Enjoy food, travels and life

Come promesso nello scorso post parliamo oggi di un tema che ci ha interessato tantissimo e che ci ha fatto sgobbare un bel po': i matrimoni celebrati a Las Vegas e la loro validità in Italia.

Questo argomento è così controverso (se non ci si informa per bene) che abbiamo pensato che meritasse un post a sé e speriamo che possa essere utile a molti di coloro che vorrebbero coronare il loro sogno sposandosi a Las Vegas.

Una sola premessa: questo post è scritto senza alcuna pretesa di sostituirsi a un parere legale, né alle normative e non costituisce pertanto qualcosa che possa essere fatto rivalere a fini giuridici, bensì un resoconto della nostra pura esperienza sull'argomento. Insomma, se avete dubbi leggete qua e informatevi meglio soprattutto in relazione al fatto che le leggi possono cambiare e questo post risale ad indicazioni di gennaio 2013.

I matrimoni a a Las Vegas sono validi in Italia? Weddings in Las Vegas

Veniamo ai fatti.

Las Vegas, lo sappiamo tutti, è una delle città in cui in poco tempo si possono stipulare contratti matrimoniali con poche formalità burocratiche.
Ogni anno si stima che vengano celebrati più di 144.000 matrimoni civili. Si possono celebrare anche i riti religiosi e le cappelle con i vari credo sono numerosissime.
Non si contano nemmeno le agenzie che organizzano i matrimoni con i vari pacchetti a seconda di quanto si è decisi a sborsare per ogni evento: si va da quelli semplicissimi con vestito, cerimonia e foto, a quelli con volo, albergo, vestiti, catering, fiori ecc. Si possono scegliere poi le varie ambientazioni dei matrimoni, da Star Trek a Elvis.
Sul Web non si ha che da sbizzarrirsi nella scelta.

1) Cosa occorre fare per sposarsi a Las Vegas?

Per chi intende sposarsi a Las Vegas occorrono poche ore per fare i documenti, prenotare il luogo e gestire la cerimonia. Un vero gioco da ragazzi!
Basta andare al comune (il marriage licence bureau nella county court house) e farsi fare la licenza matrimoniale che si ottiene compilando allo sportello dedicato un modulo sotto forma di autodichiarazione. Si dichiara di non essere sposati, l'eventuale separazione dei beni eccetera.
Si sceglie la chiesa, cappella o luogo del matrimonio con relativo pacchetto (tramite agenzia o contatto diretto in loco) e si prenota l'orario della cerimonia. Il prezzo varia in funzione degli optional inseriti.
Già con 100-150 $ si possono ottenere le cerimonie più economiche.
Le cappelle sono aperte ventiquattro ore su ventiquattro per cui ci si può sposare a qualsiasi ora.
Nei periodi di alta stagione è opportuno però prenotare con anticipo per non trovarsi a dover aspettare giorni o a sposarsi in orari notturni.
La cerimonia dura poco e il testimone viene assegnato sul momento dall'organizzazione a meno che non se ne abbia (o abbiano) uno già di per sé.
In questo momento è possibile che venga fatto anche un filmino o alcune foto che potrebbero essere extra da pagare a parte.


2) E qui arriva la fatidica domanda: ma il matrimonio contratto a Las Vegas è valido a tutti gli effetti anche in Italia?

Noi vi rispondiamo di sì e vi diciamo anche il perché.
Leggendo sul Web pareri anche piuttosto discordanti (per non dire opposti! - gente che si è sposata e che ritiene di non esserlo in Italia e chi dice invece che basta trascriverlo, chi altri che lo si è e basta) siamo direttamente andati a disturbare l'ufficio del Consolato Generale d'Italia di Los Angeles prima di partire.
La loro risposta in tre parole? Contattate un avvocato.
Sono stati piuttosto celeri nella risposta e dopo un papiro "copiato-incollato" formato standard per ogni email di questo genere ci veniva spiegato che era tutto riportato sul loro sito a questo link.
Sinceramente lo avevo già letto ma non ero ancora soddisfatta della spiegazione.

Abbiamo deciso allora di scrivere direttamente al console del Nevada per il quale ci ha risposto, anche in questo caso in tempi brevi, la sua "collaboratrice volontaria" dicendo che il consolato "non può provvedere a dare consigli e/o conclusioni di carattere legale oltre a quanto già pubblicato sul sito Web del Consolato Generale d’Italia di Los Angeles con giurisdizione territoriale sullo Stato del Nevada."
Ma aggiungendo che "Ogni cittadino italiano ha l'obbligo (il grassetto è una mia aggiunta) di comunicare al Consolato, mediante la trasmissione dei relativi documenti, le variazioni dello stato civile che lo riguardano, quali il matrimonio, la nascita dei figli, il divorzio, il decesso, le variazioni anagrafiche etc."

Non soddisfatti abbiamo deciso di tagliare la testa al toro e contattare un avvocato che, si badi bene, celermente, gentilmente e soprattutto gratuitamente (!) (sì, anche in Italia esiste gente così!) mi ha risposto che il "matrimonio a Las Vegas, trascritto o no in Italia, è perfettamente valido per l'Italia. Pertanto non può celebrare un altro matrimonio in Italia, a meno che, dopo il matrimonio civile a Las Vegas, non volesse fare un matrimonio religioso in Italia. Non si tratterebbe di un matrimonio concordatario per l'insuperabile ragione che Lei sarebbe già sposata, sarebbe un matrimonio solo religioso. Il matrimonio celebrato a Las Vegas senza la preventiva scelta del regime di separazione dei beni, che dovrebbe essere fatta prima del matrimonio al Consolato italiano, sarebbe un matrimonio civile con comunione dei beni."

In sostanza se si vogliono celebrare due matrimoni civili (uno là e uno qua) non si può perché il primo è già valido e si ha l'obbligo di trascriverlo.
Ci si può sposare civilmente a Las Vegas e religiosamente in Italia, o viceversa (ma a questo punto pare che non serva la licenza).


3) Come trascrivere un matrimonio celebrato a Las Vegas (indicazioni aggiornate a febbraio 2013)?

N.B.: i due punti con l'asterisco *1 e *5 sono gli unici documenti che occorre procurare dall’Italia, gli altri sono da richiedere ai vari uffici di Las Vegas e Carson City.

Per la trascrizione occorre presentare:
* 1) Modulo Richiesta Trascrizione in Italia di matrimonio avvenuto all'estero, debitamente compilato.
2) Copia integrale ("Long Form") autenticata del Certificato di Matrimonio.
3) Copia integrale (“Long Form”) autenticata della Licenza di Matrimonio per i matrimoni celebrati in Nevada.
4) "Apostille" (Postilla: Dichiarazione di validità internazionale) rilasciata dal "Segretario di Stato del Nevada", a Carson City, capitale del Nevada.
*5) Certificati di cittadinanza e residenza, rilasciati dal Comune.

IN BASE A NUOVE DISPOSIZIONI GLI SPOSI ITALIANI DOVRANNO PRESENTARE:
- Autocertificazioni, sia per la residenza che per la cittadinanza;
- Fotocopie di passaporti validi (solo le due prime pagine con foto e dati principali, stampate su una sola pagina).

Il Consolato richiede che tutti i documenti di cui ai punti 2), 3) e 4) siano tradotti in italiano da traduttore approvato dal Consolato o da traduttore professionale e certificato.


Anche ottenere il divorzio a Las Vegas e risposarsi è molto facile, rapido e poco costoso, non essendo previsto alcun periodo obbligatorio di separazione legale.


Noi per non essere diseredati dalle rispettive famiglie abbiamo desistito.


N.B.: aggiornamento del 10 Settembre 2013
Come potete vedere dai commenti al post sono stati richiesti la traduzione del certificato di matrimonio e delle apostille in forma anonima per venire incontro alle esigenze di coloro che erano in difficoltà nella trascrizione dei matrimoni avvenuti a Las Vegas. La generosissima Mar ha messo a disposizione questi documenti. Preghiamo tutti gli interessati a questi documenti di contattarci via email all'indirizzo zonzolando@gmail.com.


Aggiornamento del 09 Gennaio 2014:
4) Una volta compilato online il licence marriage occorre fare qualcosa in Italia?

Non occorre fare altro; bisogna avere tutti i documenti in regola: dal passaporto, ai certificati vari come per esempio nel caso di divorzio o se si è vedovi. Non occorrono le pubblicazioni, né prima né dopo la cerimonia.


5) Come funzionano le due settimane di licenza matrimoniale? Da quando decorrono? Occorre aspettare la pubblicazione in Italia per poterne usufruire?

In questo caso bisogna accordarsi con il proprio datore di lavoro. Probabilmente servirà portare una copia del certificato (in inglese) per farsi dare i giorni di congedo.
Tali giorni decorrono solitamente dalla data del matrimonio a Las Vegas, e comprendono sia giorni feriali che festivi. Ovviamente se si è d'accordo con il datore di lavoro si può farli partire prima o dopo la data del matrimonio.
Si ricorda che anche in Italia fa sempre fede la data della cerimonia come data del matrimonio, e non da quando si convalidano i documenti nel Comune di residenza.


Aggiornamento del 19 dicembre 2014:
Per ulteriori informazioni e consigli utili potete trovare anche la storia di Gianluca e Karim qui.

Aggiornamento del 10 novembre 2016:
Per ulteriori informazioni e consigli utili potete trovare anche la storia di Claudia e Massimo qui.

