Enjoy food, travels and life

Come anticipavamo su Facebook qualche giorno fa questo è stato in assoluto il nostro viaggio dei record. Questo è quanto scrivevamo:
"Il viaggio dei nostri record:
4 Stati;
6 cambi di fusi orari;
il punto più basso degli USA (-85,5 m s.l.m.);
il nostro punto più a ovest;
3300 3500 km percorsi sulle infinite strade americane;
maggior numero di chilometri a piedi;
record di sushi ingurgitato;
record di burritos, riso e fagioli ingurgitati;
record di parchi visitati;
e il resto continueremo a raccontarvelo al nostro ritorno. :-)"

E ora, pronti? Via!

Si parte dall'estremo sud della California e per la precisione da San Diego.

Immagine presa ed elaborata da Google Maps.

Dopo un volo da Linate a Londra e altre undici ore di volo da Londra a San Diego siamo atterrati in questa città dal piacevolissimo clima temperato. In gennaio nelle ore più calde infatti abbiamo toccato anche i 22° C, la temperatura perfetta per chi vuole visitare una città in santa pace macinando chilometri di strada. Leggendo però la guida abbiamo capito che qui il clima è mite in gran parte dell'anno e in estate le temperature non sono mai straordinariamente alte per una città che praticamente è alle soglie del deserto.

I primi due giorni però sono stati quelli che ci hanno dato le condizioni meteo peggiori. Temperatura piacevole sì, ma con una sottile pioggerella che ci accompagnava ovunque andassimo.
Ed è proprio quello che si vede nelle prime foto scattate in corrispondenza di Balboa Park, una vera e propria oasi cittadina dove si trovano bellissimi giardini e percorsi in mezzo al verde, musei, edifici storici e il famoso zoo.

Cosa fare e vedere a San Diego in California USA - Visit San Diego to see and to do

Balboa Park si raggiunge agevolmente dal Downtown sia a piedi che in macchina (parcheggio gratuito), che coi mezzi pubblici.


Fra i vari musei che la zona offre abbiamo scelto di visitare il Museum of Man all'interno del California Building e il Museo delle torture (nell'edificio di fronte). Il Museo delle torture esponeva una collezione italiana di strumenti di tortura, mentre il Museo dell'uomo racconta l'evoluzione dell'uomo ed espone anche alcuni sarcofagi egizi e oggetti e ricostruzioni Maya. Per visitare entrambi i musei il costo del biglietto è stato di 20 $ a testa.


Lo Zoo di San Diego (che noi non abbiamo visitato) è uno dei più grandi e famosi zoo del mondo. Si dice infatti che ospiti quasi quattromila animali di più di ottocento specie diverse, sviluppandosi su una superficie davvero ampia. È uno dei pochi zoo al mondo in cui si può vedere un panda. Il biglietto di ingresso è di 40 $ ma si può scendere a 35-37 $ tramite convenzioni di alberghi, ostelli eccetera.

Un consiglio che ci sentiamo di dare a chi vuole visitare San Diego è quello di soggiornare nel Downtown, in particolare nel quartiere di Gaslamp, fulcro dell'intrattenimento turistico e zona davvero caratteristica. Durante tutto il giorno è infatti qui che pulsa la vera San Diego, dalla mattina a notte fonda. Le strade e i locali sono sempre affollati ed è qui che si può assaggiare ogni genere di cucina: dalla classica, intramontabile e onnipresente cucina messicana, a quella americana tradizionale, a quella indiana e giapponese. Non c'è che l'imbarazzo della scelta.

Il nome Gaslamp del quartiere si riferisce alle lampade a gas presenti in città proprio agli inizi del secolo. Con l'arrivo dell'illuminazione elettrica furono poi sostituite ma quattro nuove lampade a gas si trovano adesso all'incrocio tra Market Street e la 5th Avenue (zona dove dormivamo noi) proprio per ricordare quel periodo.


Ai margini del quartiere Gaslamp si può visitare il Petco Park, lo stadio dei San Diego Padres.


