Enjoy food, travels and life

Chi non muore si rivede.
Anche se passa un bel po' di tempo.
E qui è passato oltre un mese e mezzo di tempo.
In sostanza è passato novembre, che non è stato un bel mese. Per niente.
Ma qui, in questa rubrica, per definizione le cose brutte non devono entrare, anche se segnano indelebilmente e hanno rese lunghe e difficili da scrivere queste box.
Ci ho messo un po' a riprendermi e a ritrovare la voglia di scrivere. I bei momenti li ho bramati e fotografati proprio per il motivo cardine che caratterizza questa rubrica: c'è sempre un buon motivo per trovare (o provare a trovare) il sorriso.
Non è stato facile, ma questo esercizio del buon umore è davvero una manna e quindi, eccomi qua (dopo un sisma interno) a scrivere.
Spero che questo post sia utile e di spunto a tanti che si trovano in brutte situazioni, perché tanto non importa qual è il motivo che ci rende tristi, ma il fatto lo siamo. E bisogna venirne fuori. Punto.
Ho già scritto anche troppo di robe depresse. Dai Elena! Su! Vai con la frase di rito e tanti bei momenti! che ce ne sono stati comunque davvero tanti, tantissimi! :-)

Benvenuti al nuovo appuntamento con la "Zonzolando's Serendipity Box", la scatola che serve a ricordare i piccoli grandi piaceri della vita, cogliendo il meglio di ciò che ci offre.

Troppo spesso infatti le nostre giornate sono riempite di pensieri e preoccupazioni (o vere e proprie sfighe talvolta) tendendo a dimenticare il bello che nella vita c'è. Sempre!
Con questa scatola voglio immortalare, se non tutto, gran parte delle cose belle che riempiono la mia/nostra vita quotidiana (ma che potrebbe essere anche quella di tutti), dalle grandi alle piccole cose che ci rendono felici e, ancora meglio, sereni. O che come in questi casi, rasserenano giorni bui.

Riprendo dalla ultima box e proseguo con la Serendipity Box n° 212:
  1. Una bellissima passeggiata con Massi al lago. Mettersi a giocare con due anatre che avevano trovato una mela che non riuscivano a mangiare perché troppo grande e scivolosa. Aiutarle a farcela.
  2. Pensare agli altri, pensare agli amici. Fare regali e impacchettarli.
  3. Le cene con loro, le risate. Quante risate! Non vedo l'ora di rivederli tutti presto!
  4. Quando dico a Massi di prendere il dolce, che io sono piena, per poi mangiargliene metà e lui non fa una piega. Ehm... quasi sempre dai. ;-)
  5. Le passeggiate nel bosco dopo la tempesta che ha imperversato sul Trentino. Una scuola di vita. Laddove c'era un bel sentiero, c'erano alberi abbattuti, tronchi spezzati, rami ovunque, un tratto impraticabile e pericoloso. La soluzione? Non guardarsi indietro, ma andare avanti. In qualche modo, anche se la strada sarà difficile e impervia. Dopo, una volta superati gli ostacoli, anche pericolosi, c'è la soddisfazione di non aver mollato e di aver fatto anche questa esperienza. Sempre io e lui fianco a fianco ad aiutarci.
  6. Una ratatouille in preparazione, mele in camicia ed un amico zonzolone a cena.
  7. L'incredibile livello di tecnologia a cui siamo arrivati e che ci rende la vita molto più semplice.

La vita mi mandava segnali per addestrarmi a viverla al meglio anche nelle situazioni più difficili nella Serendipity Box n° 213:
  1. Il colore del Lago di Garda dopo le piogge incessanti e la riapertura della paratia di sversamento che permette di salvare aree da esondazioni e anche vite umane. Il caso aiuta chi è preparato diceva Pasteur.
  2. Il gusto delle cose semplici, semplicissime, eppure così buone. Camperei di zucche.
  3. Il senso di eccitazione che mi pervade ogni volta che entro in pasticceria. Liberare la fantasia, seppur nel rigore di ricette precise. Forse è proprio per questo che la amo.
  4. Tornare (ehm... cercare di tornare) a casa di notte dopo una giornata infinita e trovare la strada di casa, completamente bloccata. Attendere, attendere e attendere ancora, per poi sentirsi dire "o dorme in valle come ormai stiamo consigliando di fare a tutti, oppure prende quella mulattiera che sale di là..." Non mi sono arresa, mi sono armata di coraggio e fra buio pesto, pioggia, nebbia, strada sdrucciolevole, ramaglie cadute sulla carreggiata, torrenti sulla strada, tornanti da fare in prima ho preso la mulattiera. Perché io... c'avevo da dormì fra le braccia del mio Massi.
  5. L'amaro nello stomaco lenito dallo stare insieme e il dolce in bocca. Il gelato è sempre una buona cura.
  6. Una domenica uggiosa passata a fare i tortelli di zucca mantovani più buoni e belli del mondo. Va beh, insomma ci sembravano così.
  7. Passeggiare nel bosco in una giornata di sole con il foliage a terra. Meraviglioso.

