Enjoy food, travels and life

Da piccola sfogliavo i petali delle margherite per sapere se i bambini che mi piacevano mi amavano oppure no. Eh già, mica che mi accontentavo di uno solo; solo successivamente ho realizzato che uno bastava e avanzava, ma queste sono altre storie.
Petalo per petalo (in realtà fiore per fiore visto che si tratta di un'infiorescenza) sfogliando dicevo: "M'ama, non m'ama, m'ama, non m'ama..." con risultati non sempre soddisfacenti purtroppo, anche dal punto di vista ambientale poiché andavo avanti finché non mi stufavo, radendo al suolo prati fioriti.

Spaghetti bucatini all'amatriciana ricetta tradizionale pasta bacon tomato amazing recipe homemade

Da grande, ora che l'amore l'ho trovato, sono passata a dilemmi ben più profondi e atavici ossia: nell'amatriciana "cipolla o non cipolla"? E il vino? Spaghetti o bucatini? Guanciale a cubetti o listarelle?

Non aprirò, né chiuderò certo la diatriba infinita sulla vera ricetta (che parolona!); nemmeno gli chef stellati sono d'accordo: "la mia è più tradizionale della tua", "la mia è quella che faceva il mio prozio di trecento anni fa", "la mia è quella pubblicata sul sito del Comune di Amatrice dove c'è pure il vino", "la mia però è più buona", "vade retro cipolla!", "guanciale über alles", "nella mia ci vanno i bucatini", "la mia gnè gnè gnè".
Oddio che stress!

Ora mi chiedo: ma se esistono più ricette con meno di dieci ingredienti della vera amatriciana che stelle nell'universo, chi sono io per poter pubblicare una ricetta tanto discussa magari dicendo pure che rasenta anche solo lontanamente quella originale (e vai con un altro parolone)?
Insomma, come si fa a decidere come preparare l'amatriciana in casa Zonzolando attenendosi il più possibile a quella che pare della tradizione senza incappare nel linciaggio, ma che sia soprattutto buona?

Niente di più semplice!
Nei casi più difficili, spietati e pericolosi c'è solo una cosa da fare: ricorrere al metodo più
- sicuro,
- scientificamente approvato e comprovato,
- obiettivo,
- inconfutabile e
- assolutamente infallibile:
il caso!

Il tiro della monetina mi pareva poco romantico e così ho rispolverato i vecchi metodi infantili (i puristi fibonaccesi chiudano un occhio): mi sono dotata di un bel mazzetto di margherite e mi sono data al: "Cipolla, senza cipolla, cipolla, senza cipolla...", "Vino, non vino...", "Spaghetto, non spaghetto..."
Risultato?
Cipolla!
Non vino!
Spaghetto!
Cubetto!
L'ha detto la margherita!

Basta diatribe, basta pareri; da oggi si chiude (almeno in casa mia) questo dubbio che fa più fazioni che una partita di calcio. Nell'amatriciana di Zonzolando la cipolla ci va, magari giusto un pezzetto, giusto il profumo, ma ci va, il vino no, lo spaghettone sì, il bucatino che col risucchio non viene su no, e via libera al cubetto di guanciale!
Punto e accapo. So easy!


Al di là di ogni dubbio una cosa è certa: l'amatriciana deve essere bella, abbondante, carica, saporita e profumata. Un piacere della tavola che tutto il mondo ci invidia, giustamente!
Bando ad ulteriori ciance e "annamo" diretti alla ricetta della margherita/caso! :-)

Spaghetti all'amatriciana

Preparazione: 10 min.Cottura: 20 min.Riposo: nessuno
Porzioni: 4 Kcal/porzione: 750 circa
Ingredienti:

  • 400 g di spaghetti grossi
  • 150 g di guanciale tagliato spesso
  • 1 pezzetto cipolla piccola (facoltativa)
  • 6 pomodori San Marzano (o 400 g di pelati)
  • 1 cucchiaino di strutto (in alternativa 1 cucchiaio di olio)
  • 1 peperoncino intero secco
  • 100 g di Pecorino di Amatrice (non troppo salato né troppo stagionato)
Preparazione:

  1. Sbollentare i pomodori incisi superficialmente per spellarli facilmente, poi tagliarli a cubetti.
  2. Fare sciogliere in una padella (di ferro dicono che sia meglio) lo strutto, unire la cipolla tritata finemente, il peperoncino e poi il guanciale pulito dalle parti più gialle e secche e tagliato a cubetti. Rosolare il tutto per qualche minuto sino a che il guanciale sarà dorato.¹
  3. Buttare gli spaghetti in abbondante acqua salata bollente.
  4. Togliere il guanciale e tenerlo da parte in modo che non si stufi in cottura ma che rimanga croccante.
  5. Unire i pomodori in padella, o in alternativa i pelati e lasciare cuocere per 10 minuti circa, poi togliere il peperoncino. Unire il guanciale.
  6. Scolare la pasta al dente e versarla in padella con il sugo.
  7. Versare il formaggio grattugiato, mescolare accuratamente per amalgamare il tutto e servire subito.
Note:

  1. Se gradito aggiungere anche un goccio di vino bianco al soffritto.
www.zonzolando.com © - All rights reserved

Come si fa a non amare un piatto del genere? Per me è una delle ricette a cui davvero non so dire di no, non so resistere al suo profumo e al suo gusto; l'amatriciana è un piatto per cui so che difficilmente potrei convertirmi al vegetarianismo.