Una zona che ci è piaciuta un sacco e di cui purtroppo la nostra guida diceva poco o nulla è il SeaPort Village e tutto il lungomare (o meglio lungoceano) a cui si accede dalla zona del Downtown in prossimità del Centro Congressi.



Il SeaPort Village è un piccolo centro turistico composto da casette in legno coloratissime, ricco di negozietti e localini dove mangiare direttamente affacciati sull'oceano. L'interno di questo "villaggio" è ricco di verde e ben curato. La zona è molto frequentata la mattina presto dai cultori dello sport e durante il giorno da turisti e amanti del mare. La sera in inverno (in estate non sappiamo) la zona però si svuota, i negozi e locali chiudono e la faccenda si fa più triste. Meglio spostarsi nel Gaslamp più vitale e decisamente più affollato.


Lungo questa passeggiata c'è la possibilità di visitare la portaerei USS Midway. Beh, non capita tutti i giorni e così noi ci siamo andati. All'entrata un gruppetto di veterani/volontari di una certa età spiegano con dovizia di particolari tutta la storia di questa nave, le sale, i comandi, le strategie e la vita di chi ci viveva sopra. Sopra il ponte principale si possono ammirare diversi tipi di aerei storici e diversi tipi di elicotteri. Entrata per adulti 19 $.
Dopo Pearl Harbor San Diego infatti divenne uno dei più importanti siti militari statunitensi, con numerose basi della Marina e dei Marines.


Qualche centinaio di metri più avanti si possono ammirare una serie di velieri, un sottomarino e una serie di imbarcazioni particolari. Ci sono anche delle barche che portano fuori dalla baia a fare whale watching (ovviamente nei mesi giusti e gennaio è uno di quelli).


Giusto per la cronaca San Diego ha anche un piccolo quartiere italiano come al solito denominato "Little Italy". Ecco l'entrata:


Un'altra zona bellissima che ci sentiamo vivamente di consigliare di visitare è la penisola di Coronado. E' lunga quasi venti chilometri ed è famosa per la presenza di una delle più importanti basi della U.S. Navy (ve ne accorgerete senz'altro quando sarete nelle vicinanze) e per l'omonimo Hotel del Coronado (qua sotto).


Per arrivare a questa penisola in macchina occorre attraversare il Coronado bridge, lungo e spettacolare ponte che dal Downtown arriva fino all'arteria principale della penisola.
Ecco un paio di immagini dello skyline di San Diego dalla penisola:


Chilometri e chilometri di spiagge circondano questa penisola; quella di Ocean Beach e Pacific Beach sono fantastiche e sono meta di surfisti e di amanti degli sport acquatici.



E visto che questa era il nostro primo appuntamento con l'oceano Pacifico, che per altro ci ha accolto con una splendida giornata, potevamo noi non "pucciarci" dentro i piedi? Eh no è!
La temperatura in pieno gennaio? In Italia abbiamo sentito molto di peggio, ve lo assicuriamo!


Terminiamo il racconto con una cosa che in realtà sarebbe dovuta andare in apertura, ossia il nostro viaggio in taxi dall'aeroporto a destinazione. Piccola premessa: essendo San Diego a circa venti minuti dal confine col Messico, prima di partire avevamo già fatto un pensierino sul farci una piccola capatina. Ebbene, la prima cosa che ci ha detto il tassista appena saliti in macchina, senza che noi dicessimo niente, è stata di non andare in Messico in quanto poteva essere molto, molto pericoloso. Ci ha raccontato di poliziotti messicani corrotti che ti mettono addosso droga e ti lasciano andare solo dopo pagamento di mazzetta e di fuorilegge che ti rapinano e ti sequestrano. Diciamo solo che abbiamo rinunciato senza pensarci troppo su. ;-)

29 commenti:

  1. carissima, ho visto che sei tornata, ma ancora non ho trovato il tempo per leggerti e scriverti con tutta calma, aspettami che arrivo perchè non voglio perdermi nulla ma proprio nulla dei tuoi racconti e le foto.
    bacioni

