Enjoy food, travels and life

Ho continuato a rimandare la pubblicazione di questo post da ormai troppo tempo, adesso è l'ora parlarvi di Los Angeles con alcuni dei suoi dintorni più famosi come Malibù, Long Beach, Santa Monica, Venice e infine più a sud San Clemente, prima che sia davvero troppo tardi, e forse lo è già. ;-) Ma si fa quel che si può, no?

Partiamo da Malibù, il nostro attuale punto più a ovest visitato.
A differenza di come ce l'avevano fatta immaginare molti film Malibù è piuttosto piccola (anche se molto lunga con le sue ventisette miglia di costa), dispersiva e prevalentemente residenziale.
In pochi saranno abituati a vederla così, senza bagnini/e superfighi/e che corrono sulla spiaggia con costumini ristrettissimi o piena di bagnanti. Nessuna traccia quindi di Pamelona leggiadra che corre per salvare i bagnanti in finta difficoltà o dei pettorali pompatissimi dei bagnini più famosi della TV. I surfisti invece non mancano mai e intrattengono con le loro prodezze sulle onde i numerosi passanti.

Viaggio a Los Angeles e costa cosa fare e vedere Malibù Venice California USA - Los Angeles holiday trip what do and see

Approfittando della spiaggia deserta abbiamo lasciato la macchina, con non poca fatica visto che è tutto a pagamento, e siamo scesi a fare una lunga passeggiata inzuppando i piedi nelle acque fredde dell'oceano Pacifico. Il vento soffiava costantemente ma l'aria era piacevole e la vista fantastica.
Lungo la nostra zonzolata abbiamo anche lasciato un nostro effimero ricordo sulla sabbia. :-)


Per spostarci abbiamo utilizzato praticamente sempre la nostra macchina o i nostri consumatissimi piedini che di chilometri ne hanno macinati davvero tanti.
Il traffico di Los Angeles ci è parso caotico e frenetico con macchine che come sul raccordo anulare romano sfrecciano a destra e manca (solo che qui è legale!) e le uscite sono punti che davvero conviene non perdere se non si vuole passare il resto della giornata fra raccordi e cavalcavia.
Un navigatore qui non è un optional, per il turista (e forse non solo) è un must!

Abbiamo avuto modo di visitare la famosissima stazione ferroviaria dove sono celebri le scene girate di svariati film.


Impossibile non sedersi per un attimo e ammirare i passanti, i viaggiatori, gli inservienti che vanno e vengono ininterrottamente.
Chissà quante migliaia di persone si sono sedute su queste storiche poltrone e quante ancora lo faranno. Chissà in quanti sono rimasti sbalorditi quanto me di vedere un pavimento tanto lucido e pulito.


Una delusione è stata visitare la Walt Disney Concert Hall (qua sotto) che viene utilizzata come sede per concerti e famose esibizioni. Vuoi per un concerto, vuoi per una gita scolastica, vuoi per gli orari di apertura e chiusura, ma purtroppo non ci è stato possibile mettere il naso in nessuna delle sale e poter vedere neanche uno dei 2265 posti a sedere.


Un'uscita serale praticamente obbligatoria è nei pressi dell'Hard Rock Cafe e della Plaza retrostante decisamente animata e ricca di negozi, luci e giochi d'acqua di fontane illuminate.


Qui non è assolutamente infrequente imbattersi in qualche prima cinematografica: traffico bloccato, transenne un po' ovunque, code di curiosi e orde di poliziotti e buttafuori per qualche SUV dai vetri oscurati che saltuariamente arriva per far scendere qualcuno di famoso.


O almeno che immaginiamo essere famoso, ma che noi non abbiamo saputo riconoscere. Mentre siamo passati abbiamo infatti sentito acclamare e urlare il nome di qualche personaggio famoso che se ho capito bene era qualcosa tipo Eveline.


Voi avete qualche idea di chi possa trattarsi?
Magari questa Eveline è sulla Walk of Fame?
Questo non abbiamo avuto modo di capirlo, ma... guardate, di sicuro c'è Zonzolando! ;-)


Impossibile poi per un'amante del cibo e dei prodotti locali non fare un giro al mercato cittadino. L'aria era piena dei classici profumi di grigliata, di fritto, di panini imbottiti grondanti di salse ricche e untuose. Davvero difficile passare e rimanere insensibili, il nostro stomaco faceva i salti mortali.


Sulle bancarelle abbiamo visto prodotti bellissimi, che però non potrei definire altrettanto saporiti quanto quelli di casa nostra. I frutti fuori stagione disposti con gran maestria regalavano un tripudio di colori da far venire l'acquolina in bocca.


Non poteva mancare nemmeno un giretto in uno dei distretti che hanno resa celebre questa città: Hollywood e una capatina alla scritta più famosa della città incastonata fra le colline aride e cespugliose.


Lasciata la macchina in un parcheggio minuscolo sul retro della collina, si sale per un breve tratto su una strada sterrata fino praticamente a ridosso dei cartelli e la vista che si gode della città è questa.