L'amatriciana secondo me è un piatto in cui una volta nella vita bisogna affondare i rebbi di una forchetta, che bisogna assolutamente provare; son cose, è buona vita!

41 commenti:

  1. Anch'io cipolla, guanciale a tocchetti e niente vino! Direi che siamo in linea e...vengo a pranzo da te? ;-) un beso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti aspetto! Io replico sempre volentieri :-) Un abbraccio

      Elimina
  2. Sei eccezionalmente straordiaria nello scrivere, nel raccontare "grandi dilemmi", cucinare e fotografare, da Treef, le migliori. Un abbraccio e buona Pasquetta. NI

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio ma mi fai arrossire con tutti questi complimenti. Grazie davvero di cuore, sei carinissima!

      Elimina
  3. ma che coincidenza...proprio poco fa parlavamo con Ervin di fare una bella spaghettata all'amatriciana per domani! Leggendo in Internet mi sono documentata: in teoria la ricetta originale prevede gli spaghetti e non i bucatini, niente vino e niente cipolla ma guanciale a listarelle...ad ogni modo la tua ha un aspetto divino e me sbaferei anche adesso...anzi ne ho proprio una voglia esagerata! domani la faccio!

    RispondiElimina
  4. Risposte
    1. Sul sito ufficiale del comune di Amatrice il vino lo mettono, non so che dirti, ognuno ha la sua. Ad ogni modo credo che sia sempre buona e valga la pena provarle tutte ;-) Bacioni cara!

      Elimina
  5. Anche io lo faccio proprio come te!!!!ti abbraccio mia cara spero tu abbia trascorso dei bei giorni ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissime giornata, un abbraccio :-)

      Elimina
  6. Buonissimo! Mi piace proprio così :-)
    E mi hai fatto tornare dietro nel tempo... M'ama non m'ama :-)
    Grande!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehehehe mi son divertita anche un pochetto ;-) Bacioni

      Elimina
  7. Cara Elena, solo tu con la tua simpatia ed ironia, potevi scrivere un post così scanzonato e originale sull'amatriciana ! Adesso ti manca quello sul pesto (aglio si o aglio no ?!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah grazie Cristina. Sul pesto ho già fatto un post e per me l'aglio, anche se poco ci va eccome. A me piace un sacco :-) Bacioni!!

      Elimina
  8. Moooooolto divertente e anche moooooooltissimo appetitoso :-)

    RispondiElimina
  9. matriciana doc! questa non sbaglia davvero :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. DOC o no proprio non lo so. so che a noi piace davvero ma davvero ma DAVVERO tanto ehehhehe

      Elimina
  10. Largo alle ricette consigliate dalla margherita :)
    Piatto favoloso... mamma mia che fame!!!!
    Un abbraccio, buona settimana!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se lo dice la margherita ci credo, con i morosetti non sbagliava mai... ;-)

      Elimina
  11. Solo una parola....splendida nella sua semplicitò...un abbraccio stefy

    RispondiElimina
  12. Yummyyy!!! uno dei miei piatti preferiti, io però lo preferisco senza cipolla e con dei fantastici spaghettoni Cavalieri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spaghettoni assolutamente grossi sì, con quelli fini non mi piace per niente! Bacioni

      Elimina
  13. ahahaha cara mi fai morire hai fatto benissimo ad affidarti alla margherita, non sbaglia mai!!! guarda che meraviglia che ti e' venuta ci affonderei la faccia da quanto mi piace.Baciiii!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahah faccia, forchetta, testa, tutto! Mi fai morire, sei fortissima :-) Bacioni anche a te

      Elimina
  14. La mia ricetta dell'amatriciana e quella gnè. gnè, gnè... e non si discute!!! Fantastica, tu e la tua ricetta margheritesca! Un bascione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah ognuno ha la sua gnè gnè allora ;-) Tutte buone, son sicura! Bacioni

      Elimina
  15. sembrano ottimi! mi farebbe molto piacere se passassi dal mio blog: http://golosedelizie.blogspot.it/ ti aspetto ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Contaci, non so se presto o tardi ma passerò :-) Ciao!!

      Elimina
  16. L'amatriciana è un classico irrinunciabile! Ottimi questi spaghetti...arriviamo con la forchetta pronta ;)
    baci baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vi aspetto volentierissimo :-) A presto!

      Elimina
  17. arrivo di certo tardissimo per una forchettata, anche a quest'ora la gradirei ! Buona settimana, un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è mai troppo tardi e come per le altre, ti aspetto volentieri!

      Elimina
  18. hai forografato la sola matriciana che vorrei mangiare fatta cosi nulla di più ne nulla di meno :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Carmine! Un complimento bellissimo!! :-)

      Elimina
  19. ahahaha passare dal m'ama non m'ama allo spaghetti o bucatini fa troppo food blogger! :D sei deliziosa zonzolina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha hai ragione!!! Grazie Elenina, sei un tesoro :-)

      Elimina
  20. Molto scanzonato il tuo post, l'ho letto tutto di un fiato. Ma dilemma o no, a me la matriciana piace proprio come l'hai preparata tu, il vino mi sembra che nasconda il sapore della pancetta e del pecorino che io voglio sentire. Ma i gusti son gusti....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere che la prepari come me, credo che intendessi guanciale comunque. Un abbraccio cara!

      Elimina
  21. Idem: spaghetto grosso,cipolla, non vino, una forchetta ed incominciare ad arrotolare= pura estasi. Ciao zonzolina bella.

    RispondiElimina

Torna su