Tanta resilienza (un termine che va di moda e che talvolta viene usato a sproposito) nella Serendipity Box n° 214:
  1. Plumcake di farina di castagne: sfornati e scomparsi.
  2. Sognare è bellissimo! E non costa nulla... o quasi dai!
  3. Le orchidee che crescono steli floreali in tutti i vasi che abbiamo. Non vedo l'ora che fioriscano.
  4. Dopo aver odiato il 216, il 21, l'11, lo 0,2, e il 14 posso dire: I have had a dream, but it did not come true; anyway it was nice to dream.
  5. Ho scoperto una cosa nuova: anche lasciare andare tutto il dolore e accettarlo è un momento di serendipity. (Visto a posteriori)
  6. Occupare la testa in una marea di panne cotte buonissime.
  7. Giornata di sole, cielo terso, Massi al mio fianco (che se non lo avessi non so che farei), la giusta musica nelle orecchie a palla, camminare avanti come solo nella vita si può fare, e il sole che torna anche dentro.
  8. Mi è apparso un sorriso anche sui compiti in classe. A voi il prof ve l'ha mai disegnata una emoticon sul compito? Top!

Rialzarsi per correre nella Serendipity Box n° 215:
  1. Io, il mio Massi, un giro in centro e uno spuntino che sapeva di tartufo.
  2. Passare una serata dedicata a degustare eccellenze trentine. Ma quanto sono belle queste iniziative!
  3. Conoscenza non ti temo, anzi ti bramo.
  4. La scoperta dell'isomalto. Sperimentare con mousse al cioccolato e decorazioni nuove. Giocare col cibo ma sempre con tanto rispetto.
  5. Degustazione di mieli. Ho scoperto che vado pazza per quello al rododendro.
  6. Esiste un più bel saluto al giorno vissuto che la visione di un tramonto? O anche di un cielo super stellato?
  7. Questi due bricconcelli, Sofy sulla sinistra (che non stava ferma manco a pagarla) e Docs sulla destra (che invece si è messo in posa subito) hanno avuto tre splendidi cuccioli di cui ho già parlato al punto 4) della Serendipity Box 210, e sono due genitori fantastici.
  8. Uno dei tre è l'ultima arrivata in casa Zonzolando. Si chiama Laika, è una forza della natura, morde tutto, mangia tutto, ha paura di tutto, corre come una forsennata e dorme l'istante successivo, gioca e litiga con se stessa allo specchio, fa la pipì in giro quando è emozionata o tanto felice (altrimenti ha già imparato dove farla), segue il suo papone nelle nostre lunghe passeggiate con una energia che ci ha lasciati di stucco, impara alla velocità della luce ed è impossibile non amarla dal primo istante. Lei è stata la casuale, definitiva ed esplosiva ragione che mi ha fatto tornare il sorriso.

L'aforisma per questi ultimi giorni trascorsi è una frase :
"Un vincente trova sempre una strada, un perdente trova sempre una scusa."
(Lao Tzu)

Ecco, visto il post chilometrico mi son detta a rilettura fatta, che forse sì, il blocco dello scrittore m'è passato. Forse...
Buon tutto! Nonostante questo 2018 sconclusionato.


4 commenti:

  1. Bentornata è sempre un piacere vedere i tuoi serendipity sulla vostra vita

    RispondiElimina
  2. Ciao tesoro, bentornata. Mi dispiace per i brutti momenti, sei una donna forte e si vede anche dalla voglia che hai dimostrato di non lasciarsi andare al dolore ma riprendersi e cercare sempre il bello della vita.
    Che amore quella patatona pelosa, io passerei tutto il giorno a giocare con lei e a coccolarla. Tutta ba riempire di baci e di coccole

    RispondiElimina
  3. Bentornata cara spero che i brutti momenti siano ormai alle spalle e come dice elenuccia sei una donna forte. La patatona pelosa piace anche a me da matti come tutte il resto. Buona fine settimana un abbraccio.

    RispondiElimina
  4. non so cosa sia successo ma ti mando un abbraccio grande! poi, come dici tu, alla fine questo è il posto delle sole cose belle... e menomale che c'è! è sempre un momento gioioso leggerti e vedere le tue foto che parlano, comunque e in ogni caso, di amore per la vita. a presto cara, buon inizio settimana!

    RispondiElimina

Torna su