In macchina abbiamo raggiunto anche le famose colline di Beverly Hills, dove risiedono fra i più celebri attori e divi della TV e del cinema. Incredibili e gigantesche le ville che si intravedono nel verde, quanto inutili i tour che scorrazzano i turisti davanti a cancelli enormi o siepi impenetrabili e indicando dove vive un VIP piuttosto che un altro: tanto non si vede niente e nessuno.


Altrettanto non si può dire per il Rodeo Drive, strada famosa soprattutto per aver visto Julia Robert nei panni della prostituta più famosa della TV nel film Pretty Woman, dove probabilmente qualcuno di famoso ogni tanto si intravede visto che ci sono paparazzi accostati qua e là pronti a cogliere l'attimo.


Un altro assedio di fotografi ma anche di giornalisti lo abbiamo trovato davanti alla centrale di polizia. Dentro le camionette TV o davanti ai riflettori spenti abbiamo visto decine di giornalisti che si ripetevano il discorso, si aggiustavano il trucco, microfoni e vestiti prima di andare in onda.


Lasciata Los Angeles, che di per sé non è che ci sia piaciuta poi così tanto, ci siamo spostati a Long Beach e abbiamo fatto un giretto al Shoreline Village, un insieme di casette coloratissime dove ristoranti e negozietti di souvenir sono pronti a svuotare i portafogli dei visitatori.


Quella che invece pensiamo che valga la pena di visitare e di cui siamo rimasti piacevolmente stupiti è stata Venice con il suo lungomare: un susseguirsi di negozietti, bancarelle e artisti di strada, talvolta alquanto strampalati, che si esibiscono in ogni genere di arte e non.


Quello che davvero non manca sono i colori. Ogni angolo sprizza arte, fantasia e temperamento, talvolta eccesso ma sicuramente tanta allegria.


E infine ecco un breve scorcio di San Clemente (fra Los Angeles e San Diego), con il suo pontile che ospita pescatori, splendidi gabbiani e pellicani e le sue spiagge, pullulanti di surfisti o cultori del jogging o skating.


L'ultima sera da queste parti un cucciolo di foca ha voluto salutarci sul bagnasciuga dell'oceano durante una romantica passeggiata al tramonto. Dopo averci guardato, studiato e scorrazzato davanti ha deciso di ritornare leggiadro fra le onde dell'oceano.


Di balene invece neanche l'ombra, nelle acque intendo... perché sui tetti le abbiamo viste eccome. :-)

16 commenti:

  1. Che meraviglia!! ho visto molte cose dell'america, tra cui anche Santa barbara, ma Los Angeles e le zone limitrofe ancora mi mancano...ancora :)
    Venice Beach sembra davvero carinissima

    RispondiElimina
  2. Amo tantissimo leggere tutti i tuoi reportage di viaggio. Mi fai sognare a occhi aperti...
    Brava...anzi, bravi ragazzi!!!
    :*

    RispondiElimina
  3. Bel reportage, un viaggio fatto un po' insieme a voi!!!
    Alice

    RispondiElimina
  4. Tesoro hai il dono di raccontare i tuoi viaggi al punto che mi sembra di essere stata li con voi!!!Tutto meraviglioso e grazie di aver condiviso con noi queste splendidi immagini!! Bacioni e felice weekend,
    Imma

    RispondiElimina
  5. mamma mia che bel post!!! sono incantata!!

    RispondiElimina
  6. Che meraviglia!!!! Preparerei la valigia e partirei ora!!!:) un bacione!

    RispondiElimina
  7. Magnifico post! Mi hai fatto venir voglia di vedere questi luoghi! Nel mio attuale post e nei precedenti se vuoi trovi il resoconto dell'Isola d'Elba e della montagna, che continuerà anche nei prossimi giorni e inoltre ci sono le pillole di felicità della mia estate! ;) Un bacioneeee e buon weekend!

    RispondiElimina
  8. Che meraviglia! Grazie per queste foto e per questi colori! :**

    RispondiElimina
  9. dio quanto ti adoro...grazie mille per tutti questi post bellissimi mi fai sognare....tutte bellissime le foto ma quando mi sono imbattuta in quella meraviglia di frutta e verdura....mio figlio invece per le chitarre!!!grazieeeeeeeeeeee a presto cara

    RispondiElimina
  10. ogni volta che passo di qui a leggerti mi fai sognare a occhi aperti... Voglio andarci!!!

    RispondiElimina
  11. che nostalgia mi hai fatto venire del mio ultimo viaggio in California!!!

    RispondiElimina
  12. Questo post capita proprio a pennello visto che tra 2 settimane saremo là... :-))))

    RispondiElimina
  13. Un grazie grandissimo a tutti/e! Spero che a chi intraprenderà questo viaggio questo post sia utile e a chi non lo potrà fare per qualsiasi motivo di averlo fatto sognare e di aver vissuto anche se in piccola parte questi posti fantastici. Un bacione e buona settimana :-)

    RispondiElimina
  14. Bellissime foto e colori! Siamo passati da Venice andando a Santa Monica ma non ci siamo fermati, ora che ho visto le tue foto mi è presa tanta voglia di tornarci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono posti incantevoli ma sono sicura che hai compensato con altrettanti di bellissimi :-) Che ricordi è :-) Baci

      Elimina

Torna su