Aggiornamento del 2 febbraio 2017:
Per ulteriori informazioni e consigli utili potete trovare anche la storia di Marianna e Claudio qui.

Aggiornamento del 15 febbraio 2017:
Per ulteriori informazioni e consigli utili potete trovare anche la storia di Elisa e Matteo qui.

137 commenti:

  1. Proprio qualche giorno fa parlando tra amici ci siamo posti lo stesso quesito ma non sapevamo la risposta...grazie per le dritte, ora le comunicherò ai miei amici di chiaccherate ;)
    Fede

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere che sia utile e grazie per il commento Fede! A presto!!

      Elimina
    2. è così facile a las vegas...interessante e chiarificatore questo articolo; ma è un pomeriggio intero che sto cercando consolato per consolato per riuscire a sapere se è possibile sposarsi per esempio in Olanda o in Spagna pur essendo cittadini italiani e non residenti in questi paesi. Sembrerebbe proprio di no; magari qualcuno mi può aiutare nella ricerca indicandomi una via più semplice per sapere proprio tutto. Grazie.

      Elimina
    3. Ciao Carol, grazie per il tuo commento. Non ti so dare indicazioni su questo aspetto, ma confido in qualcuno che ti possa aiutare leggendo il messaggio. Buona serata :-)

      Elimina
    4. Io sto pagando l'assegno divorzile alla mia ex che si è risposata negli USA sempre con un italiano e sono residenti tutti e due in Italia. Qui non hanno registrato il matrimonio, quindi per lo stato italiano non si è risposata, vero?

      Elimina
    5. Caro anonimo, non abbiamo titolo per rispondere a questa domanda. Ti consiglio di contattare un avvocato. Buona serata

      Elimina
  2. Che figataaaa... ed io che credevo fermamente non avesse validità!!!! :-) smackkk

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh... io ci speravo sinceramente :-) Va beh... meglio averlo saputo prima e non aver fatto pastici eheheh bacioni!

      Elimina
  3. Ciao zonzolina bella, io sono sempre lì, accanto al camino, non mi schiodo...Quando troverò qualche pensionato facoltoso disposto a sposarmi lo porterò lì, in fretta e in furia prima che cambi idea :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehm... mi sa che mi manca qualche pezzo sai? Mumble muble hehehehe

      Elimina
  4. Grazie mille per l'informazione..non si può mai sapere!
    Baci e buon inizio settimana.Incoronata

    RispondiElimina
  5. Noooo aspettavo il the end romantico mi sembrava che vi eravate sposati. E' vero cara meglio non fare questo sgarbo alle famiglie ma sarebbe stato cosi' romanticoooo!!!Grazie per le info.Bacibaci.

    RispondiElimina
  6. Io mi sono sposata all'estero (non a Las Vegas, in Giappone.) ma comunque è stato un casino per far arrivare prima tutti i documenti, e in Italia si devono fare le pubblicazioni (che non so per quanto tempo devono essere affisse in comune prima di potersi sposare) e ottenere il nullaosta (si chiama così?), e poi tutto attraverso l'ambasciata quindi immaginati il casino, e mio marito non e' neozelandese quindi anche lui si e' dovuto far fare un mucchio di documenti. Siamo andati in comune con due testimoni l'8 di Ottobre pensando di uscirne sposati, ed invece abbiamo poi scoperto che il 25 Novembre, dopo un'intervista e varie investigazioni, ci hanno finalmente comunicato che da quel giorno eravamo sposati per la legge Giapponese. Quindi abbiamo due anniversari (anzi 3, visto che la festa l'abbiamo fatta l"11 Ottobre). Cosa interessante: quando sono andata all'ambasciata italiana l'addetta consolare mi ha detto: "Ah ti sposi qui in Giappone? Bene, cosi poi puoi divorziare molto più velocemente che in Italia!" Ma ti pare la cosa da dire a una che sta per sposarsi?? Da ridere!

    RispondiElimina
  7. Anch'io pensavo non avesse validità!!!!!! C'è sempre da imparare ^__^ Grazieee!!!
    Un abbraccio e buona settimana!!

    RispondiElimina
  8. Anch'io ero convinta che non fosse obbligatorio trasciverlo e, quindi, non avesse validità.. s'impara sempre!!!

    Not Only Sugar

    RispondiElimina
  9. Quante notizie... grazie, non ne ero a conoscenza! Io ho già "dato" in Italia 14 anni fa e ho faticato talmente tanto che non mi passa minimamente per la testa l'idea di separarmi (non solo per la mancata eredità!)... Un bascione!

    RispondiElimina
  10. Buono a sapersi! Non viaggio, sono sposata da un paio di ere geologiche, non parlo e non capisco l'inglese, maaasisamai!! :D
    Scherzo, sono cose utili da sapere, dei matrimoni a Las Vegas, sinceramente, mi colpisce sempre la parte "superficiale", invece lì fanno sul serio!
    ..questa cosa del matrimonio per le famiglie..sai, anni fa mi ha pesato , però con la consapevolezza di adesso lo rifarei.
    Un bacio, quasi sposini ^_^

    RispondiElimina
  11. Non che mi serva (e anzi mi auguro davvero che non mi servirà mai, di marito me ne basta uno), ma mi hai tolto un dubbio... Ero convinta che non fosse valido.
    Un bacione!! ^_^

    RispondiElimina
  12. Vabbé allora aspetto il post sui divorzi così se dovessi decidere (speriamo mai) di dover fare un passo del genere, almeo faccio tutto in fretta e mi risparmio un bel pò di soldi.
    Comunque per ora tutto bene, quindi hai tempo per prepararti!!! :-DDDD
    Un abbraccio
    alice

    RispondiElimina
  13. Uh si!
    Una mia amica si è sposata a Las Vegas questo inverno e il suo matrimonio è validissimo! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che documenti ha fatto? Ha dovuto poi trascriverlo ?

      Elimina
    2. mi ci son sposato anche io ed ho portato poi i documenti tradotti certificati con apostille e tutto, nel mio Comune, che l'ha reso valido anche in Italia. Ora non ricoedo più con precisione i passaggi, ma di sicuro sul sito del municipio sezione matrimoni, di Las Vegas, bisogna preinserire i dati.

      Elimina
  14. post very interesting...almeno se volessi sposarmi a Las Vegas, almeno ora so come funzione...grazie delle info!!!! :) un bacio cara!

    RispondiElimina
  15. ma tu pensa.. quando siam stati a Las Vegas avevo anche mezzo pensato di sposarmi.. e lui "si va bene tanto in Italia non è valido" caspita potevo farlo.. bello "scherzetto"!! la prossima volta!!! ;-)))

    RispondiElimina
  16. Nonostante sia valido, non lo baratterei mai con quello al modo de noartri !
    Baci

    RispondiElimina
  17. Grazie a tutte!!! Siete dei tesori tutte quante :-) Un abbraccio forte

    RispondiElimina
  18. Ciao! ottimo post ed informazioni corrette!
    io mi sono sposata a Las Vegas e ora sto per fare la trascrizione in Italia. Confermo che il matrimonio è valido in tutto il mondo, solo che per evitare problemi e/o contestazioni bisogna trascriverlo nel paese in cui gli sposi sono residenti.
    Per chi volesse sposarsi a Las Vegas e trascrivere il matrimonio in Italia, è tutto più semplice di quel che sembra, basta solo avere pazienza perché per ricevere il certificato apostillato ci vogliono un paio di mesi, più il tempo che ci vorrà nel proprio comune di residenza per trascriverlo.
    Una precisazione: se si è residenti in Italia il Consolato non c'entra nulla.
    Per richiedere la licenza matrimoniale basta pre-registrarsi online e poi andare a ritirarla (entrambi) presentando i passaporti, ha una validità di 6 mesi. Poi basta cercare un ministro o cappella per fare la cerimonia (dalla più tradizionale e semplice alla più originale). Dopo la cerimonia viene rilasciato un certificato "sourvenir" che non ha validità, nei giorni successivi al matrimonio si dovrà richiedere (di persona o tramite internet) la copia certificata dell'atto di matrimonio al comune di Las Vegas ($15 a copia). Detta copia dovrà poi essere spedita alla Segreteria di Stato americana nello stato del Nevada per apporre l'Apostilla (che sostituisce la legalizzazione) ($20 a copia). Una volta ricevuto il certificato apostillato, questo deve essere tradotto (al comune di Milano mi è stato detto che se uno è in grado di tradurlo da solo lo può fare, poi quando si consegnano i documenti in comune dovrà firmare lì il giuramento che la traduzione è vera) e consegnato al comune che si terrà gli originali, quindi sarebbe utile richiedere un paio di copie del certificato e dell'Apostilla.
    Ovviamente, lo consiglio a tutti, è un'esperienza fantastica e originale, poi al ritorno si può sempre festeggiare con amici e parenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow grazie mille per le tue utilissime informazioni. Sono davvero contenta che il mio blog sia visitato da persone come te che lasciano il loro racconto, la loro storia e soprattutto dettagli fondamentali. Grazie mille e torna a trovarci :-)

      Elimina
    2. Maaa! Per divorziare?? Come si fa?

      Elimina
    3. Tutte le indicazioni sono riportate nel sito indicato in alto. Per questo purtroppo non so dare indicazioni precise in quanto non mi ero informata a riguardo.