    RispondiElimina
  2. Posso piangere? Ti giuro che ho le lacrime agli occhi...perché in viaggio di nozze sono andata in California e Nevada e San Diego è stata con molta probabilità la tappa preferita. Riviverla per un attimo attraverso le tue foto e il tuo racconto mi ha messo una nostalgia che non ti immagini. E' una città che spesso viene snobbata dai turtisti italiani ma è spettacolare: vivibilissima a differenza di altre città americane, variegata per paesaggi, cultura, arte, cibo, divertimento. Noi ce la siamo girata tutta con i mezzi pubblici e a piedi, scoprendola pian piano con il solo aiuto di una mappa, ed è stato bellissimo. Non siete stati in Old Town? Noi ci siamo finiti per caso, alloggiavamo lì (quando in verità dovevamo alloggiare in Downtown ma questa è una lunga storia :P): è il quartiere messicano della città, un luogo tranquillo, gioioso, pieno di negozietti e ristorantini niente male, gente cordiale, feste in stile messicano alla sera, davvero bello!
    Grazie per avermi fatto rivivere quei momenti! E ora attendo il resto del racconto :)

    p.s. anche a noi avevano caldamente raccomandato di evitare di varcare il confine e ce l'aveva detto anche un messicano che viveva a Los Angeles...sì direi che ci hanno convinti senza pensarci troppo :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah dimenticavo, il clima era così anche a settembre: nuvoloso al mattino, sole al pomeriggio, temperatura mite, senza picchi...volevo fare il bagno nell'oceano ma mica ce l'ho fatta!! Ahahah

      Elimina
  3. Ma che meravigliaaaaa cari avete fatto una zonzolata stupenda *_* La spiaggia e incredibile sono rimasta sbalordita, e che bella San Diego mi piacerebbe andarci un giorno. Ammazza non credevo che il Messico fosse così pericoloso!!.Grazie di aver condiviso questo splendido viaggio con noi.Bacioni

    RispondiElimina
  4. I vostri racconti sono sempre entusiasmanti, coinvolgenti... hanno il potere di trasportare letteralmente nel luogo che avete visitato... davvero! <3 Vi ringrazio per aver condiviso tutto questo, le foto sono magnifiche e il viaggio deve essere stato da sogno, spero di visitare questi posti un giorno! :D Ocean Beach (e non solo) mi ha incantato :D 6 cambi di fusi orari... caspita! :D Un abbraccio grande e bentornati, bacione! :**

    RispondiElimina
  5. Wow, questa sì che è una zonzolata reale! Bravi, mi piace viaggiare con i racconti degli altri. La mia valigia virtuale è a bordo, sono in viaggio con voi!!!!

    RispondiElimina
  6. Wow cara che fantastico viaggio! Grazie mille per aver condiviso questa meravigliosa avventura! Le foto sono fantastiche, proprio un viaggio da sogno! Complimenti!
    Bacioni

    RispondiElimina
  7. Vi dico la verità, a me gli States non mi attirano più di tanto, però se continuate così con il vostro reportage mi sa tanto che alla fine mi toccherà includerli nei posti da vedere....come se fossero pochi :)
    Un abbraccio bimbi, bravi!

    RispondiElimina
  8. Che malinconiaaaaaaaa!!! Ve l'ho detto il mio viaggio di nozze partì da lì, noi soggiornavamo all'Hyatt proprio al Seaport Village, anche noi niente Messico, ma ce lo siamo goduto ugualmente perchè il Camino Real è ricchissimo di chiese "messicane"... i burritos.... vabbè basta, voglio partì, altro che Zonzolata da sogno! Un bascio

    RispondiElimina
  9. E sempre un piacere leggere delle vostre zonzolate...aspetto il seguito...bellissime le foto complimenti :)
    ciao
    Carmen

    RispondiElimina
  10. Welcome back!
    Che bello leggere e vedere il vostro viaggio. In attesa di vederci di persona mi leggo tutto, da cima a fondo.
    A presto!

    RispondiElimina
  11. Che belle foto, che cielo limpido, il sooooooooole!!! La prossima volta portate anche me? Un abbraccio!

