Enjoy food, travels and life

Quando Alessandro, studente universitario che durante gli studi di web marketing ha deciso di creare un sito per provare a mettere in pratica quanto studiato, mi ha contattata per propormi di pubblicare un post interamente dedicato all'ESTA ho pensato che era davvero una buona idea.
Per chi ancora non lo sapesse l’ESTA è un documento che consente di recarsi negli Stati Uniti senza dover richiedere un visto.
Alessandro ha riepilogato tutti i passaggi per ottenerlo e ha persino realizzato un'infografica riepilogativa.
Potevo non pubblicare un post tanto utile? No è!
Ecco qua sotto il suo guest post:

Chi guardando un film o una serie tv americana non ha mai desiderato fare un viaggio negli States?
Fin da piccolo, oltre a voler giocare a calcio in ogni momento, ho sempre amato viaggiare. Sono sempre stato affascinato dai grattacieli, e crescendo in particolare da New York e dalle ambientazioni dei film di Woody Allen. Credo che gli Stati Uniti oggi siano un po’ come l’impero romano al tempo dei romani, quindi non appena ne avrò la possibilità farò un bel viaggio negli USA, che per chiunque ami viaggiare rappresentano una tappa obbligatoria.

Per poter fare un viaggio turistico negli Stati Uniti però è necessario essere in possesso di un’autorizzazione rilasciata dal Governo degli Stati Uniti: l’ESTA.
Dal 2009 infatti per potersi imbarcare su un aereo o su una nave diretti negli USA è necessario essere in possesso di un ESTA, acronimo di Electronic System for Travel Authorization, il sistema elettronico per l’autorizzazione al viaggio. Grazie all’ESTA è possibile fare un viaggio negli Stati Uniti senza dover richiedere un visto: l’ESTA infatti fa parte del Visa Waiver Program, il programma di viaggio senza visto del Governo degli Stati Uniti.

È possibile usufruire del Visa Waiver Program solamente se si soddisfano le seguenti richieste:
  1. lo scopo del viaggio dev’essere turismo o affari;
  2. la durata dev’essere inferiore a 90 giorni;
  3. il passaporto dev'essere elettronico e in corso di validità. Mentre fino a poco tempo fa era possibile usufruire anche di altri tipi di passaporto, dal primo aprile 2016 l’unico accettato è quello elettronico, dotato di un microchip inserito nella copertina. Lo scopo del microchip è di consentire agli agenti di sicurezza statunitensi di verificare l’identità del viaggiatore attraverso la foto e le impronte digitali che esso contiene. Il passaporto elettronico è facilmente riconoscibile dal logo sulla parte bassa della copertina.
  4. avere la cittadinanza italiana o di uno dei 38 paesi che fanno parte del Visa Waiver Program.
Se non si soddisfano queste richieste l’ESTA verrà negata, e per poter entrare nel Paese sarà necessario richiedere un visto.

L’autorizzazione al viaggio va richiesta sul sito ufficiale del Governo statunitense compilando il modulo online. Per la compilazione del modulo è necessario avere a portata di mano il passaporto e una carta di credito.
Il costo dell’ESTA è di 14 dollari, da pagare alla fine della compilazione del modulo con una carta di credito.

Terminata la procedura ed effettuato il pagamento sarà necessario attendere la risposta: nella maggior parte dei casi si riceve l’autorizzazione approvata in pochi minuti, ma in alcuni casi è possibile che siano richiesti maggiori controlli ed è garantita una risposta entro le 72 ore. Per questo motivo il Governo degli Stati Uniti consiglia di fare richiesta almeno 72 ore prima del viaggio, in modo da evitare spiacevoli inconvenienti.
Nel caso in cui l’autorizzazione venga negata per poter accedere al territorio statunitense sarà necessario ottenere un visto, per cui è sempre meglio richiedere l’autorizzazione nel momento in cui si decide di effettuare il viaggio.

L’autorizzazione ha una durata di due anni durante i quali l'ESTA è riutilizzabile per altri viaggi negli States, purché si rispettino sempre le condizioni imposte dal Visa Waiver Program. Qualora durante questi due anni il passaporto perdesse la sua validità, al decorrere della data di scadenza perderà di validità anche l’ESTA.

Una volta sbarcati nel Paese sarà sufficiente superare l’ultimo controllo dell’agente di sicurezza e potrete godervi il vostro viaggio negli Stati Uniti.


Adesso che grazie ad Alessandro sapete tutto sull'ESTA non resta che richiederla e poi partire!

A me non resta che augurare di cuore ad Alessandro di poter intraprendere il viaggio (zonzolata) dei suoi sogni negli States, fargli un grande in bocca al lupo per i suoi studi e ringraziarlo infinitamente per questo prezioso post.
A presto!

1 commento:

Torna su