      Elimina
    4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  19. ciao a tutti e grazie per le informazioni
    volevo ul ulteriore chiarimento
    io dovrei andare a las ad ottobre per sposarmi
    ma a differenza dei post di cui sopra noi non vogliamo che sia riconosciuto in italia (non perchè siamo già sposati o altro, ma solo per motivo lavorativo/fiscale, in quanto le leggi italiane fatto di tutto per NON garantire la famiglia)
    quindi se ci sposiamo e non presentiamo nessun documento al consolato
    in italia suppongo che non sapranno mai del matrimonio....oppure sbaglio?
    quindi non dovremmo risultare coniugati?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non per i vostri stessi motivi ma anche noi pensavamo di poter fare così. In realtà come ho scritto sopra (ti consiglio di rileggere meglio la risposta dell'avvocato che risponde perfettamente alla tua domanda) il matrimonio è valido trascritto o no, a tutti gli effetti anche in Italia. Inoltre il consolato sottolinea l'obbligo di trascriverlo... L'unica soluzione è quella di fare un matrimonio religioso (se lo siete) a Las Vegas. Mi dispiace, al momento funziona così.

      Elimina
    2. Fabioalessandro, a distanza di due anni posso chiederti come avete risolto? Concordo appieno il tuo commento!!

      Elimina
  20. Ottimo Blog!
    Sono alla ricerca di informazioni in merito alla trascrizione del mio matrimonio avvenuto nel 2011 nella fantastica e pittoresca Las Vegas.
    Nelle varie ricerche ho trovato interessanti tutti i vostri post e le relative info.

    Ho già ricevuto il il 2° certificato quello ufficiale e l'Apostille.
    In Comune, differentemente a "Mar" (a cui ho scritto un PM) mi hanno chiesto la traduzione giurata in tribunale, (certificato di matrimonio ed apostille).

    Sono a chiedervi un aiuto: qualcuno può inviarmi (oppure inviare al moderatore del blog per essere messa a disposizione di tutti) una scansione PDF od il file word con la bozza della vostra traduzione dei certificati (ovviamente depennando per privacy i vostri dati) in modi che possa essere riadattato (i certificati di Las Vegas, dovrebbero essere tutti fatti sulla stessa falsa riga) con i propri dati?
    Questo faciliterebbe a me ed anche ad altre persone, la traduzione, inoltre, in caso di contestazione, possiamo sempre dire che il format è già stato utilizzato anche da altre persone.

    in attesa di un un Vostro aiuto, un cordiale saluto a tutti.

    Alberto

    PS:
    Il matrimonio quando è stato trascritto nei vostri Comuni, viene riconosciuto in "comunione dei beni"? se si, Vi hanno chiesto in caso di scelta della "separazione dei beni", di fare un atto dal notaio?
    il mio notaio mi ha chiesto ben 700€

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alberto, grazie mille per i complimenti e per il tuo prezioso commento. Sono fiduciosa che qualcuno accoglierà la tua richiesta e che si possano dissolvere i tuoi dubbi. Ovviamente mi metto a disposizione di chi voglia passare il documento tradotto e in forma anonima, anche privatamente.
      Tanti cari saluti, Elena

      Elimina
    2. Provo a fare anche una call su facebook e twitter... sia mai :-)

      Elimina
    3. Nessuna novità?

      un saluto
      Alberto :)

      Elimina
    4. Ciao Alberto, nessuna novità purtroppo. Anche i social n. tacciono :-( Spero che qualcuno si faccia avanti. Buona serata

      Elimina
  21. Che tristezza... mi ero già vista ad ottobre accanto al mio ragazzo vestito come Elvis in una squallida cappella di Las Vegas!!!!
    Ma se non si richiede nessun tipo di foglio e senza mettere nessuna firma non te lo fanno celebrare anche solo per divertimento??? Ci farebbero ulteriore business!!!!
    Grazie dell'articolo interessantissimo!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheheheh quello lo puoi anche fare anche in Italia allora ;-) Hai trovato una socia se vuoi farlo qui, saremo le "FAKE WEDDING PLANNER" (oh il nome è inventato da me è!!!!!) hehheeheh Grazie a te cara :-)

      Elimina
    2. So che sono passati quasi 3 anni, ma volendo a Las Vegas si possono fare i matrimoni finti. Basta non avere la licenza matrimonio, sono sicura che alcune capelle lo fanno.

      Elimina
  22. Francesca Patti13 agosto 2013 12:19

    Noi ci siamo sposati a Las Vegas 2 anni fa... e funziona proprio così... ora la mia domando è questa: abbiamo fatto tutta la procedura dei documenti da rimandare in America e ci è arrivato il certificato (apostilla). Non abbiamo mai però registrato il matrimonio in Italia. Ecco la domanda è questa: c'è una scadenza per farlo? Oppure quando serve si fa e basta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesca, grazie per il commento. Per queste domande ti consiglio di rivolgervi agli uffici competenti; io nel mio piccolo purtroppo non ti so dare indicazioni più precise. Se qualcuno avesse una risposta però lo invito a scriverla qui. Buona giornata! :-)

      Elimina
  23. Ciao Francesca, anche io sono nella tua stessa condizione, ancora non ho registrato il mio Matrimonio del 2011. I pareri son i più vari, ma credo che quello più accreditato sia di dover il prima possibile registrare in Italia il lieto Evento.
    ad oggi sono in attesa di qualcuno che mi aiuti nella traduzione dei termini tecnici dell'Apostille e corretta formattazione da presentare al tribunale per traduzione giurata (se lo fai da te qualcosa risparmi) e poi presentare il tutto al competente uff. Comunale.
    Ancora in attesa di un PDF un cordiale saluto a tutti.
    Alberto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alberto vorrei tanto aiutarti ma al momento non trovo ancora nessuno che mi sappia dare una mano. Ti assicuro che appena ho qualche news ti faccio sapere; anche tu sei hai aggiornamenti fammi sapere per favore. Intanto buona settimana, Elena

      Elimina
  24. Ciao! Notizie da Milano! stamattina sono stata in Comune a fare la trascrizione del matrimonio ed hanno accettato senza problemi le traduzioni fatte da me (ho solo dovuto firmare il giuramento di autenticità della traduzione), quindi non serve altro che il certificato di matrimonio, l'apostille e la traduzione di entrambi i documenti (e un documento d'identità). Siccome si tengono gli originali, vi conviene fare una copia prima (oppure richiedere 2 certificati di matrimonio al comune di Las Vegas con rispettive apostille).
    Il matrimonio verrà trascritto nelle prossime settimane/mesi ma per le autorità italiane siamo sposati dalla data del matrimonio a Las Vegas.
    Per quanto riguarda la separazione dei beni, come scriveva Alberto, bisogna andare dal notaio (si può fare in qualsiasi momento, anche dopo aver trascritto il matrimonio). Ho provato ad informarmi se fosse possibile fare questo atto (tipo un accordo post-nuziale) in America ma purtroppo anche lì bisogna andare da un avvocato che lo predisponga e poi dal notaio per autenticarlo, quindi a questo punto la cosa più comoda è farlo da un notaio in Italia.
    Spero di esservi stata di aiuto, se vi servono i modelli di traduzione del certificato e l'apostille -del Nevada- potete contattarmi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei stata più che d'aiuto! Sei stata preziosissima e anzi grazie davvero tanto per questo commento. Spero che chiarisca le idee a molti. Mar saresti disponibile a mandarmi una versione pdf dei documenti che hai utilizzato in forma anonima? Magari potrebbero essere utili ad Alberto o ad altri. L'indirizzo è zonzolando@gmail.com. Ancora grazie mille, sei stata un vero tesoro. Non è da tutti, sappilo :-) Un caro abbraccio, Elena

      Elimina
    2. Ciao Mar,
      anche io e la mia compagna andremo a LA il prox agosto e vorremmo la sposarci.
      MI potresti mandare i modelli di traduzione del certificato e dell'apostille?
      Grazie
      Ciccio

      Elimina
    3. una cosa: la storia dei "voucher" (non ricordo il nome esatto) da acquistare là e da usare poi dall'italia per richiedere i documenti, è vera?