    RispondiElimina
  12. Bentornata! CHE MERAVIGLIA *_*

    RispondiElimina
  13. sono gia' in preda all'invidia!!! quella buona certo:) e anche curiosa di vedere altre foto perche' mi sembra di viaggiare con voi!
    pero' non pensavo fosse cosi' pericoloso passare in Messico!!!

    RispondiElimina
  14. l'ho dovorato questo tuo post! stiamo facendo un pensierino per andarci qst estate (lato economico permettendo...) e quindi è ancora più gradito!
    ps: complimenti per lo stacco di coscia ;-) I burritos te li puoi permettere eccome!! :-)

    RispondiElimina
  15. Che voglia di partire....posti magnifici e assolutamente da vedere e vivere!!!!
    Fede

    RispondiElimina
  16. Bellissimo viaggio e che foto complimenti e grazie che ci dai la possibilità di condividere con noi tutto questo. Buona serata.

    RispondiElimina
  17. Grande viaggio, splendide foto e ottimo reportage... insomma... quando vedo queste meraviglia quasi quasi la voglia di rifare le valige per l'America mi torna... ma questa volta con la reflex a tracolla.. purtroppo quando guardo le foto di Los Angeles mi prende proprio male... allora avevo una mini compatta e un cellulare..[piango]... mi godo le vostre con grande affetto! splendido post! bacione :**

    RispondiElimina
  18. Mamma che bei posti!!
    Per un attimo ho sognato di essere lì con voi!!
    Grazie come sempre per il reportage e per le stupende foto!!
    Un bacione e buon fine settimana
    Carmen

    RispondiElimina
  19. E questa è solo la prima tappa?
    Veramente meravigliosa ................ viaggiare è meraviglioso, ti ringrazio per farci viaggiare almeno virtualmente
    grazie
    Manu

    RispondiElimina
  20. Che viaggio ragazzi!!! Complimenti!!! :)
    La prossima settimana, salvo imprevisti dell'ultimo secondo, parteciperò al vostro giveaway! ;)
    Buona domenica!

    RispondiElimina
  21. Wow la prossima volta mi nascondo nella vostra valigia, complimenti per questo mega viaggio e volevo anche comunicarvi che vi ho segnalato come blog del mese nella mia rubrica sul mensile Piu Dolci di marzo :-D:-D:-D! Baci, Imma

    RispondiElimina
  22. Ciao!!! Ti ho trovato su di più dolci di marzo e ti sono venuta a cercare! :)
    Complimenti per il blog e soprattutto per i tuoi post sui viaggi :) davvero unici!!!
    Passa a trovarmi!! www.blondescake.com

    Un abbraccio
    Giulia

    RispondiElimina
  23. Che spettacolo questo reportage! San Diego mai stata ma dopo questo entusiasmo , quanto vorrei visitarla! Bellissime le vs foto!

    RispondiElimina
  24. che viaggio da capogiro e che splendido reportage...ti avrei fatto volentieri compagnia in questa fantastica avventura...bacino

    RispondiElimina
  25. belo bello bello! sono super gelosa. non vedo l'ora di leggere ancora! un bacione

    RispondiElimina
  26. Che meraviglioso viaggio.......come vi invidio, splendida esperienza!!! Meno male che sei un'ottima reporter così tra foto e racconti, questo viaggio me lo godo anch'io!!!
    Grazie del commento a Birba.
    Baci e buon proseguimento.

    RispondiElimina
  27. Amici vorrei ringraziarvi uno per uno delle bellissime parole che spendete ogni volta che passate di qua. Siete sempre tutti gentilissimi :-) Purtroppo non riesco in questo periodo a stare dietro al blog come vorrei e dovrei.
    Confido nella vostra pazienza. Sappiate però che potessi vi porterei tutti in valigia con me :-) Bacioni!!!

    RispondiElimina
  28. Wow... e ancora wow!!! Un viaggio incredibile, anche io non vedo l'ora di leggere il seguito.... complimenti, grazie alle vostre parole e alle vostre foto sono riuscita a immaginare di essere lì!! Buona giornata e a presto :-)

    RispondiElimina

Torna su