrò un attimo libero, cosa impossibile ultimamente, le provo :)
    Ti abbraccio forte!

    RispondiElimina
  18. devo provare a vedere se trovo la farina, cosi le faccio anche io, complimenti a te però, sei bravissima!

    RispondiElimina
  19. Sono assolutamente perfette le tue tortillas,hanno un colore oro chiaro....bravissima!
    grazie anche per l'informazione non ne ero a conoscenza.
    Z&C

    RispondiElimina
  20. Ma tu non sai quanto ne vado matta.... ne ho fatto scorpacciate! Appena trovo la farina di mais bianco le voglio fare... a me piacciono da morire in quesedillas... Ti bascio cara!

    RispondiElimina
  21. ciao gioietta! grazie per qst bel post, chiaro e illuminante! :-)

    RispondiElimina
  22. Che bellezza questo post!le foto,la spiegazione,splendido post.
    Proprio nel weekend ho mangiato faijtas,ed ecco qui trovo le tortillas.
    Segno,e prima o poi ci provo.
    Bravissima!grazie dell accuratezza che metti nei tuoi piatti!

    RispondiElimina
  23. Ciao, grazie di questa bella e interessante pagina. Ottime le tue tortillas e ottime anche tutte le spiegazioni a riguardo.
    A presto, Ada

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ada, piacere di conoscerti :-) E grazie di tutto!

      Elimina
  24. sai che non le ho mai provate? e nemmeno acquistate!! da me reperire la farina adatta sarebbe una impresa quasi impossibile ma... se la trovo non mancherò di provare!! grazie mille per questo bel posto!!

    RispondiElimina
  25. Mi piace la tua tecnica per pressare la pasta :)
    Bellissimo post e ghiotta proposta!!
    Ciao un bacione!!!

    RispondiElimina
  26. Buone!! Io volevo farle ieri sera, un po' diverse, ma non ho avuto tempo e ho fatto un panino :-D

    RispondiElimina
  27. Grazie cara per averci ricordato questa giornata importantissima. Le tortillas sono il piatto preferito di mio marito e con la tua ricetta e le indicazioni posso finalmente farle in casa. Baci

    RispondiElimina
  28. splendido post, grazie!
    ... e grazie anche per come hai spiegato la preparazione della tortilla...sei stata perfetta!

    RispondiElimina
  29. Ciao Elena, non mi hai più vista qui perché sono stata lontana dal web per quasi tre mesi. Non sapevo che il 16 ottobre fosse la giornata mondiale del pane. Me la sono segnata in agenda per il prossimo anno. Ho letto con molto interesse il tuo post, anche se non ho mai mangiato una tortillas...ma tu non dirlo al Massi !

    RispondiElimina
  30. Buonissime! (io che sono metà messicana te lo posso dire!)
    Quando le faccio cerco di ordinare online la farina messicana (si chiama Maseca e la vendono da www.tlaloc.it), altrimenti, nei grossi supermercati nel reparto etnico c'è di solito una farina sudamericana che si chiama PAN. Sempre da Tlaloc trovi anche la tortillera, ma vedo che non ti serve, sono perfette, complimenti! (o, come si dice in Messico: felicidades!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh la tortillera mi servirebbe eccome, non è proprio facile pressarle a mano. Grazie mille Mar come sempre per le tue spiegazioni dettagliate, sei una fonte di conoscenza :-) Un abbraccio

      Elimina
  31. Facciamo una fiesta mexicana! ;)

    Grazie per la tua partecipazione al World Bread Day 2013!

    RispondiElimina
  32. Grazie a tutti!!! Un abbraccio :-)

    RispondiElimina
  33. Ciao Elena, quanto tempo! stavo cercando delle dritte per le tortillas e le tue sono perfette e stupende!!! non so se troverò la farina di mais ...dal 9 febbraio 2015 ospiterò ricette messicane per l'abbecedario mondiale...grazie per questo post e...ti aspetto! Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara, passerò a vedere molto volentieri. Effettivamente nemmeno io la trovo sempre, non è così facile reperirla dalle mie parti. Devo dirti che fa davvero la differenza per il risultato finale quindi incrocio le dita per te :-) Un abbraccio!

      Elimina

Torna su