      Elimina
  25. Ciao Mar,
    anche non ci siamo sposati a Las Vegas, ma il nostro Comune quando abbiamo provato ad andare per trascriverlo ci ha detto che loro i documenti li dovevano ricevere direttamente dal Consolato, e che non potevamo farlo noi. Ho anche chiamato il Consolato Italiano a Los Angeles che mi ha confermato il tutto.
    Ora ho spedito tutti i documenti che mi hanno richiesto:
    - richiesta di trascrizione;
    - Certificato di Matrimonio autenticato con apostilla;
    - Licenza di Matrimonio autenticata;
    - Traduzioni dei tre documenti(fatte da me - spero che vengano accettate - al consolato mi avevano detto che bastava fossero complete e fatte professionalmente);
    - Autocertificazione di cittadinanza;
    - Fotocopie dei due passaporti.
    Non mi resta che aspettare!
    Gioia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Gioia per il tuo contributo. E' da capire se questa cosa varia da comune a comune oppure no. Mar dice che a Milano lo hanno accettato nella traduzione fatta da lei, nel tuo caso (il comune non lo citi) invece no.
      In ogni caso mi pare di poter capire che:
      1) i certificati arrivano dal consolato in lingua inglese
      2) le traduzioni dei documenti in italiano possano essere fatte direttamente dall'interessato e portate in comune
      Facci sapere come è andata :-)
      Grazie ancora e buona giornata,

      Elena

      Elimina
  26. Io mi sono sposata a Las Vesas nel 2000, allora era possibile far validare il matrimonio nel paese di appartenenza degli sposi semplicemente pagando un supplemento per richiedere ciò che loro chiamavano "Apostille" che dava il via all'iter per il riconoscimento tramite il cosolato italiano di Los Angeles (che ha giurisdizione su Las Vegas). Io e mio marito abbiamo rifiutato questa opportunità e solo due anni dopo abbiamo provveduto alla registrazione, che non ha richiesto grosse fatiche se non la traduzione in inglese delle lettere di richiesta. L'ufficio anagrafe del nostro comune di residenza, che ha scritto al consolato americano inviando copia del certificato di matrimonio in mio possesso. Questo ha risposto comunicando che non riultava alcun matrimonio e che qualora fosse stato celebrato di inviare questi documenti:
    Copie autentiche del certificato e della licenza (richiesti alla contea di Las Vegas)
    Queste copie sono state inviate all'Ufficio del governatore a Carson City per il rilascio dell'apostille.
    Quesi tre documenti più una autocertificazione di stato civile libero mia e di mio marito li ho trasmessi al consolato che a sua volta ha inviato al mio comune di residenza l'atto per la registrazione in Italia avvenuta nel maggio 2002. Milena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Milena, grazie mille per il tuo prezioso contributo :-) Buona serata, Elena

      Elimina
  27. ciao a tutti!innanzitutto grazie per tutte le preziose informazioni che mi sono state utilissime!!
    vi riporto la mia recentissima esperienza. mi sono sposata a las vegas questo agosto (compilando la richiesta di licenza on line e poi presentandomi allo sportello e acquistando una copia autentica della licenza come specificato sul sito del consolato http://www.conslosangeles.esteri.it/Consolato_LosAngeles/Menu/I_Servizi/Per_i_cittadini/Stato_civile/ che però non mi è mai servita per la registrazione a Milano..ma non so dirvi se anche da questo punto di vista Milano rappresenta un'eccezione).
    Appena rientrata a casa ho fatto richiesta on line del certificato originale di matrimonio (a pagamento) che è arrivato la settimana successiva e che ho reinviato al segretario di stato del nevada , con i dati della carta di credito, la richiesta di apposizione dell'apostille e una busta vuota con i dati per rispedirmi i documenti. Qualche giorno fa mi hanno rispedito il tutto e con:
    - la mia carta d'identità,
    -certificato originale,
    -apostille,
    -traduzioni di Mar (mi hanno fatto i complimenti per aver fatto così bene i moduli: grazie Mar!!)
    sono andata all'ufficio matrimoni a Milano. nient'altro: mi hanno fatto firmare un documento per la traduzione giurata e ora dopo soli due mesi l'iter per la trascrizione è partito anche qui.
    La richiesta di trascrizione (modello che si trova sul sito del consolato) e i documenti che certificano la residenza non li hanno voluti, mi hanno compilato al momento la richiesta di trascrizione su un altro modello. Ecco tutto! Consiglio vivamente l'esperienza, sposarsi a las vegas, per noi è stato divertentissimo, e le pratiche burocratiche che inizialmente mi avevano messo in apprensione sono state veramente facili. resto a disposizione se avete domande!!ciao, ilaria

    RispondiElimina
  28. Grazie mille Ilaria per il tuo contributo! Sei stata veramente gentile a raccontare la tua esperienza. Un abbraccio e buona giornata :-) Elena

    RispondiElimina
  29. Salve! Chiedo l'aiuto di chi ci è passato prima di me! Anche noi ci siamo Sposati a Las Vegas, ho richiesto ed ho già ricevuto il Certificato e l'Apostille, ora devo andare in comune ma volevo sapere:
    1) per la traduzione giurata qualcuno di voi ha un modello da copiare visto che sono tutti uguali? (per risparmiare un pò :-))
    2) qualcuno di voi ha preso la matrimoniale al lavoro? Che documento ha dovuto portare?

    Grazie infinite :-)
    Daniela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daniela, per quanto riguarda la tua prima domanda ti rispondo io al più presto privatamente. Per la seconda conto nell'aiuto di qualcuno :-) Intanto buona giornata e a risentirci presto!

      Elimina
  30. Sinceramente grazie per l'aiuto! Oggi sono stata in Comune e le traduzioni erano perfette!!!!
    Non so come avrei fatto senza il vostro contributo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono davvero molto felice di leggere questo tuo commento :-) Un abbraccio e in buon tutto!! Elena

      Elimina
  31. Io sono fidanzato con due ragazze e conviviamo da un anno....ma li si puo sposare in tre...naturalmente come matrimonio finto senza chiedere la trascrizione in italia. ..non ci interessa. ..a noi interessa giusto per noi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Luigi, come ho scritto sopra il matrimonio contratto a Las Vegas è valido anche in Italia. Non so darti indicazioni sui matrimoni fra più di due persone a Las Vegas, ma in Italia ti ricordo che non è assolutamente ammesso poiché ad oggi reato penale.

      Elimina
  32. siete delle merde allora voi tre

    RispondiElimina
  33. Ciao zonzolando ,
    trovo questo Blog veramente interessante e utile...
    Il 21 di Febbraio partiamo per il Tour della California e ci fermiamo a Las Vegas per
    sposarci...non vediamo l’ora..
    ma piu’ si avvicina la data..piu’ mi prende un po’ il panico per tutti questi documenti...
    sono andata anche sul sito del consolato...ma non mi sembra cosi’ semplice..i doc per la trascrizione intendo...
    cmq volevo chiederti intanto un favore....mi puoi mandare in pdf o altro i documenti tradotti di “ Mar “ ???
    Attendo con ansia le traduzioni...Ti ringrazio tanto...poi ti faccio sapere com’è andata...
    Se qualcuno vuole spiegarmi bene in dettaglio il da farsi...grazieeee
    Buona giornata a tutti !
    Marina

    RispondiElimina
  34. toc toc ...c'è qualcuno ???? mi rispondete per favore ?? ciaooo Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Marina, non ti ho ancora risposto perché essendo loggata come anonima: 1) Blogger ti aveva segnalata come spam, e mi sono accorta solo adesso per puro scrupolo che esisteva questo commento; 2) Non ho la più pallida idea di quale sia l'indirizzo a cui scriverti. Mandami una mail con il tuo indirizzo a zonzolando@gmail.com (come indicato nel post sopra) e avrò il piacere di mandarti tutti i documenti. Cari saluti, Elena

      Elimina
  35. Incollo da messaggio Facebook questa richiesta di Marcello: "In merito al matrimonio da celebrare a Las Vegas, volevamo sapere se: per la validità è necessario richiedere preventivamente l'autorizzazione presso il comune di residenza con conseguente pubblicazione (i famosi 15 giorni di affissione all'albo). Per quest'ultima, vorrei sapere se tale pubblicazione deve eventualmente avvenire prima del matrimonio o al successivo rientro in Italia. Grazie"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi pare di capire che da indicazioni di Mar nella domanda 4) non occorra fare niente prima. "Non occorre fare altro; bisogna avere tutti i documenti in regola: dal passaporto, ai certificati vari come per esempio nel caso di divorzio o se si è vedovi. Non occorrono le pubblicazioni, né prima né dopo la cerimonia."

      Sarei comunque grata a chi ha fatto questa esperienza di raccontarla per poter tenere aggiornato il blog.
      In molti ci scrivono per chiedere i documenti, ma in pochi purtroppo poi ci danno il loro contributo a cose fatte.

      Elimina
  36. a breve andrò anche io a sposarmi a Las vegas e sto già rompendo ampiamente le scatole in privato a Elena :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Paolo, in bocca al lupo per tutto! Spero che i documenti di siano d'aiuto. Ti invito a raccontare la tua esperienza in modo che poi anche altri come te possano usufruire di utili informazioni. Grazie e auguri! :-)

      Elimina
  37. Ciao,
    ho usato anche io le traduzioni che gentilmente mi hai inviato.
    E il blog è stato lo spunto per poi cercare informazioni dettagliate, scrivendo al Consolato e al Comune di residenza.
    Ti confermo che le pubblicazioni non vanno fatte, in quanto a Las Vegas non sono previste, e la legislazione Italiana prevede di adeguarsi alle leggi del luogo di matrimonio.
    La trascrizione a quanto pare dipende dai funzionari del Comune, in quanto se come leggo a Milano hanno fatto firmare sul posto, a Firenze ti chiedono la traduzione giurata dei documenti, che puoi fare anche da te, ma da presentare e fare vidimare al Tribunale, presso Ufficio Traduzioni.

    Nel merito, avviso che tale esperienza deve essere vissuta con la consapevolezza che si tratta di un'evento quanto più lontano dal Matrimonio in Italia.

    Luca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Luca,
      ti ringrazio infinitamente per il tuo preziosissimo contributo. Veramente in pochi hanno avuto la gentilezza di tornare a passare per condividere la loro esperienza vissuta. Quello che racconti è importantissimo per tenere aggiornato il blog, quindi ancora grazie di cuore. Ti/vi faccio ancora i nostri migliori auguri per una vita felice insieme. :-)

      Se volete inviarci una foto ricordo, vostra o della città saremo felici di pubblicarla nella rubrica YourTurn, ovviamente senza impegno. :-)

      Grazie! :-)

      Elena

      Elimina
  38. salve io sono divorziato e mi sono risposato al comune volevo sapere se e possibile celebrare il rito religioso a la svegas saluti ALFIO DI BELLA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Alfio, sono davvero l'ultima persona a cui porre una domanda del genere e l'ultima anche che ha titolo per rispondere. Quel che ti posso dire è che se per le leggi statali ci possono essere differenze fra un Paese e un altro, a regola per le leggi di Dio non mi risulta essere altrettanto, no? :-) Detto questo un bel viaggio a Las Vegas vale la pena di farselo comunque! :-) In bocca al lupo, Elena

      Elimina

    2. Alfio, sei già sposato.
      Con questa premessa, non ti sposi civilmente a Las Vegas, puoi solo fare una messinscena senza alcun valore. Se il tuo scopo è farti le foto in una chiesa, le cappelle preposte hanno poco delle ns. chiese, se vuoi sposarti con rito cattolico, sei divorziato quindi nisba..
      Comunque ti puoi informare al link sotto, magari ho supposizioni errate.
      Ciao Luca

      http://www.gaclv.org/weddinginformation.html

      Elimina
  39. buongiorno, in Agosto mi sono sposato a Las Vegas. Arrivato in Italia o iniziato la trafila per la trascrizione. Ho già ottenuto la copia della licenza di matrimonio e il certificato di matrimonio con l'apostille, Adesso sono arrivato alla traduzione. Per tradurre questi documenti mi devo avvalere di uno dei traduttori che indica il consolato sul proprio sito o va bene anche uno qua in Italia?
    poi leggendo il blog mi sembra di capire che non sia necessario inviare tutti questi documenti al consolato ma basta recarsi direttamente al comune di residenza. Mi confermate?
    Grazie degli aiutiiiiiiiiiiiiiiiiiii
    GIULIO

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A quanto pare leggendo i commenti degli altri lettori direi di sì Giulio. Ad ogni modo incorocio le dita per te perché qualcuno ti risponda al più presto. Buona giornata, Elena

      Elimina
  40. Favoloso questo blog,vi chiederei anche un esempio di traduzione del certificato di matrimonio e dell' apostilla se è possibile.Ho già inviato una mail, grazie Saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mina, ho visto la mail. Domani dovrei riuscire a mandarti tutto. Buona serata, Elena

      Elimina
    2. Grazieee!!! Appena termino tutta la procedura ti faccio sapere come è andata!!!! Ancora Grazie !!

      Elimina
    3. Tutto perfetto!! Ho seguito le indicazioni tue e di Mar, molto precise e corrette e in poco tempo ho ricevuto i certificati, fatto la trascrizione e oggi ho ritirato l'estratto di matrimonio in Italia. Anche grazie per la vostra gentilezza!!

      Elimina
    4. .... Ancora grazie per la vostra gentilezza!!

      Elimina
    5. chi ti ha tradotto i certificati?

      Elimina
    6. ho usato le traduzioni fornitemi da Zonzo Lando

      Elimina
    7. e la traduzione giurata non l'hanno voluta??

      Elimina
    8. Sono felicissima per voi Mina! :-) Grazie!

      Elimina
  41. Ok, grazie anche ai vostri consigli e all'aiuto (sbattimento) volontario di chi ci ha sposato a Las Vegas ad Ottobre, abbiamo avuto tutti i documenti in una decina di giorni. A suo tempo mi avevate inviato per mail le traduzioni di apostille e certificato, che corrispondono perfettamente. Mi dite allora di provare prima a chiedere al mio comune se serva o meno una certificazione da parte del tribunale? E dopo, al consolato, mando tutto insieme alle fotocopie dei passaporti e alle autocertificazioni delle nostre residenze (che poi è lo stesso comune)?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello Paolo che sia andato tutto bene. Sono felice per voi e spero tanto che qualcuno possa aiutarti a risolvere il problema. Saluti, Elena

      Elimina
    2. tutto benissimo per ora :)
      adesso mi manca la traduzione con comunicazione al comune ;)

      Elimina
    3. Ma perchė il Consolato? Non serve, fai al Comune. Certificato di matrimonio e Apostille sono la prova che ti sei sposato, al Comune x trascrivere il matrimonio serve solo che siano tradotti in italiano. Per questo non serve un traduttore in quanto sei tu che dichiari che la traduzione ė fedele. Basta che vai al tuo Tribunale Ufficio Traduzioni e fai vidimare la tua traduzione giurata, pagando solo i bolli, cerca sul sito del tribunale per la procedura. Il Consolato ti poteva essere comodo per evitare la spesa del Traduttore, ma visto che lo puoi fare tu, é solo una complicazione.

      Elimina
    4. ne sei certo/a? perchè se è così, è tutto molto più semplice allora, salvo complicazioni create dal tribunale stesso..in comune tanto devo ancora andarci...
      perchè sul sito del consolato c'è scritto questo..

      "
      TRASCRIZIONE IN ITALIA DI MATRIMONIO AVVENUTO ALL'ESTERO

      Il matrimonio celebrato all’estero, per avere valore in Italia, deve essere trascritto presso il Comune di iscrizione Aire dell’interessato.

      L’atto di matrimonio rilasciato dalle Autorità locali dovra’ essere presentato a questo Consolato Generale, debitamente tradotto e legalizzato con l’Apostille, secondo le istruzioni fornite in questo sito.

      Se il matrimonio da registrare non e’ il primo, occorrera’ anche trascrivere il matrimonio o i matrimoni precedenti e relativi divorzi, presentando la documentazione indicata in questo sito web.

      Per la trascrizione occorre:

      • compilare il modulo di Richiesta per la trascrizione in Italia di matrimonio avvenuto all'estero (disponibile di seguito);

      • copia integrale ("Long Form") autenticata ("Certified Copy") del CERTIFICATO DI MATRIMONIO ("Certificate of Matrimony"); e copia integrale autenticata della LICENZA DI MATRIMONIO ("License of Matrimony") per i matrimoni celebrati negli stati del Nevada e del Nuovo Messico;

      • traduzione in italiano;

      • APOSTILLE" (Dichiarazione di validità internazionale) rilasciata dal "Secretary of State" dello stato in cui e' avvenuto il matrimomnio (elenco Segretari di Stato disponibile qui di seguito )

      • Se la richiesta di trascrizione e' fatta presentandosi di persona agli sportelli del Consolato Generale occorre esibire passaporto italiano valido.

      • Se la richiesta di trascrizione e' fatta per posta occorre allegare oltre alla fotocopia del passaporto italiano un’autocertificazione dichiarante il possesso della cittadinanza italiana.

      I CITTADINI ITALIANI CHE VENGONO ESPRESSAMENTE A SPOSARSI A LAS VEGAS DEVONO:

      1) PRESENTARSI AL CLARK COUNTY MARRIAGE BUREAU (indirizzo e numero di telefono elencati nei links) ED ACQUISTARE UN ORIGINALE DELLA LICENZA DI MATRIMONIO (che costa $. 55,00 e verrà consegnata a chi celebrerà il matrimonio), E UNA COPIA AUTENTICA (che costa $ 7,00 e che serve ai fini della trascrizione);

      2) DOPO LA CERIMONIA, ACQUISTARE UNA COPIA AUTENTICA DEL CERTIFICATO DI MATRMONIO PAGANDO $. 10,00 E ASSICURANDOSI CHE NON SIA UN ESTRATTO (vedere esemplari nei links);

      3) IL DOCUMENTO ALLA LETTERA “B” DOVRA’ ESSERE INVIATO AL SEGRETARIO DI STATO DEL NEVADA RICHIEDENDO L‘APPOSIZIONE DI UN’”APOSTILLE” (consultare i links per l’indirizzo di questo Ufficio e la somma da inviare). UNA VOLTA IN POSSESSO DI QUANTO SOPRA, A SECONDO DEL TEMPO A DISPOSIZIONE, GLI UTENTI POSSONO: FARSI MANDARE DALLE AUTORITA’ STATUNITENSI I DOCUMENTI DI MATRIMONIO AL PROPRIO INDIRIZZO IN ITALIA PER POI RESTITUIRLI A QUESTO UFFICIO COMPLETI DI : TRADUZIONE GIURATA, FOTOCOPIA DEI DOCUMENTI E DELLA TRADUZIONE, CERTIFICATO DI CITTADINANZA EMESSO DAL COMUNE DI RESIDENZA O DAL CONSOLATO DI APPARTENENZA ED IL FORMULARIO DI RICHIESTA DI TRASCRIZIONE (vedi links e scaricare il formulario) DEBITAMENTE COMPITALO E FIRMATODAGLI INTERESSATI. OPPURE AVVALERSI DEL NOSTRO VICE CONSOLATO DI LAS VEGAS CHE FORNIRA’ IL CONTATTO DI UN’AGENZIA LA QUALE PROVVEDERA’ A RACCOGLIERE, TRADURRE ED INVIARE LA DOCUMENTAZIONE A QUESTO CONSOLATO PER LA RELATIVA TRASMISSIONE AL COMUNE RICHIESTO (in questo caso i nubendi dovranno consegnare anche l’autocertificazione dichiarante il possesso della cittadinanza italiana"


      http://www.conslosangeles.esteri.it/Consolato_LosAngeles/Menu/I_Servizi/Per_i_cittadini/Stato_civile

      Elimina
  42. Si!
    Cerca sul sito della Farnesina:

    C) Se siete italiani e desiderate sposarvi all’estero

    I cittadini italiani che si sposano all’estero non sono soggetti alle pubblicazioni di matrimonio, a meno che le stesse non siano richieste dalla legislazione straniera.

    La trascrizione dell’atto di matrimonio

    Ricordatevi che il matrimonio celebrato all’estero per avere valore in Italia deve essere trascritto presso il Comune italiano competente.

    Dovrete trasmettere l’atto di matrimonio in originale emesso dall’Ufficio dello Stato Civile estero, debitamente legalizzato e tradotto, dovrà essere rimesso, a cura degli interessati, alla Rappresentanza consolare che ne curerà la trasmissione in Italia ai fini della trascrizione nei registri di stato civile del Comune competente.

    In alternativa potrete presentare l'atto, debitamente legalizzato e tradotto, direttamente al Comune italiano di appartenenza (vedi art. 12, comma 11, DPR 396/2000).

    Legalizzato= Apostille del Segretario del Nevada.

    Tradotto= Traduzione giurata.

    Nota che al Tribunale hanno un elenco di persone che collaborano per le esigenze del Tribunale, ma ai fini di legge non esiste la figura del Traduttore, quindi chiunque può dichiarare che è in grado di fare la traduzione davanti al funzionario. Cerca sul sito del Tribunale di Roma il modulo, lo modifichi col nome del Tribunale della tua città, alleghi l'originale e la copia tradotta, schiaffi i bolli e sei a posto. Mandi un tuo amico al Tribunale, visto che non puoi tradurre atti che ti riguardano, ti mettano il timbro e presenti il tutto al Comune. Se poi non ti vuoi sbattere paghi un traduttore, che più che la difficoltà nel tradurre, sa come procedere, ma certo eviterei di rispedire il tutto al Consolato!
    Se poi leggi sopra, a Milano addirittura accettano una dichiarazione che la Traduzione è corretta, senza necessitá del Tribunale, magari anche al tuo Comune.
    Spero di essere stato d' aiuto.

    RispondiElimina
  43. certo! non avevo davvero mai letto questa parte:
    "In alternativa potrete presentare l'atto, debitamente legalizzato e tradotto, direttamente al Comune italiano di appartenenza (vedi art. 12, comma 11, DPR 396/2000)."
    che in effetti cambia tutto.
    La traduzione l'ho già fatta io, anche grazie a zonzolando, ma davvero è una cosa ultra semplice. E' più difficile trovare un amico disponibile.. :D va bene la moglie? ihihih
    Ad ogni modo ho letto anche che alcuni comuni accettano direttamente la mia traduzione senza legalizzazione, anche se al mio sono davvero contadinotti e ho qualche dubbio...
    Cerco qualcosa al tribunale di alessandria e provo a procedere in uno di questi due modi allora.
    Ti/vi faccio sapere...

    RispondiElimina
  44. però leggo anche questo, sempre nel sito del ministero degli esteri..


    Tali atti e documenti, eccetto quelli redatti su modelli plurilingue previsti da Convenzioni internazionali, devono inoltre essere tradotti in italiano.
    Le traduzioni devono recare il timbro “per traduzione conforme”. Nei paesi dove esiste la figura giuridica del traduttore ufficiale la conformità può essere attestata dal traduttore stesso, la cui firma viene poi legalizzata dall’ufficio consolare.
    Nei paesi nei quali tale figura non è prevista dall’ordinamento locale occorrerà necessariamente fare ricorso alla certificazione di conformità apposta dall’ufficio consolare.

    RispondiElimina
  45. Ciao, ma tu devi fart trascrivere l'atto presso il Comune, quindi devi riferirti alle normative che riguardano tale evento, e quindi devi focalizzarti sul Dpr 396/2000:

    Art 12
    Comma 12
    Quando l'atto è scritto in lingua straniera, se ne trascrive la traduzione eseguita nel modo stabilito dall’articolo 22
    Art. 22
    (Traduzione del contenuto di documenti)
    1. Fermo restando quanto stabilito da convenzioni internazionali, i documenti scritti in lingua straniera devono essere accompagnati da una traduzione in lingua italiana che deve essere certificata conforme al testo straniero dall'autorità diplomatica o consolare ovvero da un traduttore ufficiale o da un interprete che attesti con giuramento davanti all'ufficiale dello stato civile la conformità al testo straniero.

    Come vedi, hanno ragione i Comuni che accettano la Traduzione, senza richiedere vidimazione al Tribunale. Se me l'ero letta meglio avevo da discuterne con l'addetto al Comune... Comunque tanto poi devi avere a che fare con queste persone che interpretano le leggi ed è dura cambiarne le convinzioni.

    Tralasciando poi la questione sui traduttori:
    Le professioni di interprete e traduttore sono spesso confuse l’una con l’altra, percepite in modo distorto, o sottovalutate. Non si tratta di un problema d’immagine, ma piuttosto di ordine giuridico: le due figure hanno contorni sfuocati e incerti perché per la legge «non esistono». Compiti, qualifiche e formazione non sono definiti in alcun modo. Non ci sono albi, né ordini professionali.
    Per i contratti di lavoro e il regime fiscale si è costretti a procedere per interpretazioni, in analogia con altre categorie. «Anche all’estero non c’è riconoscimento giuridico, tuttavia, i professionisti devon possedere titoli di studio ben precisi, di livello universitario. In Italia, invece, anche il percorso formativo deve essere ancora definito.
    Quindi se per legge non esiste la figura del Traduttore o interprete, tanto che il Tribunale non ti chiede certo un diploma, ma la sola affermazione di esserne in grado, tanto meno il Comune non può opporsi alla tua traduzione!
    Ora sta a te convincere il funzionario degli Atti Civili del tuo Comune, se mai ce ne sará bisogno,
    Forse ti sorprenderá per la sua preparazione, altrimenti insisti che si riferisca strettamente al Dpr ;)
    Auguri
    Luca

    RispondiElimina
  46. ottimo che ci siano Comuni che accettano traduzioni senza vidimazione/giuramento, ma la mia paura è appunto questa: visto che teoricamente ci vorrebbe quantomeno un qualcosa che certifichi chi ha fatto la traduzione (Nei paesi dove esiste la figura giuridica del traduttore ufficiale la conformità può essere attestata dal traduttore stesso, la cui firma viene poi legalizzata dall’ufficio consolare.
    Nei paesi nei quali tale figura non è prevista dall’ordinamento locale occorrerà necessariamente fare ricorso alla certificazione di conformità apposta dall’ufficio consolare) che basi avrei, solide, per insistere, visto che anche il consolato italiano negli USA dice questo (RESTITUIRLI A QUESTO UFFICIO COMPLETI DI : TRADUZIONE GIURATA, FOTOCOPIA DEI DOCUMENTI E DELLA TRADUZIONE, CERTIFICATO DI CITTADINANZA EMESSO DAL COMUNE DI RESIDENZA O DAL CONSOLATO DI APPARTENENZA ED IL FORMULARIO DI RICHIESTA DI TRASCRIZIONE)? Pensa che ho dovuto litigare perchè l'impiegata insisteva sul fatto che i certificati avrei dovuto farli con marche da bollo e tutto, quando basta un cittadinanza autocertificato... Certo, se autenticassero loro la traduzione e poi potessi mandarla al consolato...(certo che a cosa servirà mandare la traduzione a los angeles quando poi loro la rimanderanno qui....)

    RispondiElimina
  47. Eh si, visto che hanno lo stipendio a prescindere, e gli costa meno fatica dirti di spedire il tutto al Consolato, prassi tenuta fino al 2000, io mi presenterei con un tuo noto amico Interprete (tanto non esiste propriamente per legge, quindi voglio vedere..) e menzionando il dpr gli inviterei a fare quello per cui sono pagati con le tue tasse.
    Facci sapere se vince la burocrazia....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. niente, dopo giorni e giorni, in Comune mi han detto che han bisogno della firma asseverata (si dice così vero) dal Tribunale...forse non devono inviare al Consolato di LA, ma di quella certificazione han bisogno. Ho chiamato il Tribunale, mi han passato l'ufficio appositoe mi han detto che han bisogno di un traduttore certificato.....a questo punto tento di fare loo gnorri con un amico oppure mi devo rassegnare? Se arriviamo là e alla fine chiedono un qualche documento che certifichi che il traduttore è tale? :/

      Elimina
    2. Paolaccio ciao! Mi dispiace, che non hai trovato ancora la strada per trascrivere il matrimonio. ho scritto un po' di tempo fa ,se qualcuno in possesso di tutte le traduzione, ma come pare non li ha più nessuno...sei la mia ultima speranza! Non so se mi puoi aiutare???grazie in anticipo. Tatiana

      Elimina
    3. se vuoi te la invio, scrivimi la tua mail (se vuoi farlo in pvt studiamo come fare..) e ti mando i due allegati che anche io avevo chiesto qui su zonzolando :D
      Però se hai un "problema" tipo il mio, dovrai far fare la traduzione da un t5raduttore certificato comunque... :(

      Elimina
    4. Grazie mille. Mio e-mail: tatiananicolt@yandex.ru.ti ringrazio di cuore.abbiamo pensato di portare i tutti documenti direttamente a Los Angeles, a dicembre. Non so se faccio bene, e se può andare bene questa traduzione)))) ci provo.distinti saluti. Tatiana

      Elimina
  48. Ciao a tutti! Anche noi ci siamo sposati nell 2013 a LV.Sono a chiedervi un aiuto: qualcuno può inviarmi una scansione PDF od il file word con la bozza della vostra traduzione dei certificati.grazie

    RispondiElimina
  49. salve un info se io sono sposato in italia sia civilmente che in forma religiosa e non ho un divorzio posso sposarmi ugualmente all lasvegas con una nuova compagna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per gioco? Si è previsto, non fai i documenti e ti sposa Elvis al posto del Pastore.

      Elimina
  50. per quel che possa valere il mio parere, direi proprio di no, salvo farlo solo in forma "scherzosa". Nell'ufficio apposito chiedono espressamente lo stato civile prima di rilasciare licenza ufficiale

    RispondiElimina
  51. @paolaccio
    Ti presenti col Sig. Google😄
    Vabbè a parte scherzi ti fai dare l'elenco dei traduttori giurati e chiedi il costo. Altrimenti spedisci al Consolato, ma anche in quel caso scrivi mail e chiedi se devi sostenere costi.
    Vedi.. https://www.tribunale.milano.it/index.phtml?Id_VMenu=303&daabstract=313
    Dice che chi é capace... Poi il Presidente specifica che per i doc che interesanno i processi ci voglia un Traduttore iscritto. Ma tu hai bisogno di una traduz da fare valere ai fini civili... Secondo me devi farti intendere, a priori la risposta altrimenti sará quella più complicata.. In base alla legge di Murphy...
    Ma al Comune gli hai specificato di attenersi all' art che ti avevo evidenziato? Mi sembra evidente che nel dubbio... Ti spediscano al Tribunale.. ma nell art li si parla di Traduzione davanti a Pubb. Ufficiale... E il Traduttore non deve essere iscritto a nessun Albo o Ordine, visto che neppure il Tribunale lo richiede espressamente.. Io proverei a sostenere la tesi all ufficio preposto del Tribunale, se poi ti confermano che serve la capacitā e non un iscrizione, mi rifarei sotto col Comune..
    Saluti

    RispondiElimina
  52. mah, guarda, al comune hanno impiegato qualche giorno per darmi conferma, e io avevo detto all'impiegata quella cosa...alla fine mi ha detto che ci vuole l'ufficialità data dal tribunale (non ho ben capito, ma forse in effetti, posso lasciare a loro i fogli senza doverli spedire al consolato a los angeles...).
    Sentito il tribunale, mi hanno "girato" in prefettura (???) per il giuramento, chiedendomi chi avesse tradotto e chi riguardasse il documento. Diciamo che dovrei per l'appunto convincere un amico ad andare e prendersi la responsabilità, non mi hanno specificato se serva qualcuno iscritto, magari no, ma comunque dovrei cercare un amico disposto :)
    Ad ogni buon conto, ho trovato nella mia provincia, diversi traduttori certificati e che fanno già anche questi servizi da anni. Uno mi prenderebbe, bolli a parte, una 50ina di euri, se non ho capito male, recandosi anche direttamente in tribunale. Ma sono in attesa di una sua conferma da prima di natale, evidentemente fanno vacanze lunghe. Per me andrebbe bene, così con poco mi tolgo ogni dubbio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per la cronaca....ho fatto tradurre certificato e apostille da un'apposita agenzia che si è anche occupata dell'asseverazione (120€ in tutto), poi ho compilato le richieste di trascrizione, fatto un paio di fotocopie e consegnato insieme a mia moglie il tutto al mio Comune che alla fine ha accettato i documenti e mi ha rilasciato il certificato di avvenuta trascrizione.

      Elimina
  53. Grazie mille per tutte le utilissime informazioni su questo blog! Noi vorremmo sposarci a Las Vegas a breve e poi in Italia col rito religioso a luglio. Qualcuno l'ha giá fatto? Sapreste indicarci se avete dovuto presentare la trascrizione in Italia del matrimonio civile o se basta il certificato di matrimonio? Quanto ci avete messo? Infine: hanno storto il naso per via di Las Vegas o é andato tutto liscio? Grazie anticipatamente per qualsiasi informazione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma c'è un perchè nel volere sposarsi a L.V. quando vi potete sposare in chiesa in Italia?

      Elimina
  54. Innanzi tutto complimenti a tutti perché questo blog e' fantastico...e poi un grazie speciale per l'aiuto che mi avete dato per la traduzione del certificato di matrimonio e apostilla della funzione de Las Vegas. E' stata un po' un'epopea per noi trascrivere il matrimonio de Las Vegas in Italia...Infatti, dopo il matrimonio civile fatto in Nevada siamo riusciti a regolarizzare le carte e a celebrare il matrimonio religioso anche in Italia...Purtroppo pero' con la nascita di nostra figlia in America e la mia imminente intenzione di ottenere la sua doppia cittadinanza, ci siamo accorti che non avevamo registrato correttamente il matrimonio de Las Vegas...abbiamo dovuto quindi inviare i documenti di fretta e furia al consolato per evitare grane e di fatto, avere il vostro supporto per la traduzione dei documenti ci ha permesso di velocizzare i tempi tremendamente. Un grazie di cuore per la velocità' di risposta e la vostra gentilezza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore per il tuo contributo e per i complimenti al blog. Sicuramente anche questo commento potrà di essere aiuto a qualcuno. Ti faccio un grande in bocca al lupo per tutto! :-)

      Elimina
  55. Buongiorno a tutti...
    noi ci siamo sposati a Las Vegas lo scorso agosto e vorremmo trascrivere il matrimonio in Italia...
    avremmo a tal proposito alcune domande da porre:
    1) il certificato di matrimonio si "ordina" sul sito del Clark County, mentre l'altro documento che mi richiede il consolato (la Licenza di Matrimonio ossia Affidavit Application for Mariage License) dove si ottiene?
    2) da quando viene effettuata la richiesta dei documenti in America a quando il matrimonio viene definitivamente trascritto quando tempo passa mediamente?
    3) noi ci sposiamo in chiesa in Italia a fine settembre: è necessario effettuare la trascrizione affinche il prete celebri la funzione o l'aspetto religioso è completamente dissociato da quello civile?
    Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. fatto tutto da poco (meno il matrimonio religioso in Italia...) ma non so quanto possa esserti d'aiuto, perchè l'officiante è stato così gentile da recarsi lui, oltre che a consegnare, a ritirare il mio certificato, consegnandomelo prima della mia ripartenza e ricevendo a casa direttamente l'apostille..dopo aver naturalmente pagato a lui i bolli per questi documenti. La licenza non è quella che ti consegnano direttamente prima della cerimonia? Posso solo aggiungere che non è più necessario l'invio "finale" al Consolato di LA, infatti il mio Comune ha preso tutti i fogli, tradotti e asseverati qui con le richieste ed ha trascritto.

      Elimina
    2. la licenza (a quanto ho capito) era da ritirare dopo la cerimonia....e noi ovviamente non l'abbiamo fatto, perciò l'abbiamo richiesta per posta al marriage bureau....sperando che non stia ferma in dogana un mese!!!!
      quando invieremo il certificato di matrimonio al segretario del Nevada per apporre l'apostilla cosa è necessario? ovviamente il certificato in sè e poi? per il pagamento? bisogna allegare qualche form di richiesta o una lettera semplice?
      grazie grazie grazie ancora....

      Elimina
    3. per il pagamento avreste dovuto acquistare i "buoni" prepagati da 10$ al 7Eleven mi pare, ma sinceramente, mi ero informato su tutto, ma avendomi fatto gran parte del lavoro l'officiante, non ho poi avuto modo di verificare.
      Leggi qui innanzi tutto
      http://www.conslosangeles.esteri.it/Consolato_LosAngeles/Menu/I_Servizi/Per_i_cittadini/Stato_civile/

      Elimina
    4. ok grazie mille paolaccio!!!
      il sito del consolato l'avevo già consultato e in realtà non dice granchè sui documenti necessari da inviare al segretario...ad ogni modo proverò a contattarli direttamente....
      grazie ancora....

      Elimina
    5. guarda, io ho letto mille siti e fatto il riassunto di mille notizie...poi è arrivata la gentilezza di questa persona e alla fine ho dovuto quasi far più nulla..nemmeno inviare il tutto, con traduzione giurata, al consolato, alla fine, per la trascrizione, perchè da qualche anno si possono consegnare i documenti al proprio Comune, evitando quest'ultima attesa/spedizione.

      http://www.esteri.it/mae/it/italiani_nel_mondo/serviziconsolari/statocivile/matrimonio.html

      La licenza, comunque, non la danno prima della cerimonia? Proprio perchè è una licenza per sposarsi..la mia ha la data del giorno precedente al matrimonio..dopo hai il certificato: prima quello "gadget", poi, dal segretario di stato, quello "vero", che poi rispedirai per avere l'apostille. Questo è il passaggio che ho saltato: mentre ero ancora a LV mi han dato il certificato originale ed ho atteso a casa l'apostille, pagando direttamente sul posto. E alla fine non ho dovuto spedire al consolato perchè ho consegnato in municipio.

      Elimina
    6. quella di andare direttamente in comune e saltare il passaggio consolato è davvero un'ottima notizia...
      sì la licenza teoricamente la potevamo prendere in comune subito dopo il matrimonio, ma avendoci capito poco o nulla (e ahimè non essendoci informati troppo ai tempi) non l'abbiamo fatto...e quindi abbiamo dovuto richiederla dall'italia, inviando una lettera scritta e 7 dollari in contanti!!!!! speriamo che non ci metta troppo...
      comunque grazie mille davvero per tutti i suggerimenti, più che preziosi!!!

      Elimina
    7. mi dispiace non poter essere più preciso, peccato, perchè mi ero informato molto invece io..anche troppo :)

      Elimina
  56. Premetto che, prima di partire per Las Vegas, mi sono documentata su Internet e, tra tutte le fonti trovate (incluse quelle istituzionali) la più chiara è stata quella di Mar in questo blog.
    Quindi, partendo dalle sue informazioni, ho richiesto on line la licenza matrimoniale sul sito della Contea di Clark (al seguente link https://clerk.clarkcountynv.gov/ClerkPreApp/): così facendo, quando si va a ritirare la licenza, si ha diritto ad usufruire di una fast lane che velocizza la procedura; noi, in meno di mezz'ora, abbiamo fatto tutto.
    Allo sportello è necessario che entrambi si presentino con il passaporto.
    Conviene richiedere due copie della licenza: una andrà lasciata alla cappella, l'altra potrebbe essere richiesta dal comune nel momento della trascrizione. Io ho richiesto anche l'Affidavit: alcuni comuni più esigenti potrebbero volerlo. (prosegue...)

    RispondiElimina
  57. (continua...) Dopo la cerimonia, tornata in Italia, ho richiesto il certificato di matrimonio e l'estratto di matrimonio sul sito della contea: (link https://clerk.clarkcountynv.gov/ClerkEcommerce/); si possono però richiedere anche per posta o di persona (se siete ancora a Las Vegas) calcolando di lasciar passare qualche giorno dal matrimonio perché vengano trascritti...
    I certificati sono a pagamento e si possono pagare comodamente con carta di credito. Per sicurezza (e necessariamente, se gli sposi sono residenti in due comuni diversi) è meglio richiederne due copie.
    Una volta ricevuti i documenti (a me sono arrivati dopo una settimana circa) bisogna scaricare dal sito del Nevada Secretary of State (nvsos.gov) un formulario (che trovate a questo link: https://nvsos.gov/index.aspx?page=124) per richiedere l'apposizione dell'apostilla sul vostro certificato; attenzione, senza il formulario la richiesta non viene processata!
    Quindi ho preparato una busta contenente i certificati di matrimonio originali, il formulario compilato contenente anche i dati della carta di credito per pagare l'apostilla (quindi non servono coupon o altro, come ho letto che diceva qualcuno) e una busta sulla quale ho precompilato il mio indirizzo: ho spedito il tutto al Nevada Secretary of State di Carson City (l'indirizzo completo si trova sul sito) e dopo 10 giorni circa (anche se sul sito indicano dalle 5 alle 7 settimane) ho ricevuto tutto.
    Ho tradotto i documenti utilizzando i modelli di Mar (e ringrazio ancora sia Mar che Elena (Zonzolando) per questo) e con i documenti originali e con le traduzioni ho contattato il mio comune di residenza (in provincia di Milano).
    Il primo contatto non è stato dei più promettenti: l'addetta dell'ufficio di Stato Civile ha tentato di spedirmi al Consolato dicendo che non era possibile espletare questo tipo di pratica in comune; le ho raccontato dell'esperienza di "una amica" (Mar, ndr) la quale, essendo stata in grado di fare tutto direttamente presso il suo comune, fa dedurre che la legge prevede questa possibilità.
    Le ho anche detto che, se voleva, potevo citarle l'articolo della legge che provava questa mia affermazione (l'art. 12, comma 11, DPR 396/2000 che credo abbia citato Sky sempre sul blog di Zonzolando)... non l'ha ritenuto necessario (e non l'ha nemmeno gradito).....
    Comunque, nonostante le premesse, quando mi sono presentata in comune con i documenti e le traduzioni le addette si sono dimostrate disponibili: hanno fatto i complimenti per l'accuratezza della traduzione (ari-grazie Mar e Zonzolando ��), hanno preso il tutto, mi hanno fatto pagare 16€ per la marca da bollo e mi hanno fatto firmare un documento (una autocertificazione) dove giuro che la traduzione è fedele all'originale.
    Entro trenta giorni dalla presentazione dei documenti in comune, viene aggiornato lo stato civile.
    È effettivamente tutto molto più semplice di quello che sembra: soprattutto, gli uffici governativi americani sono chiari e celeri nell'espletamento delle pratiche.
    Il mio consiglio è di presentarsi preparati in comune: purtroppo gli addetti comunali sono spesso disinformati sull'argomento (ed è comprensibile, visto che sposarsi all'estero non è una pratica così frequente) ma anche poco inclini a documentarsi...
    Buon matrimonio a tutti.

    Anna

    RispondiElimina
  58. I precedenti due commenti sono stati inviati via mail da Anna che ne ha richiesta la pubblicazione.
    Ringrazio Anna per il suo prezioso contributo e per averci permesso di aggiornare questo post.
    Elena

    RispondiElimina
  59. Beata tu...io proprio non son riuscito a far passare la "mia" traduzione, son dovuto passare obbligatoriamente dal traduttore/tribunale...

    RispondiElimina
  60. Ciao tutti e grazie per le preziose e precise informazioni disseminate! A tutte le persone che mi chiedono dove ho trovato tutte le informazioni necessarie io consiglio sempre questo blog :)
    Mi sono sposata a Las Vegas lo scorso 8 Settembre 2015 ed ho appena ricevuto il certificato apostillato. Qualcuno sarebbe così gentile da aiutarmi con le traduzioni di certificato, apostille e licenza? Anche solo una linea guida sarebbe molto utile. :)
    Nel mio piccolo comune di residenza in provincia di Bologna accettano solo i documenti mandati direttamente dal Consolato, quindi credo che dovrò poi fare certificare le traduzioni da un notaio e spedire tutto al Consolato Italiano a Los Angeles, ma sicuramente tenterò prima la via seguita da Anna...non si sa mai! ;)
    Siccome ci siamo sposati durante due settimane di ferie, una volta tornati mio marito ha richiesto che le due settimane gli fossero riconosciute come licenza matrimoniale. Credo che il riconoscimento della licenza dipenda dal datore di lavoro (perciò non prendetela come prassi comune), ma a lui l'hanno accordata previa presentazione del certificato di matrimonio autenticato (il primissimo documento in inglese che si richiede una volta tornati a casa). Quando poi il tutto sarà trascritto in Italia, dovrà presentare anche il certificato in italiano che attesta l'avvenuta trascrizione.
    Grazie ancora!
    Laura


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Laura, è un vero piacere leggere le tue parole. Sprona la condivisione e l'aggiornamento di questo post. Buona serata, Elena

      Elimina
  61. ciao, anche io mi sono sposata a las vegas in agosto.
    allora,ho richiesto il certificato di matrimonio e l'apostille, fatto la traduzione giurata e portato tutto in comune. in comune mi hanno detto che no possono trascrivere il matrimonio perché manca la licenza di matrimonio e la traduzione, vi risulta così anche a voi? potete aiutarmi per favore?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. prima di sposarsi ci si reca all'ufficio matrimoni dove rilasciano la licenza...da lì poi si passerà al certificato (quello completo, non solo il souvenir) dopodichè apostille, traduzione ecc....i passaggi son stati questi anche per te? senza licenza nemmeno avrebbero potuto sposarti, in forma legale diciamo.

      Elimina
    2. Abbiamo fatto la licenza a LV, ci siamo sposati e una volta in Italia abbiamo richiesto il certificato e l'apostille. non abbiamo una copia autenticata della licenza attualmente, che è quella che ci contestano in comune. Nella lettera di rifiuto del comune hanno fatto un copia/incolla dei documenti che richiede il consolato. Mah

      Elimina
    3. io non faccio molto testo, innanzitutto perchè già dopo un anno mi son dimenticato ( :) ) e poi perchè il ragazzo che ci ha sposato è stato così gentile da toglierci un passaggio e andare lui a portare certificato ecc...quindi, dopo le nozze, abbiamo atteso a casa l'apostille e fatto tradurre il tutto, poi consegnato in Comune.
      Però io avevo la licenza in originale...avevo due copie di tutto, in originale

      Elimina
    4. ciao dora,
      se ti puó essere utile io ho richiesto online la licenza di matrimonio autenticata nello stesso momento (e stesso sito) in cui ho richiesto il certificato di matrimonio. Mi sono infatti arrivati insieme via posta. Dopo aver ottenuto anche l'apostille, ho fatto tradurre il tutto da un traduttore giurato e portato il tutto al mio comune di residenza. Gli addetti del comune si sono messi in contatto con l'Ambasciata di Los Angeles ed hanno controllato che tutti i documenti andassero bene. Sul sito dell'Ambasciata c'è scritto di fornire certificato e licenza autenticati e tradotti, quindi è probabile che il tuo comune non abbia ricevuto l'ok da parte dell'Ambasciata perchè mancava un documento.

      Elimina
  62. Ciao a tutti.
    Nessuno sa dirmi (o ha avuto un caso simile) nella circostanza che lo sposo sia Italiano e la sposa di altra nazionalita' e gia' sposati nel paese di resideza della sposa (ma non in Italia), cosa succede?
    E' ancora possibile il matrimonio a L. V. e poi registrarlo in Italia?

    Grazi a tutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, siete già sposati.
      Puoi fare una messa in scena senza valore e senza documenti.

      Elimina

Torna su